Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni sugli Aeromobili a Pilotaggio Remoto (APR), anche chiamati droni, per utilizzo in ambito video e fotografico.

Moderatore: Moderatori

da Rider
#1237813
quindi solo per fini "ricreativi o sportivi" in spazi consoni o autorizzati, allora li puoi portare anche senza licenza. ma se li usi per fare riprese video, quindi lo scopo principale non è quello "ricreativo o sportivo" allora stai usando un mezzo specializzato (sapr). Tutto comunque rientra nel buon senso!


E' assurdo!
A parte che potrei dimostrare che come videoamatore non professionista far volare il drone CON telecamera mi ricrea.
Poi potrei far volare lo stesso drone come aeromodello e SENZA telecamera: ai sensi dei danni potenzialmente provocabili non è che faccia chissà quale differenza da uno con telecamera e magari più leggero.
Bah, se le cose stanno così... :disgu:
#1237823
E' assurdo!
A parte che potrei dimostrare che come videoamatore non professionista far volare il drone CON telecamera mi ricrea.
Poi potrei far volare lo stesso drone come aeromodello e SENZA telecamera: ai sensi dei danni potenzialmente provocabili non è che faccia chissà quale differenza da uno con telecamera e magari più leggero.
Bah, se le cose stanno così...
come dicevo prima ognuno vede le cose come meglio gli fa comodo.Il problema non è solo la camera montata sotto, ma l'utilizzo che se ne fa!
Come dicevi prima anche tu, in un autodromo si può andare anche senza patente. bene gli autodromi per i droni ci sono e si chiamano campi volo. sono dei club dove ti iscrivi e puoi far volare tutti i mezzi che rientrano nella categoria "aeromedelli" senza nessuna licenza! oppure la normativa parla di luoghi, sicuramente privati, altrimenti non ne avresti il permesso, lontano dai centri abitati (= in piena campagna), con 400m di raggio senza ostacoli e senza persone intorno, lontano da strade ed edifici (e non specifica di quanto). bene un aeromodellista in questi luoghi lo trovi, di solito in gruppi e li vedi pure belli contenti di far sfrecciare e fare acrobazie con i loro mezzi. uno che si compra il phantom con la go pro sotto, difficilmente si diverte in questi luoghi a fare le riprese di prati verdi!

Se vuoi usare il drone in altri posti e per altri scopi, allora l'unico motivo è per farne un uso specialistico mirato a fare le riprese (nel nostro caso) ed è quindi giusto che venga regolamentato! Tutto questo per la sicurezza delle persone e delle cose. è molto semplice!
#1237825
ma si parla di questi voli in cui ci sono solo due operatori in tutta Italia?


Sono decisamente molti di più, superano la trentina solo quelli che usano l'x300B che trasforma tutte le operazioni in non critiche (puoi volare in città tranquillamente)
poi ci saranno tutti gli altri, conosco almeno 2 piloti che hanno l'abilitazione per i voli "critici".
da eNnvi
#1237849
l'aria non è proprietà di nessuno, a meno che non sia circoscritta da mura, quindi nemmeno l'aria sopra il tuo giardino è tua ma dello Stato, qundi volare nel tuo giardino o su una spiaggia dal punto di vista delle leggi è uguale.

diverso è volare in un capannone perchè lì la proprietà è tua...


comunque io operatori certificati per operazioni specializzate e critiche sul sito enac ne ho visti 2-3 non di più, per quelli non critici invece di più ovvio..


