Ξ 471 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[PYC Productions] Red Mantis

posted by VMStaff
  • Tiplogia: Action-Thriller
  • Durata: 100"
  • Regia: Gabriel Cash
  • Produzione: PYC Productions
  • Trama: Uno scienziato di una piccola cittadina è riuscito a ricreare da un misterioso gene da laboratorio, una potente e letale arma evolutiva. Cercando segretamente in qualche modo di commercializzarla a societĂ  militari, rimarrĂ  lui stesso vittima di Vincent Venom un giovane e ambizioso uomo d'affari, non prima però di aver nascosto il parassita nella testa di una bambina ...Jemma. Otto anni piĂą tardi, dopo un terribile incidente, Jemma scopre che qualcosa dentro di se sta cambiando, risvegliando l'interesse di Vincent che a tutti i costi vuole impossessarsi di quel segreto, che lo angoscia ormai da anni. Con l'aiuto di un esercito di killers e soprattutto della sua amata Sonya, una micidiale e sexy macchina da combattimento, daranno la caccia alla giovane e indifesa Jemma in una estenuante corsa al potere. Ma dovranno fare i conti con la reazione di un "Red mantis" che risveglierĂ  tutta la sua devastante furia, soltanto quando il suo portatore...sarĂ  privo della vita.
  • Cast: Beatrice Davini, Gianluca Magni, Enrica Maffei, Alessandro Albertini, Massimiliano Alterio, Renato Raimo, Simone Bulleri, Paolo Liberali, Simonetta Vecoli, Giulia Tirella, Ross Lukather, Samuel Jellis, Giuseppe Barsaglini, David lson, Craig Carthel, Khio, Luke Strong, Massimo Cantone, Luciano Luficero
  • Link: Guarda Il Video
  • Link: Leggi Il Topic Sul Forum

Abbiamo scelto trà i vari film pervenuti quello che più rappresenta l’identikit del classico videomaker, quindi produzioni a basso costo con sistemi di ripresa e montaggio casalinghi, in cui la vera qualità è rappresentata dalle idee che da finanziamenti o tecnologie speculative.

Andiamo a conoscere l’ultimo lavoro della PYC productions: “RED MANTIS”.

VM: RED MANTIS! L’ultimo lungometraggio realizzato da Gabriel Cash, ma chi è Gabriel Cash?

Gabriel: Gabriel Cash? … è uno che dal ’92 ha fatto diverse cose, come spot pubblicitari, lungometraggi, video musicali, cominciando con corti da 30 minuti, poi il primo Lungo “Danger Zone” fatto un po’ così, senza attori professionisti nella zona di Viareggio, ma che in poco tempo ha riscosso un notevole successo tra i giovani, diventando un vero e proprio cult nella Versilia, poi nel ’94 il seguito con “Danger Zone II”. Ma la svolta la feci nel ’95 con “SLAUGHTER DAY – Il giorno del massacro” dove finalmente tecnica e creatività, hanno reso il film un prodotto quasi Hollywoodiano e vista l’acclamazione del pubblico l’anno dopo seguì “SLAUGHTER BACK – Maximum power” dove io mi sono voluto cimentare anche come attore, oltre che come regista. Nel frattempo Matrimoni, videoclip…ma cose che non mi competono e che facevo malvolentieri , la mia passione è sempre stata il Cinema…e nel 2004 appoggiato da amici produttori che hanno creduto in me, ho realizzato un mio sogno …ossia approdare sul grande schermo, riadattando una storia che scrissi nel ’95, togliendo molto del lato cupo e rendendola più commerciale e di azione …così è nato Red mantis.

VM: Che effetto fĂ  vedere RED MANTIS sul grande schermo?

Gabriel: Vedere la propria creatura al cinema è una sensazione fantastica, che solo il regista può provare. Realizzare un film è quasi come un parto, solo che nel parto ti affidi alla natura, qua invece ti devi fare un bel mazzo. Poi a proposito delle varie anteprime, ti dirò …a Massa mi è piaciuto l’audio ma non molto la resa visiva, anche perché mi avevano allargato l’immagine, faceva un po’ schifo… a Viareggio l’esatto contrario, buona l’immagine ma le casse che friggevano …un macello! E’ andata notevolmente meglio al JOE D’AMATO HORROR FESTIVAL con audio e video perfetti e il pubblico che ha riso su tutte le battute, mi piace la gente che si diverte a vedere i miei Film.

