Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Sezione in cui parlare di come nasce e si sviluppa una sceneggiatura.

Moderatore: Moderatori

#1276923
nessuno nega lo studio.

ma il punto e' investire soldi.
qui parliamo di tecnica o altro ma nessuno spende 1000 euro per pubblicita'( in generale)

script difficile che mi rida dietro da solo..dato che mi autoproduco.

comunque lo studio non deve diventare un dogma,perche poi si crea un settore dove si specula anche a fronte di ottime cose( trovare errori apposts per lavoro..)
non dico te,ma il cinema e' comunque chiuso,cifre ultra gonfiate,figure professionali senza senso come chief runner executive..
piu crei settori,piu crei lavoro,piu girano soldi ( tra loro)

bisogna autoprodursi,e' difficile entrare con poco.

avere una buona sceneggiatura servirebbe se ci fosse piu meritocrazia.
ma antonella puo superare tutto autoproducendosi.

con 45 mila euro puo realizzarlo con stampo professionale,tipo la storia infinita( stessi fx,stessa fotografia) senza attori famosi.
da ScriptMode
#1276928
nessuno nega lo studio.... ma il punto e' investire soldi.

Credo tu non abbia letto con attenzione l'intero tread, perchè il tutto era incentrato proprio sulla questione studio, non si è mai parlato di investimenti. Il punto era infatti quanta valenza possa avere l'impiegare il proprio tempo nello studio a scapito di pseudo guide e manuali per scrivere una pseudo sceneggiatura.


bisogna autoprodursi,e' difficile entrare con poco.
avere una buona sceneggiatura servirebbe se ci fosse piu meritocrazia.
ma antonella puo superare tutto autoproducendosi.
con 45 mila euro puo realizzarlo con stampo professionale,tipo la storia infinita( stessi fx,stessa fotografia) senza attori famosi.

Dalle tue parole sembra come se l'autoprodursi superi l'ostacolo dell'aver scritto o no una buona sceneggiatura. Autoproducendosi si scavalcano i produttori, si, ma se hai scritto una pessima sceneggiatura pessimo sarà il film. Il fattore "autoprodursi" non ha nulla a che vedere con quello di cui si stava discutendo, ovvero l'acquisire bravura e professionalità studiando. La produzione dello script è il passo che viene dopo, prima bisogna aver scritto un buon lavoro, cosa che si può fare solo... indovina? studiando!
da cannibal
#1276930
Aggiungo: autoprodursi? :dimen:

Dai signori, siamo seri!

Con 45 mila uro (ammesso che uno le abbia da investire) non ci fai nemmeno il formaggio. Un film come "La Storia Infinita"? con 45 mila euro? BUM! L'ho già scritto e lo ripeto: vi prego, invitatemi nel vostro mondo parallelo. Sono troppo curioso di visitarlo.

Che poi, il quid non è la produzione. E' la DISTRIBUZIONE. Altrimenti col tuo film ti ci puoi tranquillamente pulire il... ci siamo capiti.
da ScriptMode
#1276933
Che poi, il quid non è la produzione. E' la DISTRIBUZIONE. Altrimenti col tuo film ti ci puoi tranquillamente pulire il... ci siamo capiti.

Infatti, oltre che non servire a nulla l'autoprodursi se non si ha neppure una minima base e non si sa nemmeno quello che si fa, resta poi comunque lo scoglio della distribuzione. E da che mondo è mondo un film di basso livello (perchè ribadisco per la 434545 volta, senza studiare non può venir fuori che quello) non lo distribuisce nessuno.
#1276942
script guarda che i film attuali hanno le stesse trame e strutture anni 80.
la differenza tra un seagal 80 e odierno sta nella fotografia e nel montaggio.

magari non mi capisci,ma seafal che si autoproduce,non ha problemi di script.
per far capire il senso del mio intervento.

cmq prima si dice che 45 mila euro sono pochi..pero dicendo "ammesso che uno abbia la cifra"

il solito modo per dire " non ci sono soldi..e cmq sono pochi..avendoli"

la storia infinita e' anni 80,non costava nemmeno all epoca,ora fantascienza anni 80 e' abbordabile.

