Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Consigli e suggerimenti per l'acquisto di una nuova Telecamera, un Cinecorder e relativi accessori.
(N.B. La sezione è sottoposta a cancellazione automatica ogni 180gg dei topic non più attivi)

Moderatore: Moderatori

#1321156
Dovrei acquistare un set di ottiche cine per i progetti più normali (per altri vado di noleggio).
Ho individuato alcune ottiche che possono fare al caso mio (quelle del titolo), mi chiedo de qualcuno ha usato qualcosa di queste, che costano cifre "ragionevoli" (intorno ai 1000 euro ciascuna).
Le condizioni sono:
1) va bene anche usato ma non parlatemi delle zeiss cp2 o cp3 che per quello che costano hanno aberrazioni cromatiche eccessive.
2) mi serve che coprano il full frame, se coprono il full frame della red monstro meglio (46,4 mm).
3) devono essere ottiche cine vere, nel senso di stesse posizioni delle ghiere, robuste, iris decliccata, fuoco con hard stop, morbido, ben esteso (minimo 250 gradi) e indicazioni della distanza precise. Ovviamente stesso diametro esterno per eventuale mattebox clipon (non importa quanto, va bene 80mm come 114mm, fa lo stesso)
Il costo deve stare tra i 900 e i 1300 euro a lente, non di più, IVA esclusa.
PREFERIBILMENTE leggere da poter essere usate sui gimbal o crane (diciamo al max 1 kg cad.)
Chiaramente il minimo di luminosità è un t 2.1, se t1.5 meglio.

Cerco consigli, non gli oggetti in vendita, se possibile di prima mano. Dubito che qualcuno le abbia usate tutte, ma anche solo un set mi fa piacere leggere le impressioni.
Per favore, non citatemi il Sigma 18 35...
#1321160
Non saprei. Non ho mai provato Meike, DZO, Rokinon/Xeen/Samyang; personalmente non li comprerei. Per come vedo io le cose due obiettivi buoni sono meglio di tre o quattro scadenti , e spesso bastano. I grandangolari, o super grandangolari, servono una volta ogni cento anni e possono noleggiarsi alla stregua dei macro. Idem per i teleobiettivi, che meno si usano e meglio è. A me non piacciono nemmeno gli Zoom e, per la stessa ragione di passaggio fra il piano di fuoco e lo sfocato, non piacciono le costruzioni Asferiche e i retrofocus (che ne fanno sempre uso). In più gli Zoom Cost-effective perdono la messa a fuoco con il cambio della focale e quindi non possono usarsi in presa diretta.

Detto ciò, non scenderei sotto i Sigma, che ADCOM vende a 3.000€ l'uno: fai un 28 ed un 50 su Full Frame. Appena sopra (5.000€) ci sono i Tokina e gli Schneider.

Ho cercato per curiosità se fossero stati fatti film con le ottiche che ti interessano, ma ho trovato quasi niente; e il loro utilizzo è fra lotti di altri obiettivi molto più pregiati.

In The Resident, su RAIPlay, c'è un discreto utilizzo degli SRL Magic e in Innerself (2018) viene usato anche un Meike 25mm.

Vedi tu.
#1321164

madcat ha scritto:Non saprei. Non ho mai provato Meike, DZO, Rokinon/Xeen/Samyang; personalmente non li comprerei. Per come vedo io le cose due obiettivi buoni sono meglio di tre o quattro scadenti , e spesso bastano. I grandangolari, o super grandangolari, servono una volta ogni cento anni e possono noleggiarsi alla stregua dei macro. Idem per i teleobiettivi, che meno si usano e meglio è. A me non piacciono nemmeno gli Zoom e, per la stessa ragione di passaggio fra il piano di fuoco e lo sfocato, non piacciono le costruzioni Asferiche e i retrofocus (che ne fanno sempre uso). In più gli Zoom Cost-effective perdono la messa a fuoco con il cambio della focale e quindi non possono usarsi in presa diretta.

Detto ciò, non scenderei sotto i Sigma, che ADCOM vende a 3.000€ l'uno: fai un 28 ed un 50 su Full Frame. Appena sopra (5.000€) ci sono i Tokina e gli Schneider.

Ho cercato per curiosità se fossero stati fatti film con le ottiche che ti interessano, ma ho trovato quasi niente; e il loro utilizzo è fra lotti di altri obiettivi molto più pregiati.