VM: Su che genere si ispira RED MANTIS?

Gabriel: Red Mantis si ispira ad un Manga che vidi nel ’93 e che mi colpì particolarmente, per la sua originalità e drammaticità del soggetto… anzi strano che nessuno mi abbia ancora detto che mi sono basato su quel cartone animato, anche perché era abbastanza famoso.
Ma naturalmente di lì è solo partita l’idea, il resto della sceneggiatura l’ho scritta insieme al mio fedele collaboratore, nonché aiuto regista Andy Miles.

VM: Di cosa parlava questo Manga?

Gabriel: Parlava di un ragazzo che era stato trasformato a sua insaputa in un’arma , e quest’ultima era impiantata nel suo cervello. Un giorno muore durante una rapina, ma era proprio con la morte che si innescava questa arma che lo trasformava in un cieco killer, fortissimo e veloce …chiaramente ho adattato la storia alle esigenze del film, inserendo al posto del ragazzo atletico, una giovane ragazzina indifesa (Beatrice Davini), per rendere la storia ancora più drammatica.

VM: Quante persone hanno lavorato a RED MANTIS?

Gabriel: Quando siamo partiti, parlo della Troupe, eravamo in ventitrè, ma poi con il proseguire del tempo ci sono stati diversi abbandoni, anche perché le riprese dovevano aggirarsi su un mese, massimo due… invece siamo andati oltre (per motivi di clima e ricostruzione di effetti speciali), quindi chi per lavoro, chi per esaurimento, chi per entusiasmo perso, ci sono stati diversi forfait. Abbiamo dovuto prendere a lavorare anche molti principianti locali, e purtroppo alcuni di questi siamo stati costretti a mandarli via dal set dopo pochi giorni, stavano lì a sbattersene e a parlare al cellulare …le persone le impari a conoscere solo quando ci lavori assieme per molto tempo. Poi dopo sono venuti a vedere il film al Cinema e sono rimasti a bocca aperta, perchè non si rendevano conto del risultato finale durante le riprese.

VM: La rivelazione del Film invece è Beatrice Davini?

Gabriel: Si!… lei fa la differenza, anzi fa proprio il Film, io lo sapevo perchĂ© l’avevo giĂ  conosciuta durante la realizzazione di 2 miei videoclip musicali. Uno è “Potta miè” di Gianluca Domenici, praticamente il “Gioca Jouer” di Cecchetto in dialetto e ironia Viareggina, canzone tipicamente carnevalesca e l’altro è “I care for you” una love-story a sfondo pulp di un gruppo Rock chiamato H.a.r.e.m., imminente anche sui circuiti di MTV. Da questi lavori avevo capito delle capacitĂ  artistiche della Davini ed ero certo che avrebbe dato quel tocco in piĂą al film. C’è molto affiatamento tra di noi sul set, è una persona splendida e soprattutto professionale su qualsiasi cosa lei faccia. Per me è importantissimo riuscire a creare un certo feeling con gli attori e purtroppo raramente accade …ma quando accade, tutto diventa molto piĂą facile.
Spero vivamente di tornare presto a lavorare con lei …e magari stavolta con una mega-produzione alle spalle.

VM: Le difficoltĂ  maggiori nello sviluppo di RED MANTIS?

Gabriel: Le difficoltà maggiori …? .. il Freddo! Red mantis è stato principalmente girato a Febbraio ed i personaggi di Jemma, Sonya e Vincent dovevano recitare con una magliettina addosso, quindi immagina la pelle d’oca. Nella scena del cimitero eravamo a sotto zero fino alle 6 di mattina e purtroppo non potevamo farlo in altra maniera, abbiamo dovuto interrompere quasi un mesetto le riprese proprio per il freddo e fortunatamente nella ricostruzione del Set non si notano differenze nel Film.

VM: E nello sviluppo degli effetti speciali?

Gabriel: Dovevano essere più complessi e visivi, con uso di plastiline ed esplosioni di arti artificiali. Per quelli digitali ho dovuto arrangiarmi perché chi doveva occuparsene ci ha lasciato nel mezzo del film e quindi ho dovuto limitarmi nella realizzazione, specie in alcune scene splatter. Ad esempio dove si allena Vincent Venom, doveva essere un’enorme stanza piena di cadaveri appesi , invece ne abbiamo usata una piccola e con un solo cadavere…mentre il braccio e la testa che esplodono li ho realizzati con Premiere e Photoshop, disegnando fotogramma per fotogramma, ma nonostante tutto ciò i risultati sono stati più che soddisfacenti …del resto uno dei miei motti principali è sempre stato “Chi fa da se fa per tre”.