mancano le idee e i registi al limite..

io cmq penso sempre che con 500 mila euro e una buona sceneggiatura si puo fare tutto,compreso la distribuzione.

aldila del sape4 produrre o distribuire,cio che conta e' credere in se stessi,sganciando un po di soldi per scrivere al top e pubblicizzarsi al meglio.

mandare la sceneggiatura e' banale in se come gesto..prova a metterci una bottiglia di don perignon..per far capire che non siete li a chiedere ma a riconoscere il grande produttore..
verdone non risponde?
nah..basta sapere cosa fare,presentarsi bene..

non lo conosco ma ho parlato con la rusic immediatamente.
affitto auto importante,bel vestito e " se vuole la legge se no accetti il pensiero.."

cmq si script,autoproduzione 'e' l ideale..
il top e' avere una ragazza top sceneggiatrice( come la davini) e 100 mila per coprire un po tutto.
i tempi del " dotto so bravo,mi dia a scians.."
sono finiti.
pero' mai arrendersi!
da clabart
#1276945
Premesso che il mondo della sceneggiatura è fuori dal mio, il fatto che si dica, ad esempio, che Verdone, pur conoscendolo, sia inavvicinabile, dico che alcuni registi sono loro stessi sceneggiatori o legati a sceneggiatori di fiducia o per parentela e finanche di matrimonio.
Quindi il fatto che possano essere inavvicinabili o meno, ci sono dietro delle situazioni che sono poco note.
da rogerlamb
#1276951
vi prego, invitatemi nel vostro mondo parallelo. Sono troppo curioso di visitarlo.

Il mondo che conosco io, lato Italia, è fatto di raccomandazioni, nepotismo e sfruttamento. Non so quale sia il tuo.
Cristopher Nolan con seimila dollari ci ha fatto il suo primo film, Following; Peter Jackson con undicimila Bad Taste. Altri tempi, altri paesi.
#1276960
tarantino,rodriguez,romero,spielberg,argento,risi,pasolini,moretti,
duel,per dire,oggi lo fai con 1000 euro.
Se non si fa credo sia un discorso legato alle idee,non certo distribuzione,script,produzione.
da ScriptMode
#1276963
magari non mi capisci,ma seafal che si autoproduce,non ha problemi di script.
per far capire il senso del mio intervento.


Il punto è che il tuo intervento è del tutto fuori contesto. Qui si parlava di sceneggiatura, in particolare dello studio di essa. Tu parli di produzione, distribuzione ecc, che è già il passo dopo.
Prima studiate e scrivete qualcosa di decente, poi, se vi è riuscito, pensate alla produzione. Sono discorsi un pò inutili in questo momento.
Mettetevi bene in testa che tutto parte da un buono script. Senza quello non c'è film, non c'è niente di niente. Quindi fate una cosa per volta.

mandare la sceneggiatura e' banale in se come gesto..prova a metterci una bottiglia di don perignon..per far capire che non siete li a chiedere ma a riconoscere il grande produttore..

Questo al mio paese si chiama "lecchinaggio", e lo attua chi non ha alcun valore e per farsi considerare deve ricorrere a questi mezzucci da paese. No grazie. Se si parla di farsi conoscenze nel giro, con l'amico dell'amico e piano piano farsi un pò di spazio perfetto, ma questa ruffianaggine è di pessimo e bassissimo livello (per me); l'impronta inconfondibile di un incapace che sa di non valere e cerca di comprarsi il produttore. Maddai.

tarantino,rodriguez,romero,spielberg,argento,risi,pasolini,moretti,
duel,per dire,oggi lo fai con 1000 euro.

:dimen:

Il mondo che conosco io, lato Italia, è fatto di raccomandazioni, nepotismo e sfruttamento.