In The Resident, su RAIPlay, c'è un discreto utilizzo degli SRL Magic e in Innerself (2018) viene usato anche un Meike 25mm.

Vedi tu.
I sigma non mi piacciono, troppo sensibili ai flares. In ogni caso ho premesso che per progetti impegnativi vado a noleggio.
Zoom non mi interessano, anche se esistono dei parafocali buoni
Tele invece, semplicemente li adoro. Fosse per me avrei il 100 mm fisso.
Gli Schneider li avevo considerati ma un Dop amico mio mi ha consigliato di lasciarli dove stanno anche questi per le eccessive aberrazioni cromatiche.
Pure io ho sentito parlare bene dei srl magic.
Le dzo sono nuovissime, trovare film girati con queste è dura.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

#1321165
MVAU ha scritto:https://www.provideocoalition.com/dzofi ... me-lenses/
questi sono nuovissimi, sono fullframe e sembrano superiori agli Xeen e il prezzo vale
se non vuoi stare sugli zoom che comunque sono super 35 credo che per un lavoro normale siano più che buoni
Grazie, infatti al momento sarei più orientato su queste che altre per varie ragioni.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

#1321166
Willyfan, non è per fare il martellino, ma tu hai la paranoia dell'aberrazione cromatica. Gli zeiss cp3, aberrazione cromatica? Ma quale: assiale, laterale o entrambe? Per intenderci, quella laterale significa che le immagini prodotte alle diverse frequenze d'onda hanno dimensione differenti – in pratica il Purple fringing, l'alone che vedi ai bordi di un soggetto contro uno sfondo ad alto contrasto come il cielo bianco. Quella assiale si ha quando le frequenze non cadono sullo stesso piano e quindi le immagini risultano sfocate! Poco nitide.

Ora, non mi puoi dire che gli Zeiss CP3 producono immagini poco nitide. Non esiste.
#1321168
madcat ha scritto: mar, 29 dic 2020 - 20:58 Willyfan, non è per fare il martellino, ma tu hai la paranoia dell'aberrazione cromatica. Gli zeiss cp3, aberrazione cromatica? Ma quale: assiale, laterale o entrambe? Per intenderci, quella laterale significa che le immagini prodotte alle diverse frequenze d'onda hanno dimensione differenti – in pratica il Purple fringing, l'alone che vedi ai bordi di un soggetto contro uno sfondo ad alto contrasto come il cielo bianco. Quella assiale si ha quando le frequenze non cadono sullo stesso piano e quindi le immagini risultano sfocate!

Ora, non mi puoi dire che gli Zeiss CP3 producono immagini sfocate. Non esiste.
Non so quanta esperienza tu abbia usando queste lenti.
Io le ho noleggiate più di una volta, e le conosco abbastanza bene.
Chiariamoci su una cosa: la Zeiss fa una serie di lenti eccellenti che sono le Master Prime, ma sono molto al di sopra di quello che posso permettermi. Le CP2 e le CP3 soffrono di aberrazione cromatica, quella che fa i bordi ciano e m,agenta per capirci, e non lo dico solo io, fai una ricerca si google e troverai un sdacco di DOP che lamentano questo tipo di problema (vai su reduser a vedere che dicono! http://www.reduser.net/forum/showthread ... ost1739222). Pensa che persino quelli di CVP che le vendono ammettono che l'aberrazione cromatica è eccessiva.
Un altro DOP scrive (trovato su reddit): "The Vespids are not nearly as sharp or well controlled as a master prime, but infinitely better than CP.3s. They have quite a nice character to them actually, I'd prefer them to master primes for most of my work unless I was going for a super clean crisp look. The CP.3s and CP.2s belong in the trash can, way too much chromatic aberation."
Personalmente, ho trovato un look "morbido" che non mi piace, magari va bene per fare video di moda ma onestamente preferisco lenti analitiche e precise, più adatte a video di prodotti come quelli che faccio solitamente.
Le cp2 ed ora le cp3 sono lenti Zeiss "entry level" e probabilmente si paga il pedigree molto più del valore delle lenti. In ogni caso, anche se fossero eccezionali sarebbero fuori budget, visto che ho indicato un range ben preciso.
Per l'ultimo lavoro che ho fatto e sto finendo di montare ho usato le Canon Prime Cine. Queste sono certamente più dettagliate, ma un pizzico di bordo colorato specialmente sul 24 mm me lo sono ritrovato e devo correggerlo con i plugin di davinci.