VM: In che formato avete ripreso RED MANTIS?

Gabriel: Abbiamo fatto tutto in MiniDV 4:3 con 3 Videocamere Canon Xl1S e in post produzione sono state aggiunte le bande nere per tagliare l’inquadratura a 16/9 , questo mi permetteva di abbassare o alzare l’immagine durante il montaggio. Per la resa CinemaLike avevo fatto diverse prove, ma alla fine ho lasciato esattamente come la ripresa. L’uniche correzioni di colore sono state fatte su alcune scene con scarsa illuminazione, quindi ho dovuto lavorare sui livelli e gamma.

VM: Il lavoro più complesso in Post produzione quale è stato?

Gabriel: Sicuramente le musiche, il compositore (Riccardo Iacono) abita a Firenze quindi per la distanza si faceva tutto attraverso internet e telefonate, ogni modifica portava a nuovi problemi, non sembra ma ha avuto due mesi lavoro solo lui, considerando che è tutto originale e i brani sono costruiti attorno ai personaggi di Red Mantis. Poi c’è stato il doppiaggio, cosa lunga e complessa, visto che dovevamo trovare doppiatori che avessero una dizione perfetta, non essendo una commediola ma un thriller di stampo internazionale …e in toscana ti assicuro che non è affatto facile.

VM: Quale è stata la scena più difficile durante le riprese?

Gabriel: La più difficile? … sicuramente quella della cavia che ho interpretato io, era il 24 dicembre ed eravamo rinchiusi dentro una cella frigorifera di un mattatoio abbandonato, un freddo.. e poi dovevo buttarmi per terra con sangue e budella da tutte le parti.

VM: Quanto è costato il Film?

Gabriel: Mah… eravamo partiti con una base e segnando sempre tutto, le spese, i cambiamenti , ma poi con il passare del tempo e il prolungarsi delle riprese abbiamo sforato il budget e alla fine contava solo finire il Film… credo che siamo sopra i € 15.000. Il produttore esecutivo è Roberto Baldissari che ha i suoi studi a Milano e i co-produttori sono i due attori Gianluca Magni ed Enrica Maffei.

VM: I personaggi del film sono molto caratterizzati e spesso con ovazioni a personaggi di film famosi …giusto ?

Gabriel: Si è vero, ad esempio Jemma di cognome fa Cobretti, come il Cobra di stallone, Vincent il cattivo principale è della famiglia Venom, come il nemico di Spiderman, Renato Raimo (che peraltro giudico un’ottimo attore) fa il ruolo di un noto criminale chiamato Donzauker, come il cattivo di Daitarn III, il braccio destro di Vincent si chiama Caio, come il nemico di Kenshiro. In più ci sono omaggi a Predator, Terminator, Dracula, Tomb raider … nella scena finale nel cimitero, la tomba del padre di Vincent porta il nome di Quentin… insomma un sacco di ovazioni e al pubblico adesso divertirsi un po’ a scoprirli durante la visione.

VM: Con cosa avete montato il film?

Gabriel: Abbiamo usato come programma Adobe Premiere Pro 1.5 e come piattaforma 2 PC assemblati, anzi a volte quando riguardo il film mi chiedo come abbia potuto tiralo fuori visti i mezzi a disposizione …ne sono molto soddisfatto.

VM: Progetti futuri ?

Gabriel: Un lungometraggio da girare a Roma ed una serie televisiva pulp …ma è ancora tutto Top secret !

Altre Informazioni:

  • Aiuto-Regia: Andy Miles
  • Soggeto & Sceneggiatura: Gabriel Cash
  • Segretaria di Edizione: Rejane Milani
  • Scenografia: Gianfranco Berghich
  • Trucco & Acconciature: Mariella Manni
  • Maestro d'Armi: Guido Anselmi
  • Operatore: Angelo Iannattone
  • Montaggio: Gabriel Cash
  • Musiche: Riccardo Iacono
  • Produttore Esecutivo: Roberto Baldissari

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video