Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni relative alle produzioni cinematografiche indipendenti...

Moderatore: Moderatori

da matteo71
#1326696
Ciao a tutti, ritorno dopo un po' di assenza dall'aver chiesto consigli su telecamere ecc..
Sono nuovamente qui, solo per chiedervi, se vi va ovviamente, di aiutarmi a capire/correggere, degli errori che sicuramente ho commesso in questo film che ho appena finito di girare e che, anche se ci proverò comunque (il link è privato), non andrà mai da nessuna parte se non sulla mia pagina You-Tube.

Premetto:

1 - sono capoccione e sono consapevole che l'audio non è buono, colpa mia che non ho speso altri 550 euro per il "boom" ma quando me ne sono accorto della sua indispensabilità, avevo già iniziato le riprese e speravo di cavarmela. Mi sbagliavo. Per cui se mi dite che l'audio è vergognoso, lo so già e m'imbarazzo da solo.

2 - gli attori si vede che sono alla loro primissima esperienza (tranne 2) e che a volte si vede che stanno leggendo il gobbo. Ed anche qui non ho potuto fare niente perchè altrimenti ci stavo 2 giorni per fargli dire una battuta.

3 - diciamo che mi sono incartato da solo con lo scrivere la sceneggiatura e che quindi il film poteva essere più dinamico. Me ne sono accorto alla fine quando l'ho visto tutto montato.

4 - avendo letto anche ABC della regia di Arjon diciamo che a volte no, ma altre mi sono arrampicato sugli specchi per rendere meno noiose le scene.

5 - era la prima volta che usavo attrezzatura simile ed ammetto che qualche volta non sono riuscito a mettere bene a fuoco e tener ferma la camera sullo stabilizzatore. Lo stabilizzatore, altra nota dolente perchè la telecamera ferma non mi ci sta e lo tengo per il braccio verticale con i pesi, diciamo che è sempre meglio che tenerla in mano, così vibra decisamente meno.

6 - le luci, questo strano fenomeno, ah ah ah, ancora non mi entrano in testa e cerco di riprendere la scena così come la vedo, in alcune, avendo preso un faretto led, ma senza il treppiede che ho preso a film finito, bhè diciamo che credo di non averlo sempre posizionato nella maniera giusta. Spero prima o poi di capire come sistemare le luci al meglio.

Tutto questo per sapere se, vedendo il film, avete dei consigli da darmi (non insulti, sono consapevole che devo ancora imparare e migliorare molte cose) del tipo:
1 - in quella scena hai fatto così, se invece facevi in quest'altro modo....
2 - la prossima volta che giri.... fai attenzione a... perchè altrimenti ti succede....
ecc...

solo se vi va nel modo che vi ho mostrato.

Grazie a quanti mi dedicheranno del tempo, e grazie anche a quelli che non vorranno farlo o più farlo.

p.s. il film è in 4k ed ho usato una BlackMagic Ursa Mini pro 12k e girato tutto in 12k con una qualità video Q5 (il prossimo sarà Q1 perchè è migliore, ma anche qui me ne sono accorto a film iniziato), lente cine prime della DzooFilm da 35mm

#1326697
Ciao Matteo, ho visto solo due scene a caso non avendo il tempo di vedere tutto un film.
Una scena sulla panchina nel parco, l'altra sul tetto dove tu parli di cupole collegate ad una linea energetica.
In entrambe, la tecnica è l'ultimo dei problemi. L'audio è pure accettabile.
Il montaggio è a caso, i dialoghi e la recitazione imbarazzante.
A titolo di esempio, nella seconda scena che ho citato hai invitato un tizio per mostrargli una linea energetica che collega dei luoghi con risultato più o meno mistico, ma la recitazione (di entrambi) sembra di uno che sta mostrando una perdita d'acqua all'idraulico.
Non c'è pathos. Sorpresa. A un tizio stai rivelando che esiste una sorta di portale con l'aldilà e questo dice "ah, ok"?
Dal punto di vista tecnico, la qualità è buona, e ci mancherebbe con una ursa 12k. Ma si sente la mancanza di una ricerca a di illuminazione, pannelli riflettenti o sottrattivi, tutto a fuoco, flares in camera, è la steadycam usata in una situazione dove uno slider sarebbe stato meglio, non dico un dolly.
Per non parlare del fatto che girare tutto con un 35mm e basta rende le inquadrature monotone. Visto che hai girato a 12k un pò di crop per simulare un tele potevi farlo qua e là.
Lasciamo stare gli effetti speciali poi...

La mia convinzione iniziale rimane. Dovevi investire non tutto su una camera, ma prendere una camera molto meno costosa (che so, la blackmagic 6k ma anche la 4k) e con quello che avanzava ottiche, luci, mattebox, filtri ND, e quant'altro.

Mia curiosità, ma quando parli del gobbo (un teleprompter suppungo), cosa stai usando?

