Ξ 861 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[Alessandro Valenti] Un Viaggio

posted by VMStaff
  • Tiplogia: Drammatico
  • Durata: 11' 49"
  • Regia: Alessandro Valenti
  • Produzione: IMAGE & DREAMS di Alessandro Valenti
  • Trama: Un Ragazzo in fin di vita, il suo istinto di sopravvivenza e la provvidenza sono protagonisti di una narrazione sperimentale al confine tra immaginario ed immaginifico. "Nessuno si salva da solo", ma chi salverĂ  chi?
  • Cast: Elena Altamuda, Riccardo Carollo, Alessio Celsa
  • Link: Guarda Il Video
  • Link: Leggi Il Topic Sul Forum

Immergiamoci in questa nuova intervista con Alessandro Valenti regista de “Un viaggio“ per saperne di più sul suo lavoro.

VideoMakers.net: Ci parli di te e della tua “casa” di produzione?

Alessandro Valenti: Sono figlio d’arte. Mio padre (Pino Valenti) è stato scenografo e regista per la Rai TV dei tempi d’oro. E’ citato nell’enciclopedia dello spettacolo per molte sue opere tra le quali cito Melissa, Resurrezione, la fine di un regno, Sherlock Holmes, il commissario Maigret. Io non potevo non seguire le sue orme: Sono stato Operatore alla macchina prima, aiuto regia poi, ho studiato dizione e doppiaggio e poi, il grande amore per la regia e per l’insegnamento. Oggi insegno recitazione cinematografica e Dizione in una scuola di cinema di Palermo e cerco di valorizzare i giovani ed il loro talento. La Image & Dreams è una casa di produzione indipendente e totalmente autonoma. Nasce proprio con l’intento di voler aiutare i giovani talenti a mettere in atto le proprie idee pur mantenendo profili di produzione low budget o, quando possibile, zero budget. Prendiamo in considerazione il progetto, ne esaminiamo gli aspetti economici, lo “sfoltiamo”, la dove possibile, per poter rendere al massimo la fedeltĂ  alla sceneggiatura e cerchiamo soluzioni alternative per realizzare al meglio e con la minima spesa un prodotto competitivo. Lo abbiamo fatto giĂ  con “Stanza 17” nel quale ci siamo cimentati nel genere Horror ed ora con “Un viaggio” a tema sociale.

Alessandro Valenti - Un Viaggio

Alessandro Valenti - Un Viaggio

Alessandro Valenti - Un Viaggio

VM.net: Nella realizzazione di lavori a budget limitato cosa ritieni sia la carta vincente per a buona riuscita del film e, nello specifico di questo lavoro, cosa è stato determinante per la buona riuscita del progetto?

A.V.: Realizzare un lavoro low budget o zero budget è un’operazione non facile. In genere, se vuoi ottenere un prodotto professionale, devi avere uno staff valido (truccatrici, effetti speciali, fonici, operatori mdp etc..) per mia fortuna sono circondato da professionisti validissimi mossi da una passione talmente grande per il cinema che accettano anche di ridurre all’osso (e alcune volte a zero) i propri cachet pur di portare a termine un lavoro. Quindi posso affermare che per produzioni indipendenti low budget serve PASSIONE. L’amore per ciò che fai è una chiave importantissima in questo settore. Nel caso di “Un viaggio” abbiamo mantenuto questi canoni operativi. Altro risvolto importante è quello di non disperdere ne tempo, ne lavoro, ne materiali. Sembra assurdo, ma cerchiamo di avere una altissima percentuale di “buona la prima”. Facciamo un lavoro certosino in fase di pre-produzione per valutare tutte le sfaccettature. Un esempio: Se dobbiamo girare una scena che prevede la distruzione di un oggetto in scena e il budget ci ha costretti a non poter avere duplicati di quell’oggetto, siamo costretti a dover girare una sola scena che DEVE essere la “buona”. Insomma, una vitaccia! 🙂

VM.net: Ci dai qualche dettaglio “tecnico” sulla realizzazione? Potresti parlarci del tipo di attrezzatura utilizzato in tutto il corto?

