Ξ 145 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[SIMLAB Digital] Sinfonia&Follia

posted by VMStaff
  • Tiplogia: Commedia
  • Durata: 15’
  • Regia: Fabio Schifilliti
  • Produzione: SIMLAB Digital
  • Trama: Ludovico, un uomo sempliciotto e ingenuo sui trent anni, ottiene un importante appuntamento di lavoro che può dargli una svolta importante alla sua carriera. Durante la strada che lo condurrà a questo fatidico incontro, gliene capiteranno di cotte e di crude, e il suo appuntamento sarà un totale fallimento. Grazie all’ascolto di Beethoven, sentirà un’energia misteriosa tale che lo porterà a vendicarsi su tutto quello che gli aveva fatto fallire l’incontro di lavoro, ma alla fine ci sarà un grosso colpo di scena.
  • Cast: Ludovico - Amedeo Magrone, Vecchia Signora - Emilia Pezza, Signora delle monetine - Gioia Cellentani, Giardiniere – Simone Pizzi, Direttore – Sarah Mataloni, Padrone della villa – Tommaso Ferretti
  • Link: Guarda Il Video
  • Link: Leggi Il Topic Sul Forum

Immergiamoci in questa nuova intervista con Fabio Schifillitti registi di “SINFONIA&FOLLIA” per saperne di più sul suo lavoro.

VM: Ci parli di te e della tua “casa” di produzione?

FS: Sono un ragazzo di 21 anni, vivo a Messina e da quando mi sveglio la mattina fino a quando mi addormento la notte, non faccio altro che pensare al cinema J. Dico questo a malincuore perché purtroppo (non so se è un bene o un male) la mia unica aspirazione è quella della regia e quindi al solo pensiero di non poterci riuscire, mi porta in grosse difficoltà.
SINFONIA&FOLLIA è il mio secondo cortometraggio, ma è il primo ad essere prodotto da una produzione appunto, al contrario di INFINITO BLU (il mio primo corto) che è stato autoprodotto.
La produzione è la SIMLAB DIGITAL, di Simone Pizzi, che ringrazio davvero tanto per avermi dato la possibilità di realizzare questo film. Quando avevo concluso la sceneggiatura l’ho chiamato per sapere se fosse stato disponibile a produrmi il corto e lui senza neanche pensarci un attimo, mi ha detto subito di si e infatti ha sempre creduto in me, dicendo che gli piaceva come lavoro con l’immagine, perché io amo il cinema muto e quindi cerco di fare emozionare lo spettatore in base a ciò che si vede e non a ciò che si sente. Nel film infatti, lo spettatore ride esclusivamente in base a ciò che vede e i dialoghi e i rumori fungono da contorno al fulcro principale che è il visivo e la musica ha il compito di voce narrante, come lo era infatti nei film di chaplin. Proprio perché tutto deve essere narrato dall’immagine, cerco di enfatizzare i movimenti, la camminata dell’attore, marcare le espressioni, la recitazione del corpo, etc…

VM: Nella realizzazione di lavori a budget limitato cosa ritieni sia la carta vincente per la buona riuscita del film e, nello specifico di questo lavoro, cosa è stato determinante per la buona riuscita del progetto?

FS: Nei lavori a budget limitato e in particolare in questo progetto la cosa principale e più importante a mio avviso è una buona pre produzione, sia tecnica che artistica in modo tale che appena si arriva sul set non bisogna chiedersi “e ora che faccio?”. Prima che io partissi per Roma a girare il film ho disegnato un accurato storyboard di tutte e dico tutte le inquadrature del film dalla prima all’ultima, infatti è venuto fuori quasi un libro! Questa cosa mi è stata molto utile, infatti appena arrivavamo sul set io già sapevo cosa fare e non perdevamo neanche 30 secondi di tempo. Ovviamente però, come diceva Hitchcock, bisogna lasciare sul set una porta sempre aperta, cioè non limitarsi soltanto a quello che già si è studiato in partenza, ma lasciarsi prendere dalle ispirazioni del set sul momento.

VM: Ci dai qualche dettaglio “tecnico” sulla realizzazione? Potresti parlarci del tipo di attrezzatura utilizzato in tutto il corto?

FS: Come attrezzature abbiamo utilizzato una JVC HD100 settata in HD 24P, 1 illuminatore da 1000 watt, 2 da 300, gelatine, frost, etc…poi come carrello abbiamo utilizzato niente di meno che un treppiedi posto sopra un tappeto che a sua volta si trovava sopra un parquet!
Come post produzione invece ho montato il film a casa mia a Messina e per avere tutto in tempo reale, ho convertito il girato a 25p e importato con Adobe Premiere Pro 1.5.1 in un progetto Matrox rtx100. tutta la parte audio l’ha eseguita Luca Antonini, un eccellente compositore di Novara che oltre alle musiche appunto, si è occupato della post produzione audio. A Lui devo un GRAZIE enorme.