D'altra parte, se uno ha una vaga idea di come sono costruite le lenti, per evitare al massimo questo tipo di problemi occorre uno schema di lenti Apocromatico, invece la quasi totalità delle ottiche in giro sono semplicemente Acromatich, comprese le Zeiss cp2 e Cp3.

Ora, se questo fa di me un paranoico per questo problema, va bene uguale, resta il fatto che non vado a spendere 3000 euro a lente per pagare il logo sopra. Io ho bisogno di qualcosa di meno costoso, pazienza se non sono marche blasonate, ma ho bisogno di una certa analicità. A molti non piace, si preferisce la "personalità" delle lenti (in pratica, difetti che vengono fatti passare per pregi), io preferisco meno personalità e più concretezza.
Paradossalmente, ho provato pure le xeen (che sono nella fascia di prezzo da me indicata) e a fronte di qualche difetto di uniformità nella risoluzione, oltre al fatto che a tutta apertura sono un po' spatasciate, almeno a t2 vanno mica male. Le cp2 e cp3 sono t 2.1 a tutta apertura e non le userei mai con quel diaframma.
#1321174
willyfan ha scritto: mar, 29 dic 2020 - 21:38 Non so quanta esperienza tu abbia usando queste lenti. Io le ho noleggiate più di una volta, e le conosco abbastanza bene.
Le CP (Compact Prime) sono ottiche compatte che non aprono più di T2.1. É ovvio che non abbiano la stessa correzione delle Master Prime, ma da qui a dire che la loro aberrazione cromatica sia eccessiva, in grado di compromettere l'altrimenti ottima resa – comunque che obiettivi da 1300€ siano migliori –, ce ne passa.

Non le ho mai provate, ma ho usato almeno una dozzina di Zeiss nella mia vita senza trovarne uno meno che ottimo. Planar, Sonnar, Distagon, Biogon; ogni tipo ottico con la sua personalità ma tutti eccellenti; con l'eccezione del Tessar per il troppo macrocontrasto delle costruzioni a quattro lenti derivate dal trippletto di Cooke.

Alla mia età posso ben dire che, se c'è un marchio di cui mi fido ad occhi chiusi, quello è Zeiss. Lo preferisco anche a Leitz, per quel filo di giallo in più – o di blu in meno.

La teoria va conosciuta al punto da saperla interpretare nel complesso. Se uno si ferma a metà strada diventa paranoico. Non prendere questo come un attacco personale, non lo è. Ma è un fatto incontestabile che le riviste e i siti Web tecnici si soffermino sugli singoli paramentri fuorviando il giudizio dei lettori.

Non è il tuo caso ma quello di molti, moltissimi.

L'aberrazione cromatica assiale diminuisce chiudendo il diaframma, quella laterale aumenta in proporzione inversa alla lunghezza focale. C'è qualcuno che per caso usa un 15mm a tutta apertura per i primi piani? Si faccia avanti che gli/le tiro un uovo in faccia. Anche due.

A me interessa solo un paio focali: medio grandangolo e medio tele. Dell'aberrazione cromatica dei supergrandangoli a tutta apertura me ne frego; e a essere onesto me ne frego proprio se il cervello rilevi o meno a livello subliminale il purple fringing per un secondo e mezzo; tanto più nell'epoca dei film stravolti dal grading creativo dei tarocchi.

Credo che tu perda tempo anche con il morphing dei canali in Da Vinci per recuperare l'aberrazione cromatica laterale, quella assiale non può essere corretta, ma è il tuo punto di vista e lo rispetto.

E infine, si, le distorsioni, le aberrazioni, i coma, i riflessi sono difetti che vengono fatti passare per pregi. Un Flashback visto attraverso un Petzval è molto diverso dalla mellifluità ottenibile via Plug-in, ma non per tutti: solo per chi è convinto che gli obiettivi siano come gli uomini o le donne, che cioè siano i difetti a determinarne il carattere ed eventualmente il fascino.

É così con i cavalli, con gli scrittori, e divide gli artisti da tutto il resto del mondo.