Sai perchè? Perchè nessuno si prende più la briga di studiare e prendere questo LAVORO seriamente, sfornando soltanto incapaci che possono fare qualcosa solo ed esclusivamente tramite raccomandazione. Non ci sono più Registi, Sceneggiatori, non esiste più nulla che anche solo gli si avvicini. Oggi chiunque può fare qualsiasi mestiere, senza arte nè parte. E infatti i risultati si vedono... film di serie D. Da che mondo è mondo le raccomandazioni nascono per gli incapaci. E non studiando, solo incapaci si possono trovare in giro. Come limitare ciò? Studiando con serietà e professionalità, ponendosi una spanna sopra gli altri. Credimi, per quanto difficile sia, il duro lavoro (misto ad un reale talento) prima o poi ripaga. La raccomandazione ti fa fare un film, di pessimo livello e poi ti schiappa nel dimenticatoio, e diventi soltanto il tizio incapace che ha fatto un film pessimo perchè raccomandato... che carriera!
da rogerlamb
#1276973
Sai perchè? Perchè nessuno si prende più la briga di studiare e prendere questo LAVORO seriamente, sfornando soltanto incapaci che possono fare qualcosa solo ed esclusivamente tramite raccomandazione. Non ci sono più Registi, Sceneggiatori, non esiste più nulla che anche solo gli si avvicini. Oggi chiunque può fare qualsiasi mestiere, senza arte nè parte. E infatti i risultati si vedono... film di serie D. Da che mondo è mondo le raccomandazioni nascono per gli incapaci. E non studiando, solo incapaci si possono trovare in giro. Come limitare ciò? Studiando con serietà e professionalità, ponendosi una spanna sopra gli altri. Credimi, per quanto difficile sia, il duro lavoro (misto ad un reale talento) prima o poi ripaga. La raccomandazione ti fa fare un film, di pessimo livello e poi ti schiappa nel dimenticatoio, e diventi soltanto il tizio incapace che ha fatto un film pessimo perchè raccomandato... che carriera!

Il problema di fondo è che qua norma vuole che, per quanto uno sia talentuoso e abbia studiato, verrà sempre scavalcato dal figlio di/raccomandato di turno. C'è la possibilità di fare gavetta, tanta e troppa, ma questo significa in soldoni pagare di tasca propria per sopravvivere, con la prospettiva di un futuro in ogni caso incerto e in salita, alla portata economicamente di pochi.

Steven, con mille euro non ci fai niente. :D
da ScriptMode
#1276975
Il problema di fondo è che qua norma vuole che, per quanto uno sia talentuoso e abbia studiato, verrà sempre scavalcato dal figlio di/raccomandato di turno. C'è la possibilità di fare gavetta, tanta e troppa, ma questo significa in soldoni pagare di tasca propria per sopravvivere, con la prospettiva di un futuro in ogni caso incerto e in salita, alla portata economicamente di pochi.

Hai perfettamente ragione, difatti secondo me le alternative reali e concrete sono due: o si resta qui e si fa quel che si può, consapevoli del fatto che qui vige la regola del "chi prima arriva prima alloggia", oppure si va oltreoceano, dove vige la meritocrazia e si può sperare in qualcosa. Attenzione, non sto dicendo che lì non ci siano raccomandati e simili, anzi, ma il mercato è decisamente più vasto che in Italia, in cui le case cinematografiche sono in confronto un numero molto esiguo, e vi sono quindi, matematicamente parlando, più possibilità. A volte le soluzioni che sembrano più azzardate ed impossibili sono invece le più giuste. Solo perchè si è in Italia si crede che sia più facile entrare nell'ambiente, quando si sottovaluta il giro di raccomandazioni che c'è nel 99% delle produzioni, quindi le possibilità di farne parte sono scarsissime se non nulle , senza conoscenze. Mentre oltreoceano, dove nella sola Los Angeles ci sono centinaia di case di produzione è inutile dire che possibilità di quadruplicano (con sacrificio, devozione e talento, è sottointeso).
da rogerlamb
#1276976
Hai perfettamente ragione, difatti secondo me le alternative reali e concrete sono due: o si resta qui e si fa quel che si può, consapevoli del fatto che qui vige la regola del "chi prima arriva prima alloggia", oppure si va oltreoceano, dove vige la meritocrazia e si può sperare in qualcosa. Attenzione, non sto dicendo che lì non ci siano raccomandati e simili, anzi, ma il mercato è decisamente più vasto che in Italia, in cui le case cinematografiche sono in confronto un numero molto esiguo, e vi sono quindi, matematicamente parlando, più possibilità. A volte le soluzioni che sembrano più azzardate ed impossibili sono invece le più giuste. Solo perchè si è in Italia si crede che sia più facile entrare nell'ambiente, quando si sottovaluta il giro di raccomandazioni che c'è nel 99% delle produzioni, quindi le possibilità di farne parte sono scarsissime se non nulle , senza conoscenze. Mentre oltreoceano, dove nella sola Los Angeles ci sono centinaia di case di produzione è inutile dire che possibilità di quadruplicano (con sacrificio, devozione e talento, è sottointeso).

