Ξ 444 visualizzazioni Ξ 5 commenti

[Riccardo Leto] Unfair Game

posted by VMStaff
  • Tiplogia: Cortometraggio
  • Durata: 7' 49"
  • Regia: Riccardo Leto
  • Produzione: DGT Network (Anna Rita Messe – Claudio Morello), Co-Produzione: Liquid Gate Studio
  • Trama: Un cecchino tedesco, appostato all’ultimo piano di un vecchio edificio abbandonato, attende il suo nemico. Ore, attimi, sospiri di una lunga attesa scanditi dalle parole dettate da un profondo stato d’animo ormai consumato e apparentemente inerme nei confronti di una guerra ingiusta e crudele che non si ferma neppure davanti agli occhi di un bambino. Un giorno il nemico si presenta alla sua vista, ma l’esito del confronto non sarà scontato.
  • Cast: Roberto Biondi (Cecchino), Mirko Talon (Bambino), Luca Levi (Soldato tedesco)
  • Link: Guarda Il Video
  • Link: Leggi Il Topic Sul Forum

Immergiamoci in questa nuova intervista con Riccardo Leto, regista di “Unfair Game” per saperne di più sul suo lavoro.

VideoMakers.net: Ci parli di te e della tua “casa” di produzione?

Riccardo Leto: La Dgt Network, ora DGT Produzioni, è nata con la mia prima opera scritta per il cinema nel 2008: “Brokers eroi per gioco“, pellicola presentata al Roma Film Festival lo stesso anno. Una commedia divertente corale ambientata in un piccolo paesino dell’entro terra ligure, “Zuccarello”, con un ricco cast: Fabrizio Rizzolo, Annamaria Malipiero, Sergio Muniz, Margherita Fumero, Giovanni Boni, i Mammut di Zelig e tanti altri. E’ stata la mia prima sceneggiatura prodotta, e da quell’anno ho continuato a scrivere e produrre i miei lavori. Quel film portò a casa diversi premi e riconoscenze. Ho continuato poi a scrivere diverse sceneggiature di corti e di lungometraggi; nel frattempo ho anche continuato la mia carriera di attore per il cinema e la tv.

VM.net: Nella realizzazione di lavori a budget limitato cosa ritieni sia la carta vincente per una buona riuscita del film e, nello specifico di questo lavoro, cosa è stato determinante per la buona riuscita del progetto?

R.L.: La passione! Senza non vai avanti da nessuna parte. Ogni lavoro che ho fatto ho messo dentro tutto me stesso e di più ancora. La riuscita di questo cortometraggio, anzi cortissimo vista la durata è stata la determinazione di realizzare a tutti costi un piccolo omaggio ai film di genere, che ormai in Italia pochi, pochissimi trattano.

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

VM.net: Ci dai qualche dettaglio “tecnico” sulla realizzazione? Potresti parlarci del tipo di attrezzatura utilizzato in tutto il corto?

R.L.: Unfair Game è stato realizzato con una Canon 600D. Gli obiettivi utilizzati sono un 50mm, un 18/135, e un 100 macro. Per alcune scene in interno è stato utilizzato un glidetrack per movimenti verso il cecchino. Mentre per gli esterni è stato usato un crane e un operatore stedycam. Come vedete troupe ed attrezzatura ridottissima.

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

VM.net: Nella realizzazione dei lavori low budget il coinvolgimento degli amici per la realizzazione è un fattore determinante. Ci parli della tua esperienza in merito?

R.L.: Gli amici fanno parte della tua vita, della tua crescita, del tuo cammino. Se poi gli amici sono anche bravissimi professionisti, il gioco diventa più semplice. Per gli attori invece il discorso è diverso. Amo sperimentare (nel limite..), e in questo progetto ho cercato qualcuno che non fosse un attore professionista ma che avesse la faccia giusta, il viso adatto. Con Roberto Biondi ho fatto centro! Si è dimostrato un ottimo interprete, pur non avendo mai fatto cinema. Per Mirko invece mi sono affidato a un collega, che me lo ha indicato come attore in erba davvero con del talento.. Aveva ragione! Infine Luca Levi ho realizzato un casting e dopo decine di provini ho scelto lui. A dir poco perfetto. Diciamo che per questo lavoro ci va anche un pizzico di fortuna per trovare gli attori giusti per l’opera giusta al momento giusto 😀 La fotografia lo affidata a Dario Corno, e si è rivelata una scelta azzeccata. La camera è di Alessandro Righetti e Silvio Marsaglia (stedycam). Le scenografie sono di Isabella Bruschi che ha curato anche i costumi (quelli del bambino realizzati a mano). – I COSTUMI backstage. Le musiche sono di Gigi Rivetti e Lamberto Curtoni, ovviamente colonna sonora originale. Il tutto montato dalle mani e dalla tecnologia di un grande Steve Marchesan. – DIETRO LA MUSICA backstage –  Il trucco è di Giovanna Cassano, e tutto il contesto militare confezionato per questo progetto è di Mario Grassi e dello stesso Roberto Biondi che hanno svolto la mansione di consulenti militari. Grazie anche a Daniela Allocco per il backstage del corto che trovate qui. – UNFAIR GAME backstage . E poi tutti gli altri Camillo, Fabrizio, Davide, un altro Fabrizio, Antonella (le foto di scena sono sue), grazie davvero a tutti.