Ciao.
Ultima modifica di madcat il mer, 30 dic 2020 - 15:29, modificato 1 volta in totale.
#1321175
madcat ha scritto: mer, 30 dic 2020 - 14:39
Le CP (Compact Prime) sono ottiche compatte che non aprono più di T2.1. É ovvio che non abbiano la stessa correzione delle Master Prime, ma da qui a dire che la loro aberrazione cromatica sia eccessiva, in grado di compromettere l'altrimenti ottima resa – comunque che obiettivi da 1300€ siano migliori –, ce ne passa.
Io non discuto sulle ottiche che interessano a te. Se vuoi apriamo un topic filosofico sull'uso di certe lunghezze focali e/o di certi diaframmi a seconda della fotografia.
Io so che quello che a me serve è un set di 3/4 ottiche per le quali ho un budget di circa 4000- 4500 euro e che esigo non abbiano aberrazioni cromatiche. Non mi interessa se qualcuno le fa passare come opere d'arte.
Di seguito, ti pubblico due immagini, riprese con ottica CINE (non ti dico quale ma ottiche di marca blasonate) e vedi sulla sinistra, sull'orecchio ma anche su tutta la testa (sono dei ritagli) l'aberrazione cromatica, prima e dopo la correzione con davinci. Io vorrei evitare proprio questo e scusa se sono paranoico ma mi da davvero fastidio:
non_corretta_AC.jpg
non_corretta_AC.jpg (89.76 KiB) Visto 1480 volte
non_corretta_AC.jpg
non_corretta_AC.jpg (89.76 KiB) Visto 1480 volte
DIMENTICAVO, non si tratta di grandangoli spinti, ne di aperture di diaframma al limite, parliamo di un 50mm a f 4.
Allegati:
correttaAC.jpg
correttaAC.jpg (88.63 KiB) Visto 1480 volte
#1321176
madcat ha scritto: mer, 30 dic 2020 - 14:39Credo che tu perda tempo anche con il morphing dei canali in Da Vinci per recuperare l'aberrazione cromatica laterale, quella assiale non può essere corretta, ma è il tuo punto di vista e lo rispetto.
In realtà davinci ha un plugin molto comodo, non occorre scomodare il morphing. Detto questi, si, "perdo" tempo per queste cose, I'm sorry. Per me è professionalità, poi ognuno la vede come vuole.
#1321177
willyfan ha scritto: mer, 30 dic 2020 - 15:34 In realtà davinci ha un plugin molto comodo, non occorre scomodare il morphing. Detto questi, si, "perdo" tempo per queste cose, I'm sorry. Per me è professionalità, poi ognuno la vede come vuole.
Nell'immagine corretta si vede ancora, particolarmente sull'orecchio. É una forte aberrazione, strano. Dimmi la focale, se non vuoi dirmi la marca dell'obiettivo. É un Crop... posso vedere il frame totale?
#1321178
madcat ha scritto:
willyfan ha scritto: mer, 30 dic 2020 - 15:34 In realtà davinci ha un plugin molto comodo, non occorre scomodare il morphing. Detto questi, si, "perdo" tempo per queste cose, I'm sorry. Per me è professionalità, poi ognuno la vede come vuole.
Nell'immagine corretta si vede ancora, particolarmente sull'orecchio. É una forte aberrazione, strano. Dimmi la focale, se non vuoi dirmi la marca dell'obiettivo. É un Crop... posso vedere il frame totale?
La correzione è il massimo che potevo fare. L'ottica è un 50 mm, come ho scritto. Il frame totale te lo esporto appena posso ma essendo a 4k non posso pubblicarlo direttamente, ti metterò un link.
Si tratta di un lavoro in corso in consegna domani a rai5 e sto correndo come 7n pazzo. Abbi pazienza, se vuoi ti mando il file in log senza color