A.V.: Tecnicamente abbiamo utilizzato due MDP Reflex (una Nikon D7000 ed una Nikon D750) due illuminatori a led a doppia temperatura. Per la ripresa audio abbiamo utilizzato un Tascam DR-40 con microfono Rode NT-G2. Per la post è stato utilizzato il SW Sony Vegas 13. C’è una caratteristica molto divertente che rende “un viaggio” un lavoro atipico. Avevo la necessitĂ  di creare un ambiente onirico. Bianco, ovattato, nebuloso, dove il fondo fosse assolutamente neutro per restare quanto piu’ fedeli possibile alla sceneggiatura. Grazie all’ amico e collega Nicolò Salerno (fotografo) abbiamo avuto in prestito la sua sala pose. L’unico problema era che per realizzare quello che avevo in mente ci sarebbe servito un “limbo” bianco che coprisse almeno 180°, invece avevamo a disposizione solo un fondale di tre metri per due. Allora, onde evitare sfori, invece di cambiare il piazzato camere abbiamo “girato” gli attori per ottenere campi e controcampi. Inoltre, abbiamo avuto parecchi imprevisti, compreso un faretto che si è bruciato e che ci ha costretti a compensare la mancata illuminazione in post. Ditemi se non ci vuole amore 🙂

Alessandro Valenti - Un Viaggio

VM.net: Nella realizzazione dei lavori low budget il coinvolgimento degli amici per la realizzazione è un fattore determinante. Ci parli della tua esperienza in merito?

A.V.: Dovrei fare una statua d’oro a chi mi collabora, ma anche in questo caso il budget non me lo permette. Parto dagli attori: Alessio Celsa, alla sua prima esperienza su un set, mio allievo ed oggi iscritto all’accademia di doppiaggio di Iansante e Pedicini. Elena Altamura, una ragazza talentuosa, solare e umile come poche Allieva della Gipsy Musical Academy di Torino così come Riccardo Carollo, stupendo interprete e flessibile attore. Poi c’è lui: Salvatore Ventura. Un attore Bravo come pochi, folle come un saltimbanco, sognatore come pochi e autore della sceneggiatura di “un viaggio”. Una penna felicissima che ho avuto il piacere di far diventare immagini. Nota di merito invece va al cast tecnico il make up di Francesca Gianfortuna, che mi segue da anni in queste folli avventure, e di Viviana Faraci che peraltro cura anche gli effetti speciali. Poi c’è lei la nostra coordinatrice: Laura Vega, che peraltro è mia moglie, e che gestisce tutto il lato organizzativo e logistico dei set. La camera, invece, affidata a Gabriele Gumina. Lo conobbi come attore, poi un giorno, molto mefistofelicamente, gli ho fatto scoprire l’amore per la MDP. Da quel giorno non l’ha piu’ mollata. Senza di loro, come dico sempre, sarei solo un mucchio di idee che cammina. Mi capita spesso di dire: “Ragazzi, questo progetto vale tanto, meriterebbe di essere realizzato, ma non ci sono soldi”, dopo una breve pausa sento le loro voci quasi in coro “Facciamolo!”. Credetemi, alcune volte mi chiedo cosa li spinga a sopportare me e la fatica che li aspetta, per nulla … ad oggi non ho ancora una risposta, ma mi piace immaginare che la miglior forma di pubblicitĂ  sia quella di far vedere il proprio lavoro e la qualitĂ  dello stesso … come se fosse un grande trailer. E che un giorno qualcuno si accorgerĂ  di loro e della loro qualitĂ  professionale. Sono troppo sognatore?

VM.net: Quali sono stati i principali intenti e ispirazioni che ti hanno influenzato e che ti ispirano in genere nel tuo modo di realizzare determinati lavori?