comunque il solo montare una videocamera "normale" non fa rientrare il drone nelle operazioni specializzate
#1237855
cable_cam_e_Silver.jpg
cable_cam_e_Silver.jpg (166.78 KiB) Visto 1683 volte
Come si diceva, esistono sistemi con i quali puoi sorvolare anche i gatti in piena sicurezza...
#1237869
Indubbiamente. Ma ad esempio, la prossima settimana c'è un concerto all'Arena di Verona e le riprese aeree le faremo con la cablecam. Ti voglio vedere a volare in sicurezza con un multirotore da 10 kg sopra il pubblico di notte...
Non so se hai mai provato a pilotare uno di quei cosi, io si e ti garantisco che la tensione che hai mentre voli è tanta perché lo sai che basta niente per farlo cadere o schiantare contro qualcosa. Con una cosa appesa a un filo (o due) mi sento molto più tranquillo e sereno.
Io non voglio demonizzare i droni, se andiamo a vedere con obiettività non ci sono stati incidenti particolari per cui tutto sommato sono abbastanza a prova di idiota, ma un conto è giocare con la sicurezza e un conto è fare le cose come vanno fatte. Chi volteggia allegramente con un phantom tra gli invitati a un matrimonio o sulla testa degli sposi al lancio del riso mi spiace ma sono convinto che debba essere fermato. Non ha certo la sicurezza del treno che investe le persone...

Inviato dal mio G559T utilizzando Tapatalk
#1237871
... comunque io operatori certificati per operazioni specializzate e critiche sul sito enac ne ho visti 2-3 non di più, per quelli non critici invece di più ovvio..


Ho provato a cercare sul sito enac ma come accade spesso (almeno a me) non apre l'elenco operatori...
Però se non ricordo male Una ditta Non-so-se-posso-fare-nomi aveva ottenuto l'autorizzazione per 5 piloti insieme per un lavoro in scenario critico
e se vai a vedere nello storico trovi un sacco di operatori autorizzati, autorizzazione per un certo periodo di tempo,
forse è per questo che al momento ne vedi meno, vedi quelli che hano fatto richiesta per lavorare attualmente.

Fosse solo questo il male minore, il problema piu' grande è come dice gamba chi vola in mezzo alle persone durante un matrimonio, questi secondo me non hanno neache l'autorizzazione
per un volo non critico, per non parlare di visita medica e assicurazione.
da Rider
#1237872
L'aria non racchiusa in un volume privato appartiene al demanio. Eppure, con evidenza, l'uso è consentito in quanto bene comune, finchè non si cozza contro il principio di ledere la libertà altrui, giustamente.
Se non fosse così non potremmo organizzare un pic-nic nemmeno sul nostro terreno, giocare a volley in un parco pubblico, respirare, ecc ecc.
Certe attività hanno bisogno di essere autorizzate ed altre no, anche se TUTTE sfruttano l'aria, quindi non credo che la discriminante per distinguere cosa sia lecito e cosa non lo è possa essere questo.
Mi sembra più logico che invece siano distinte per le diverse potenzialità di arrecare danni a cose e persone.
Far volare qualcosa non sotto il nostro pieno controllo è certamente più pericoloso di altre attività, ma se lo faccio per riprendere cose e persone che sono in una mia proprietà all'aperto e le cui persone sono coscienti del rischio e lo accettano, non capisco quale principio legale e morale possa ledere. Se poi il mio aereomodello\drone\missile perde il controllo, esce dalla proprietà e finisce sulla fattoria del vicino è normale che io ne paghi i danni come in qualsiasi altra situazione.

Se invece foro una gomma e la mia automobile finisce sui passanti? Il fatto di avere la patente, l'assicurazione, un codice della strada, non mi esime dalle mie responsabilità.
Regolamentare significa mitigare certi tipi rischi (p.e. imponendo una omologazione degli apparecchi) e diversificare la gravità delle violazioni per comminare pene proporzionate. IMHO.