Ho provato due anni a Roma ed era francamente insostenibile senza essere foraggiato da qualcuno. Il sentore generale, sia nella grande produzione che in quelle più piccole è che sia naturale e scontato non pagarti, perché in fondo ti stanno facendo lavorare nel cinema, dovresti anzi essere grato di tale opportunità. L'unica via è quella di cercare di fare più contatti possibili, svilirti e sperare che la ruota prima o poi giri. Sempre che ti stia bene l'ambiente, che spesso è deprecabile.
Gli Stati Uniti rappresentano l'El Dorado, ma sinceramente non vedo porti di approdo raggiungibili da qua per via dei visti. Le scuole di cinema potrebbero aprire uno spiraglio, ma parliamo di costi spropositati.
L'unica alternativa da prendere in considerazione, finché restano aperte le frontiere, resta Londra.
da ScriptMode
#1276977
Gli Stati Uniti rappresentano l'El Dorado, ma sinceramente non vedo porti di approdo raggiungibili da qua per via dei visti. Le scuole di cinema potrebbero aprire uno spiraglio, ma parliamo di costi spropositati.

Su questo devo contraddirti. La questione visti è sicuramente un'ostacolo non indifferente, non so se sei al corrente di come funzioni, ma puoi benissimo andarci con il visto da turista (valido anche fino a 6 mesi), farti il tuo giro di contatti frequentando gli ambienti giust e se trovi qualcuno interessato al tuo lavoro assurmerti e ottenere il visto da Artista (O-1), prassi d'obbligo quindi non impossibile. Fidati, se trovi chi crede in te il visto è l'ultimo dei problemi. Bisogna però fare tanti, tantissimi sacrifici per sostenere le spese anche solo di permanenza lì.

L'unica alternativa da prendere in considerazione, finché restano aperte le frontiere, resta Londra.

Non conosco l'ambiente londinese in questo senso, ma posso dirti che ho diversi amici che sono partiti alla volta di Londra per diventare registi, attori e chi più ne ha più ne metta: sono ritornati tutti a casa. Ora, non so se sia stato dovuto ad un talento mancato o simili, sta di fatto che nessuno ha concluso nulla, perchè a detta loro "c'è soltanto tanto fumo e Londra non è un paese così tanto aperto ad altre culture come si crede, diciamo che preferiscono restare nella loro nicchia. Si possono avere collaborazioni, questo si, ma non farsi una posizione in questo campo".
#1276982
tu non fai nulla con 1000..

londra non aspetta stranieri cosi l america.
bisogna avere il pacchetto completo,qualcosa che la non hanno.
bisogna comprare una greencard importando un milione di euro di capitale
e avere un fisico ipertirato,niente calvizie,tutto in ordine.

se uno va la da turista e' difficile che ti rispondano..

hanno abbastanza talenti loro..
ecco perche lo script fatto benissimo non risolve..devi dare altro.
certo i soldi da soli senza script non servono a nulla.
ma non basta solo lo studio,serve la presenza.

lavoro in questo settore da anni e bisogna studiare il marketing,la psicologia,l accento americano etc etc
non basta solo essere accademici..
bisogna investire in pubbliche relazioni.
comunque con 2500 euro si puo fare trasferendosi a roma per 6 mesi.