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

VM.net: Quali sono stati i principali intenti e ispirazioni che ti hanno influenzato e che ti ispirano in genere nel tuo modo di realizzare determinati lavori?

R.L.: Con “UNFAIR GAME” da appassionato del genere storico bellico, ho voluto portare l’attenzione sulla tema tristemente attuale dell’infanzia in pericolo, disincantata nella sua innocenza, ma non completamente perduta: la differenza la può fare solo l’umanità “riscoperta” degli adulti.
Appassionato da sempre del genere guerra/storico con questo cortometraggio voglio tenere sempre vivo nella memoria il ricordo di persone che hanno lottato e per il valore della libertà e della dignità del loro  popolo. Ho ritenuto altresì importante per contestualizzare storicamente la vicenda, fare un omaggio anche al tema a tutti caro della Shoah.

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

VM.net: Il budget per realizzarlo? Quanto è costata la sua realizzazione? E quanto è costato in termini di tempo, dandoci un riferimento per la pre-produzione, la produzione e la postproduzione.

R.L.: Unfair Game non ha superato i sette mila euro. Ma è costato molto in termini di tempo, quasi due anni e mezzo. C’è un piccolo aneddoto su questo cortometraggio. All’inizio aveva un finale completamente diverso e una storia decisamente più surreale e divertente. Ma a montaggio ultimato, il corto non aveva le aspettative iniziali. Che fare? Un altro avrebbe buttato tutto nella spazzatura, ma io volevo tentare ancora e così riscrissi una sceneggiatura nuova di zecca implementando alcune scene girate e salvate dalla prima versione. Le ho incastrate. Ne è uscita una storia nuova, decisamente seria e completamente diversa. Oggi sono contento di aver fatto quella scelta. Ecco perché due anni per 7 minuti di corto.

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

VM.net: Il tuo lavoro quale futuro avrà? Ci sarà la partecipazione a concorsi e proiezione/distribuzione e a che livello?

R.L.: Unfair Game è solo uno dei tre cortometraggi dedicati al cinema bellico. Gli altri sono già in fase di pre produzione e pronti per essere girati a partire da quest’anno. Il corto “Unfair Game” è già stato a diversi Festival e ha già ottenuto alcuni premi e riconoscimenti:

  • 2015 UNFAIR GAME  – Video Festival Imperia – Miglior Fotografia
  • 2015 UNFAIR GAME –  Too Short to Wait Torino – Premio del Pubblico
  • 2015 UNFAIR GAME International Indiana Short Film Festival – Official Selection
  • 2015 UNFAIR GAME  Sedicicorto International Film Festival – Official Selection
  • 2015 UNFAIR GAME  – Piemonte Movie gLocal Film Festival  – Official Selection
  • 2014 UNFAIR GAME –  International Young Audiencje Film Festival Ale Kino (Pl)  – Official Selection

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

015.jpg, 016.jpg

VM.net: Sei già al lavoro su un nuovo progetto? Di cosa si tratta e quando vedrà la luce?

R.L.: Come dicevo oltre a Unfair Game, sto preparando altri due corti per chiudere il tris sui film di genere bellico uno ve lo posso anche anticipare adesso: “The Last Prisoner”, sempre WW2 ma questa volta dalla parte americana, l’altro è ancora top secret.

VM.net: Ci puoi dare qualche indiscrezione riguardo i tuoi prossimi impegni?

R.L.: Appena terminato un ruolo in “Tango per la libertà” di Alberto Negrin Rai 1 con Alessandro Preziosi e Rocio Muñoz Morales. Prossimamente sarà immerso nelle revisioni delle nuove sceneggiature e quindi di conseguenza la ricerca di volti nuovi sul territorio e la conferma delle location. Insomma non riesco a stare fermo 😀

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Riccardo Leto - Unfair Game

Il portale www.videomakers.net non è responsabile delle dichiarazioni, delle informazioni e dei dati riportati nelle interviste, schede di approfondimento pubblicate sul sito. La responsabilità è riconducibile unicamente ai soggetti intervistati in queste pagine.
Il portale non effettua un controllo sulla veridicità dei dati e delle informazioni riportate e declina ogni responsabilità a riguardo. www.videomakers.net  cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione in rete di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi; la responsabilità di esse resta comunque pienamente a carico degli autori degli specifici contributi eventualmente individuati. Nessuna responsabilità può essere attribuita a www.videomakers.net in caso di diffusione di materiali, dati, informazioni, dichiarazioni, omissioni considerate erronee o in qualche modo implicate in illeciti di varia natura.
Altre Informazioni:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe Premiere Pro CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialepremiereprocc per applicare lo sconto del 50% sul prezzo del corso.