Ripeto che non conosco le attuali regolamentazioni, ma spero che siano adatte sia a garantire le persone e le cose altrui, che la libertà di agire dei singoli quando non ci sono rischi ragionevolmente prevedibili.
#1237890
Ripeto che non conosco le attuali regolamentazioni, ma spero che siano adatte sia a garantire le persone e le cose altrui, che la libertà di agire dei singoli quando non ci sono rischi ragionevolmente prevedibili.
Allora conviene dargli un'occhiata al regolamento cosi almeno si chiariscono un po le idee! altrimenti stiamo parlando di aria fritta.

art1 comma 3-4 .....I mezzi aerei a pilotaggio remoto impiegati o destinati all’impiego in operazioni specializzate o in attività scientifiche, sperimentazione e ricerca, costituiscono i Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto (SAPR).......Gli Aeromodelli non sono considerati aeromobili....... e possono essere utilizzati esclusivamente per impiego ricreazionale e sportivo. Pur tuttavia, il presente Regolamento contiene specifiche disposizioni e limitazioni applicabili all’impiego degli aeromodelli, per l’uso dello spazio aereo e a garanzia della sicurezza di cose e persone al suolo e degli altri mezzi aerei.
Quindi se il mezzo è usato per puro divertimento (nell'usare l'aeromodello, non divertimento nel fare riprese) allora è un aeromodello. Come è giusto che sia, lo stare a casa tua non ti autorizza a mettere a rischio cose e persone. Se usato per operazioni specializzate (cioè il fine principale è fare le riprese e non volare) allora è un SAPR

vediamo quindi i casi in cui si può volare con un aeromodello senza licenza.

sezione VII aeromodelli (che esistevano ancora prima dei droni)
articolo 35
comma1 L’aeromodellista ai comandi dell’aeromodello ha la responsabilità di utilizzare il mezzo in modo da non arrecare rischi a persone o beni a terra e ad altri utilizzatori dello spazio aereo, mantenere la separazione da ostacoli, evitare collisioni in volo e dare la precedenza a tutti.
comma3 Non è richiesta riserva di spazio aereo se:
sia effettuata di giorno e l’aeromodellista mantenga il continuo contatto visivo con l’aeromodello, senza l’ausilio di dispositivi ottici e/o elettronici;

Quindi il volo va fatto a vista non guardando un monitor per vedere cosa riprende la videocamera.

sia effettuata in aree opportunamente selezionate dall’aeromodellista, fino ad un’altezza massima di 70 m AGL entro un raggio massimo di 200 m, in zone non popolate, sufficientemente lontano da edifici, infrastrutture e installazioni;
Mi dite quanti posti conoscete con queste caratteristiche? Poi c'è anche il problema della proprietà privata: non potete andare in un terreno che non è vostro e difficilmente troverete aree pubbliche in mezzo alla campagna lontano da edifici e strade.

al di fuori delle zone regolamentate attive e delle zone proibite.
Quindi bisogna controllare sempre se l'ente territoriale non abbia regolamentato o vietato la zona. Scordatevi ad esempio i parchi in montagna sempre interdetti al volo.

comma4 Nel caso non siano soddisfatti uno o più criteri del precedente comma 3, le attività degli aeromodelli devono svolgersi all’interno delle aree istituite da ENAC per le attività aeromodellistiche
quindi nei campi volo! guardate che se andate in un posto scelto da voi vi state prendendo un bel rischio perchè il regolamento non specifica bene le zone interdette ed in caso di incidente l'unico modo di salvarsi e far si che l'assicurazione vi copra è quello di andare nei campi volo! infatti, gli aeromodellisti (quelli veri) volano sempre nelle zone autorizzate!

comma7 Su un aeromodello utilizzato in un luogo aperto al pubblico non possono essere installati dispositivi o strumenti che ne configurino l’uso in operazioni specializzate.
questo comma mi sembra abbastanza chiaro.