1000 pr,500 revisione soggetto,500 regali ad hoc..
non so i prezzi di una revisione sceneggiatura,ma qui parla s ript.

si certo e' prostituzione.
o realta'.
bisogna studiare tale aspetto

hollywood e' cosi.

welcome!
da ScriptMode
#1276990
tu non fai nulla con 1000..

Sono curiosa, come credo ormai tutti a questo punto, di avere una tua stima in merito. Esattamente, cosa ci paghi con 1.000€ per girare un film?? Sentiamo.

londra non aspetta stranieri cosi l america.
bisogna avere il pacchetto completo,qualcosa che la non hanno.

Aspettano solo chi gli fa fare soldi. Se italiano, polacco o spagnolo, non gli e ne può fregare di meno. Se vedono in te un talento vero, investono su di te senza alcuna esitazione. Non è l'Italia, sia chiaro. Ma non lo dico io, lo dicono i fatti: molti registi italiani per poter veder un proprio film realizzato sono dovuti andare fino in America, pur essendo nel giro. Fai un pò tu.

bisogna comprare una greencard importando un milione di euro di capitale

Alt, tu stai parlando della cittadinanza, qui si sta parlando invece di visti, che sono tutt'altra cosa. Credo tu non sia molto ferrato in materia, ma non è un'offesa, lo deduco dalle tue affermazioni. La cittadinanza è un'altra storia, e non è obbligatoria per avere collaborazioni o lavori a progetto in America.

avere un fisico ipertirato,niente calvizie,tutto in ordine.

Guarda che qui si sta parlando di registi, non attori. Che gli e ne fregherà mai se sei pelato e c'hai la panza... ma che stai dicendo scusa. Trovami un solo regista americano che abbia anche solo l'aspetto di un modello. Ma chi se ne frega.

se uno va la da turista e' difficile che ti rispondano..

Forse non mi sono spiegata, io non ho detto di inviare materiale lì, ho detto di andarci e frequentare gli ambienti giusti per poter avere contatti che possano inserirti nel settore (qualora tu avessi vero e puro talento e loro vedano in te un investimento "sicuro").

ma non basta solo lo studio,serve la presenza.

E' quello che ripeto già da un pò ad oltranza.

lavoro in questo settore da anni e bisogna studiare il marketing,la psicologia,l accento americano etc etc
non basta solo essere accademici..
bisogna investire in pubbliche relazioni.

Bisogna saper vendere sè stessi, questo è quanto, e da che mondo è mondo è sempre stato così.


1000 pr,500 revisione soggetto,500 regali ad hoc..

Regali?... Senza offesa eh, ma che squallore... proprio da incapace cronico che vuole comprarsi i produttori. Lo trovo un comportamento denigratorio verso il proprio lavoro. Non viviamo nel mondo dei sogni, ma nemmeno in uno così squallido. Chi ha talento non ha bisogno di queste ruffianaggini, e chi sa fare davvero il suo lavoro non si abbassa a dei regalini per sganciare migliaia di soldi per un film.


hollywood e' cosi. welcome!

Mi sembri molto deciso in quello che dici, per curiosità, sei mai stato ad Hollywood? Intendo proprio DENTRO al giro cinematografico. Mi permetto di azzardare un secco no dalle tue affermazioni. Certo, situazioni del genere saranno anche all'ordine del giorno, perchè no, ma non esistono solo i venduti, anche fossero il 5%. La meritocrazia in America ESISTE. Capisco che per un italiano sia l'equivalente di una favola, ma è così.
  • 1
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
Acquisire mini dv

ciao,ho una vecchia Panasonic GS 500 con qualche […]

[Mini camera] consiglio

Salve a tutti, Non so se questo sia il posto giust[…]

[Panasonic AU-EVA1] Rumore video

Tra l'altro il rumore aumenta anche impostando il […]

Dal punto di vista di stabilità della camer[…]