William Fanelli - 9 dots film
#1326698
Ciao William e grazie per la risposta.
Non posso darti torto su ciò che dici.
Il crop a volte l'ho usato nel senso che a volte, per movimentare la scena, sono arrivato ad ingrandire l'immagine fino a 2 volte l'originale.
Per gobbo intendevo una persona che reggeva un foglio formato A3 dove vi era scritto ciò che doveva dire.
Per gli altri strumenti di cui parli, diciamo che ad averci i soldi.... ah ah ah, per ora mi devo accontentare così.
Le luci ancora mi sono ostiche, seguo le pagine istagram di luci, ma quelle non solo non posso permettermele, ma è come se mi rendessero l'immagine diversa da come sarebbe nella realtà e questo non mi permette di capirne il loro utilizzo.
Fusion, diciamo che neanche ci ho provato, o meglio al primo tentativo son fuggito.
Comunque ora ho iniziato a scrivere la nuova sceneggiatura, ho iniziato in maniera diversa questa volta come se dovessi fare una treccia con delle corde, fissando prima di cosa sono fatte le corde e poi iniziare a scrivere la sceneggiatura scrivendo per bene tutte le inquadrature ecc... Spero d'iniziare a girare a settembre e che questa volta abbia un risultato decente in tutti i sensi.
Grazie William.
#1326699
matteo71 ha scritto:... ma è come se mi rendessero l'immagine diversa da come sarebbe nella realtà e questo non mi permette di capirne il loro utilizzo.
Il cinema è finzione. Non è un documentario, deve essere bello, non come sarebbe nella realtà.

WF
#1326700
Capisco, ma io voglio far vedere la realtà con situazioni che potrebbero anche essere vere.
Nel senso che se nella realtà sono in camera da letto con solo una lampada accesa sul comodino, io voglio vedere solo l'ombra che quella lampada mi crea, non altro perchè così il viso della persona è ben illuminato.
Per mè la finzione è ciò che accade nel film, non il contorno o contesto, quello deve essere esattamente come lo vedono i miei occhi o chi si troverebbe li in quel momento.
E' questo che mi fa diventare ostico il tema posizionamento delle luci. Per mè le luci servono solo per aumentare la luminosità della scena senza alterarne come è realmente. Se la stanza è buia e senza ombre tale deve rimanere.
Dai che mi sono spiegato! Ah ah ah
da CCD
#1326701
Ciao a tutti. Mi limito a dire rapidamente la mia sulle poche inquadrature che ho visionato, relativa al dialogo dei tre tipi sulla panchina.
E' prassi che la macchina da presa sia alla stessa altezza degli occhi dei personaggi, salvo non gli si voglia dare un significato intenzionalmente diverso (ma non mi pare questo il caso). Le tue riprese invece sono fatte da un livello ben più elevato.

bye
#1326702
matteo71 ha scritto: mer, 20 lug 2022 - 11:13 Capisco, ma io voglio far vedere la realtà con situazioni che potrebbero anche essere vere.
Nel senso che se nella realtà sono in camera da letto con solo una lampada accesa sul comodino, io voglio vedere solo l'ombra che quella lampada mi crea, non altro perchè così il viso della persona è ben illuminato.
Per mè la finzione è ciò che accade nel film, non il contorno o contesto, quello deve essere esattamente come lo vedono i miei occhi o chi si troverebbe li in quel momento.
E' questo che mi fa diventare ostico il tema posizionamento delle luci. Per mè le luci servono solo per aumentare la luminosità della scena senza alterarne come è realmente. Se la stanza è buia e senza ombre tale deve rimanere.
Dai che mi sono spiegato! Ah ah ah
No, non ti sei spiegato.
In un film non ci sono luci che "sembrano" finte. Tutte le luci sono coerenti e "vere". Ma c'è modo e modo di presentarle allo spettatore.
Il cinema è anche fotografia, e la fotografia richiede di usare le luci in modo discreto. non si devono vedere ombre "sbagliate", all'occhio di chi guarda deve sembrare realistico, non una telenovelas con luci a caso.
Ti posto un esempio a caso, con relativo schema di luci:
289431438_536208058199264_3758796413943530727_n.jpg
289431438_536208058199264_3758796413943530727_n.jpg (103.96 KiB) Visto 577 volte
la lampada (nel tuo caso accesa sul comodino) si chiama "practical". e normalmente si sostituisce la lampada con una apposita, ben più luminosa, gestibile come colore, tipo le aputure b7c che sono perfette per questo uso.