A.V.: Se volessimo trovare un vero e proprio riferimento … Amo il modo di fare regia di Inarritu. La trilogia “Amores Perros”, “21 grammi”, “Babel”, film nei quali la forza comunicativa delle immagini si equilibra perfettamente alle simbologie e alla recitazione. Un modello da seguire per quanto mi riguarda e che seguo dai suoi primi passi: giĂ  nel 1995 in “DetrĂ s del dinero” l’impatto visivo era, per lui, assolutamente primario. Al contrario di molti registi però, mi piace essere fedele alla sceneggiatura. Se qualcuno ha scritto qualcosa e lo ha immaginato in un determinato modo, non vedo perchè stravolgerlo filmicamente, se non soltanto per quelle che sono le procedure narrative della scrittura filmica? Lo ritengo da sempre un lavoro di squadra. Il regista, senza sceneggiatore, senza attori, senza operatori alla macchina, senza fonici, senza scenografi, senza macchinisti non potrebbe esistere. Ognuno ha dato il suo contributo per raggiungere una meta comune. Insomma l’attaccante non segna se il centrocampista non gli passa la palla.

Alessandro Valenti - Un Viaggio

Alessandro Valenti - Un Viaggio

VM.net: Il budget per realizzarlo? Quanto è costata la sua realizzazione?? E quanto è costato in termini di tempo, dandoci un riferimento per la preproduzione, la produzione e la postproduzione.

A.V.: Facendo un conto complessivo credo che “Un viaggio” non sia costato più di 400€. In termini di tempo la preproduzione ha visto: due giorni di revisione della stesura filmica rispetto al testo originale (che era teatrale), un giorno di casting, due giorni di ricerca delle location e un giorno di prove con gli attori per un totale di sei giorni. La produzione ha impegnato due giorni di riprese (uno per le interne ed uno per le esterne) e la post è durata circa una settimana.

VM.net: Il tuo lavoro quale futuro avrĂ ? Ci sarĂ  la partecipazione a concorsi e proiezione/distribuzione e a che livello?

A.V.: ”Un Viaggio” sta partecipando a diversi concorsi e continueremo ad iscriverlo, così come stiamo facendo con gli altri corti che ho realizzato. Inoltre ci piacerebbe, dato il tema trattato, cominciare un percorso didattico per le scuole nell’ambito di un progetto di sensibilizzazione.

Alessandro Valenti - Un Viaggio

Alessandro Valenti - Un Viaggio

VM.net: Sei giĂ  al lavoro su un nuovo progetto? Di cosa si tratta e quando vedrĂ  la luce?

A.V.: Sto attualmente lavorando alla mia opera prima (anch’essa low budget), un lungometraggio che si intitola “Enygma” ed è ambientato in una Palermo che finalmente non vede piĂą il binomio con la Mafia, ma che vive i suoi misteri che trovano fondamenta leggendarie nella sua storia. Un progetto che ho messo in piedi due anni fa e che è tutt’ora in fase di produzione. Inoltre continuo a produrre corti sia miei che di altri autori.

Alessandro Valenti - Un Viaggio

Alessandro Valenti - Un Viaggio

VM.net: Ci puoi dare qualche indiscrezione riguardo i tuoi prossimi impegni?

A.V.: Spero di terminare “Enygma” in brevissimo tempo. Nel frattempo ho finito di scrivere un corto che dovrebbe vedere la fase di preproduzione a brevissimo ed ho avuto l’incarico per la Regia di un lungometraggio abbastanza impegnativo. Nel frattempo continuo a dedicarmi all’insegnamento e allo studio.

Alessandro Valenti - Un Viaggio

Il portale www.videomakers.net non è responsabile delle dichiarazioni, delle informazioni e dei dati riportati nelle interviste, schede di approfondimento pubblicate sul sito. La responsabilità è riconducibile unicamente ai soggetti intervistati in queste pagine.
Il portale non effettua un controllo sulla veridicità dei dati e delle informazioni riportate e declina ogni responsabilità a riguardo. www.videomakers.net  cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione in rete di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi; la responsabilità di esse resta comunque pienamente a carico degli autori degli specifici contributi eventualmente individuati. Nessuna responsabilità può essere attribuita a www.videomakers.net in caso di diffusione di materiali, dati, informazioni, dichiarazioni, omissioni considerate erronee o in qualche modo implicate in illeciti di varia natura.
Altre Informazioni:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.