VM: Nella realizzazone dei lavori low budget il coinvolgimento degli amici per la realizzazione è un fattore determinante. Ci parli della tua esperienza in merito.

FS: Nei lavori low budget, il coinvolgimento delle persone è il fattore più determinante nella riuscita di un buon prodotto. Nel mio caso, abbiamo avuto dei problemi in quanto io essendo di Messina e tutto il cast sia tecnico che artistico era di Roma, ci sono stati pochi contatti diretti tra me e la troupe e quindi era tutto un passa parola tra me, il produttore (simone pizzi), e il cast. Mi è dispiaciuta questa cosa perché solitamente prima di girare faccio prove e contro prove con gli attori, sento i pareri direttamente di persona con il cast, etc, e ovviamente questa cosa non si è potuta fare dato che abitavamo in città molto distanti.

VM: Quali sono stati i principali intenti e ispirazioni (filmiche) che ti hanno influenzato e che ti ispirano in genere nel tuo modo di realizzare determinati lavori?

FS: Non c’è stata nessuna ispirazione filmica, tutto è nato mentre studiavo una materia per l’università, storia della musica, e mi è capitato di ascoltare diverse sinfonie e appena ho ascoltato con più attenzione la sinfonia quinta di Beethoven, ho avuto come una sorta di “richiamo”, quasi lo stesso che ha avuto LUDOVICO in SINFONIA&FOLLIA. A questo punto avevo quindi il tema principale del film: la musica per esaltazione. Da qui poi sono riuscito a scrivere la sceneggiatura.
Generalmente nei miei lavori non cerco mai qualcosa da scrivere ma aspetto sempre che qualcosa “chiami” me. Come diceva ROSSINI “non vado mai a cercare l’arte, ma aspetto che sia l’arte a trovare me”. Questa affermazione mi sembra l’ideale se non si vuole cercare di realizzare qualcosa di forzato.

VM: Il budget per realizzarlo? Quanto è costata la sua realizzazione?? E quanto è costato in termini di tempo, dandoci un riferimento per la preproduzione, la produzione e la postproduzione.

FS: Il budget non lo so, dovreste chiderlo direttamente a Simone 😛
Il tempo invece per organizzare la preproduzione è durato circa 4 mesi perché c’erano molte locations e attori e ovviamente non tutti erano sempre liberi per poter pensare solo all’organizzazione del film. Per girare ho fatto 2 viaggi a Roma: 3 giorni la prima volta e altri 3 giorni di riprese la seconda volta. Per il montaggio ci ho impiegato quasi 25 giorni, poi ho spedito il montato video a Luca Antonini (il compositore) e lui in 2 settimane ha orchestrato tutte le musiche…un tempo record!

VM: Il tuo lavoro quale futuro avrà? Ci sarà la partecipazione a concorsi e proiezione/distribuzione e a che livello?

FS: Si, io credo che l’unico modo per farsi vedere in questo campo sia attraverso i filmfestival e dunque farò una distribuzione a tappeto e non mi lascerò scappare nemmeno un concorso!

VM: Sei già al lavoro su un nuovo progetto? Di cosa si tratta e quando vedrà la luce?

FS: Ho scritto un nuovo trattamento, ma non dirò nulla a riguardo:P questo campo mi ha insegnato che è sempre bene presentare al publico lavori solo dopo che saranno sicuramente conclusi.

VM: Ci puoi dare qualche indiscrezione riguardo i tuoi prossimi impegni?

FS: Dovrò realizzare una sigla per il secondo filmfestival di Messina. Per quanto riguarda il nuovo trattamento, posso solo dirvi che si tratta di un triller metafisico :- )

Ci sono due aneddoti simpatici riguardo SINFONIA&FOLLIA:

  • La scena a casa di Ludovico, quando lui rientra e ascolta la sinfonia, è stata girata alle 2 di notte e per ricreare l’effetto fotografico del sole di pomeriggio, abbiamo sistemato della carta opaca trasparente fuori dalle finestra insieme agli illuminatori, in questo modo quando la luce colpiva da fuori la carte opaca sulla finestra, la rendeva uniforme su tutto il vetro, ottenendo così la simulazione del sole. Poi ovviamente hanno anche aiutato le luci di taglio che colpiscono la parte sinistra del volto di Ludovico.
  • L’inquadratura finale del corto sulla finestra che va ad allontanarsi, è stata girata qui a Messina e quelli che ballavano non erano la vecchia è Ludovico ma erano mia madre e mia nonna!

 

Altre Informazioni:

  • Assistente alla Regia ed Operatore: Sergio Aussello
  • Fotografia: Francesco Greco, Dario Nicosia
  • Location: Consuelo Pascal
  • Segretaria di Edizione: Sandra Aromolo
  • Musiche Originali e Sound Design: Luca Antonini
  • Assistente di Produzione: Giustino Pennino, Andrea Clauser
  • Soggetto: Fabio Schifilliti
  • Sceneggiatura: Fabio Schifilliti con la collaborazione di Alessandro Russo
  • Produttore Esecutivo: Simone Pizzi

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video