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

#1321179
willyfan ha scritto: mer, 30 dic 2020 - 15:44 Il frame totale te lo esporto appena posso ma essendo a 4k non posso pubblicarlo direttamente, ti metterò un link. Si tratta di un lavoro in corso in consegna domani a rai5 e sto correndo come 7n pazzo. Abbi pazienza, se vuoi ti mando il file in log senza color
Grazie, fai con comodo. Prima il lavoro.
Comunque non serve la piena risoluzione, solo il quadro intero. Perché se il volto fosse il 25% del totale, e rimanesse a schermo per due secondi... Be, penso che non lo noterebbe nessuno.
#1321180
madcat ha scritto:
willyfan ha scritto: mer, 30 dic 2020 - 15:44 Il frame totale te lo esporto appena posso ma essendo a 4k non posso pubblicarlo direttamente, ti metterò un link. Si tratta di un lavoro in corso in consegna domani a rai5 e sto correndo come 7n pazzo. Abbi pazienza, se vuoi ti mando il file in log senza color
Grazie, fai con comodo. Prima il lavoro.
Comunque non serve la piena risoluzione, solo il quadro intero. Perché se il volto fosse il 25% del totale, e rimanesse a schermo per due secondi... Be, penso che non lo noterebbe nessuno.
Il problema è che questa inquadratura è una intervista. Sebbene abbia due camere, si ripete continuamente per almeno una ventina di volte con piccole variazioni. Inoltre, abbiamo girato a 4k per fare dei reframe, quindi talvolta è ingrandito, altre meno. Comunque si vede molto.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

#1321191
Secondo me le Meike sono tutt'altro che ottiche cine vere. Le DZO e le Xeen magari si, però le seconde le ho usate e ti dico di non aspettarti qualità, è inferiore anche a molte ottiche fotografiche non particolarmente prestigiosi, e le aberrazioni cromatiche son ben peggiori delle CP3. Non ho mai usato direttamente le DZO ma dai pareri altrui e dai test mi convincono poco.

Le CP.3 a me piacciono, le preferisco alle CP.2 proprio perchè erano troppo taglienti, e avevano eccome aberrazioni cromatiche, le CP.3 le trovo migliorate anche da questo punto di vista. Comunque ne hai già parlato e i gusti sono gusti, su quello non si discute. Poi se fai molta fotografia di prodotti il tuo discorso può filare, io facendo molti documentari e pubblicità con soggetti prettamente umani, e cortometraggi/film indie con pochissimi vfx, per gli incarnati tutta quella incisione non è il massimo.

Quindi tornando al tuo punto 1, quello sull'usato: Canon CN-E? Rispecchiano perfettamente l'identikit che hai fatto, e sono anni luce avanti alle Xeen. Usate si trovano tra i 1700 e i 2500 euro l'una, a seconda della focale. Si trova anche qualche kit da 3 con valigia. Ti posso dire che sono lenti fantastiche in relazione a quello che costano, per me di solito sono la prima scelta quando devo noleggiare delle ottiche cine low cost. Se non parliamo di risparmio assoluto, ma di rapporto qualità/prezzo le trovo nettamente superiori agli altri marchi sopracitati.

Poi lo so che hai indicato un budget diverso, era giusto un'idea, restando nel tuo budget invece io valuterei due opzioni: o rinuncio all'ottica cine "vera", anche perchè in tal senso quei brand cinesi mi puzzano, e guarderei alle Zeiss Milvus, che stanno in quel range di prezzo e fanno impallidire qualsiasi Xeen o DZO. Non sono cine vere ma sono comunque delle ibride, hanno il diaframma decliccato e la ghiera del fuoco è molto fluida, ruota di 124 gradi e si possono ordinare anche con ghiera opzionale dentellata con passo standard 0.8.

Oppure, tra quelle low cost, sono d'accordo anche io che le SLR Magic siano quelle più convincenti. Ho avuto il 25mm t/0.95, non sarà ai livelli delle cine high end ma mi piaceva molto perchè non era nè troppo morbido nè troppo inciso, e hanno un carattere affascinante senza essere troppo spinto. E poi vengono costruite in Germania, personalmente mi sentirei più tranquillo con l'assistenza rispetto ad un'azienda che è in un altro continente, dovesse malauguratamente succedere qualcosa.

Aggiungo una postila. Non tutte le ottiche cine sono migliori delle fotografiche da un punto di vista ottico. E' spesso vero il contrario quando si parla di cine entry level. Lo sono quelle con cui appunto girano i film, ma bisogna andare sulle Master Prime per trovare qualcosa di meglio delle Milvus, Batis o Otis. Quello che si paga in più è la costruzione in questo caso, non i vetri, se non forse in parte un maggiore diametro delle lenti frontali. Quindi non si possono tanto tirare in ballo le prestazioni delle Zeiss fotografiche, quando si parla delle Compact Prime.
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 8

Grazie, spero di non deludere le aspettative ☺️

[Vegas Pro 16] GPU

Non sono sicuro che il io PC possa montare Windows[…]

posto qui il link per scaricare molti aggiornament[…]