A me tutti questi regolamenti sembrano di buon senso e tutti mirati a separare chi veramente vuole fare aeromodellismo rispetto a chi vuole fare altro.
Ultima modifica di LordYupa il ven, 06 mag 2016 - 12:08, modificato 2 volte in totale.
da Rider
#1237903
Certamente c'è la volontà di distinguere tra aeromodellismo e riprese aeree.
I commi riportati (grazie per la cortese premura) però non mi fanno capire il perchè si vuole creare questa distinzione. Vedrò di capirne di più per mio conto.
Non voglio credere che venga fatta perchè le due categorie abbiano diversa pericolosità perchè non ne vedo il nesso. Sarà per motivi diversi, ma la distinzione c'è e tanto può bastare.

Leggendo il comma 7 sembrerebbe che si possa modificare l'aeromodello per fare un uso specialistico se il luogo è privato. Ciò va in contrasto con il comma 3, perchè uno distingue i luoghi pubblici e l'altro no. Non è molto chiaro purtroppo.

Ricordo esistono sistemi tali che il pilotaggio può essere a vista mentre un secondo operatore manovra e verifica i movimenti di una videocamera montata a bordo
da eNnvi
#1237906
il comma 7 non è come lo intendi tu:
http://www.quadricottero.com/2015/07/en ... sugli.html

l'idea è che operazioni specializzate sono operazioni professionali

infatti dal regolamento
Operazioni Specializzate: per lo scopo di questo Regolamento si intendono le attività che prevedono l’effettuazione, con un SAPR, di un servizio a titolo oneroso o meno, quale ad esempio: riprese cinematografiche, televisive e servizi fotografici, sorveglianza del territorio o di impianti, monitoraggio ambientale, impieghi agricoli, fotogrammetria, pubblicità, addestramento

quindi se le tue riprese non vengono pubblicate ma le fai per i cavoli tuoi da far vedere ai tuoi amici NON è operazione specializzata (come anche spiegato dall'ing. Cardi di ENAC)
#1237936
quindi se le tue riprese non vengono pubblicate ma le fai per i cavoli tuoi da far vedere ai tuoi amici NON è operazione specializzata (come anche spiegato dall'ing. Cardi di ENAC)
quoto questo commento preso dall'articolo che hai postato
"Come ho già scritto altrove, questo non è un chiarimento, ma un "pettegolezzo" che non avrebbe alcun valore davanti ad un giudice. Se davvero ci tengono a chiarire, lo facessero con un documento ufficiale, altrimenti sono tutte chiacchiere inutili."
il regolamento dice questo:
Su un aeromodello utilizzato in un luogo aperto al pubblico non possono essere installati dispositivi o strumenti che ne configurino l’uso in operazioni specializzate.
Si parla di installazioni, non ci sono molte interpretazioni!

I commi riportati (grazie per la cortese premura) però non mi fanno capire il perchè si vuole creare questa distinzione.
Perchè in italia siamo tutti furbi ed appena è scoppiata la moda dei droni tutti si sono messi ad offrire servizi video, senza nessun tipo di autorizzazione o omologazione, salvo far risultare che erano dei semplici aeromodellisti.

Non voglio credere che venga fatta perchè le due categorie abbiano diversa pericolosità perchè non ne vedo il nesso.
Ed invece fare riprese video con il drone è molto più pericoloso che volare in un campo privo di ostacoli e persone! in fondo le riprese video si fanno alle cose o alle persone!

Ricordo esistono sistemi tali che il pilotaggio può essere a vista mentre un secondo operatore manovra e verifica i movimenti di una videocamera montata a bordo
si lo so, ma se c'è addirittura un sistema con secondo operatore che guida la camera, mi spieghi come faresti a dimostrare che non è un mezzo specializzato a fare video ma un semplice aeromodello?
#1237956
A me sembra davvero che si cerchi a tutti i costi il trucco per fare riprese senza alcuna autorizzazione, altro che divertimento...

Inviato dal mio G559T utilizzando Tapatalk
  • 1
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 11

allora il tascam è un mero recorder mini mi[…]

Salve a tutti i membri di questa interessante comm[…]

Ciao, uso Edius 9 Workgroup e so chge è usc[…]

A parità di Budget Amd tutta la vita, stes[…]