Se insisti fai come vuoi, ma non farai mai un film.
#1326703
Ok William, cerchèrò di studiare come si mettono le luci.
@ccd la scena sulla panchina dove ci sono 3 persone è stata girata all'interno di un piccolo parco del comune di Roma dove ha sede l'Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, è: l'Acquario Romano. Posizionando la telecamera come dici tu, giustamente, avrei ripreso persone in lontananza e l'edificio proprietà del comune e quindi avrei dovuto chiedere permessi che non avevo e che credo avrei anche dovuto pagare, così come ho fatto io, si vede l'erba e potrei essere ovunque.
Questo è il luogo: https://acquarioromano.it/
#1326704
Posso dirti che a f 2.8 o 3.2 lo sfondo sarebbe stato così sfocato da non riconoscere persone e cose? E peraltro, ci sarebbe stato uno stacco tra i soggetti e lo sfondo molto più interessante?
https://dofsimulator.net/en/
#1326706
Ti pubblico un altro esempio:
289349496_534877554998981_8464626421654187071_n.jpg
289349496_534877554998981_8464626421654187071_n.jpg (132.97 KiB) Visto 541 volte
Vedi che le luci sono naturali, non percepisci il "falso" eppure ci sono almeno 8 fari + alcune "practical" e pesino un negative fill (un telo nero in pratica per assorbire la luce riflessa).
Non dirmi che l'immagine sembra falsa perchè non ci credo. Ma è finzione!
#1326707
Concludo con un esempio da usare in esterni:
278776267_489163452903725_7792323629837637872_n.jpg
278776267_489163452903725_7792323629837637872_n.jpg (152.91 KiB) Visto 537 volte
La luce sui capelli fa la differenza.
da CCD
#1326709
willyfan ha scritto: mer, 20 lug 2022 - 15:04
matteo71 ha scritto: mer, 20 lug 2022 - 14:31 Ok William, cerchèrò di studiare come si mettono le luci.
@ccd la scena sulla panchina dove ci sono 3 persone è stata girata all'interno di un piccolo parco del comune di Roma dove ha sede l'Ordine degli Architetti di Roma e Provincia, è: l'Acquario Romano. Posizionando la telecamera come dici tu, giustamente, avrei ripreso persone in lontananza e l'edificio proprietà del comune e quindi avrei dovuto chiedere permessi che non avevo e che credo avrei anche dovuto pagare, così come ho fatto io, si vede l'erba e potrei essere ovunque.
Questo è il luogo: https://acquarioromano.it/
Posso dirti che a f 2.8 o 3.2 lo sfondo sarebbe stato così sfocato da non riconoscere persone e cose? E peraltro, ci sarebbe stato uno stacco tra i soggetti e lo sfondo molto più interessante?
https://dofsimulator.net/en/
Oltre a quanto ben suggerito da Willyfan, stiamo parlando di una anonima panchina in un parco. Che ci vuole a trovarne una con uno sfondo meno riconoscibile e magari sorvegliato da un paio di collaboratori per evitare il passaggio di curiosi?
Ad ogni modo, Matteo, tu hai chiesto i suggerimenti tecnici e questo ti ho dato.
;) Non è necessario giustificarsi sul perchè non ne hai fatto uso, ma solo tenerne conto per la prossima volta, non ti pare?
Piuttosto, hai notato come nel primo esempio postato da Willyfan, che la ripresa del tavolo è fatta all'altezza degli occhi degli attori?

bye
#1326710
@ ccd sicuramente ne terrò conto la prossima volta.
Il libro di Arjon l'ho studiato a metà film girato, li ho visto che a volte facevo bene altre no.
@ William diciamo che non ho pensato in quella scena al fatto che diminuendo la profondità di campo non si sarebbe visto/riconosciuto l'edificio, credo che se avessi avuto un 25mm forse ci avrei pensato, ma con un 35mm volevo tutti e tre nella stessa inquadratura e spostarmi.
Comunque il mettere ad T 2.8/2.4 l'ho fatto sia nella scena al minuto 41,13 perchè non volevo che si vedessero/riconoscessero le persone dietro che al minuto 55,30 perchè vi erano reperti archeologici e mi era stato palesemente detto che non potevo riprenderli.
Diciamo che ho fatto pratica, a volte ci sono arrivato a volte no.
Ora dovrò vedere le luci, ora ho solo un faretto, mi sa che almeno un altro dovrò prenderlo. E mi carico sempre di più. Si perchè mi porto tutto a spalla e valigia, anche se mi danno una mano, ma da casa ci devo uscire e rientrare. Ah! Ah! Ah!
#1326934
Ciao, io concordo in tutto quello che ha detto willyfan, ma aggiungo una cosa che secondo me è a prescindere:
Tutto dipende dalle tue aspettative.
Cerco di spiegarmi:
Se tu vuoi fare un film per passare il tempo, studiacchia e compra qualcosaina per girare.
Se invece vuoi fare un prodotto decente, godibile (come spero di riuscire a fare io), allora devi si studiare e sapere come si realizza un film, ma specializzati su 1 o 2 cose, tipo: se hai a cuore raccontare storie allora sarà la sceneggiatura il tuo campo da approfondire, se invece sei un amante della tecnica allora magari la regia o fotografia o montaggio sono il tuo settore.
Poi per realizzare un tuo film anche solo da "regista" devi riuscire a coinvolgere (se li paghi o meno fa parte solo della tua capacità di coinvolgerli non solo dalla loro professionalità) altre persone che siano capaci e più avanti di te negli altri settori.
Questo il mio consiglio altrimenti non possiamo essere capaci e competeenti (e riuscire a tenere le fila durante la produzione) su tutti i settori

...se se in movimento non rischierei di usarlo […]

:wink: :dimen: uuuu

Buongiorno, ho un archivio da digitalizzare di V[…]