Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Sezione in cui parlare di come nasce e si sviluppa una sceneggiatura.

Moderatore: Moderatori

#1276993
e' cio che appare,si percepisce,il messaggio e' quello.
l estetica serve come biglietto da visita.
per uno straniero.
perche' per avere uno sceneggiatore bravo e americano e uno sceneggiatore italiano bravo,scelgono il primo.
a parita di requisiti.

quindi devi dare proprio un milione per buona volonta,il visto e' un po " povero"
inoltre devi correre in quei mesi per prendere le occasioni e non e' l ideale.

non solo : io ho la doppia citizen e casa a sunset.
fare regali e' solo un gesto di cortesia,non andare a mani vuote

chi ha talento Sa che il talento va abbinato al marketing.
posso fare un ottima sceneggiatura ma senza business project non vado avanti.

con mille euro,senza attori famosi,fai esattamente duel ( proporzione tra anni 70 e ora)
anzi mettere un attore famoso e fare linee di dialogo importanti avrebbe tolto il senso al film.
il camion vive ed e' il protagonista.

pero non ha molto senso dire " eh ma lui e' spielberg.."
e parlarr di cifre iperboliche per non affrontare il fatto che non si hanno idee.

il 90 % di un budget di cameron va in location,attori e tecnici bravi,non certo nella struttura in se..
che poi si dicano cifre fuori dal mondo tipo 200 milioni di dollari ok,fa parte della grandeur,ma scriptia
cio che manca e' l idea.
a partire da aristotele le storie sono quelle.
bisogna pero leggere aristotele e smetterla coi fantabilioni ,con la cg che ormai usa preform e quindi non devi programmare ogni volta: hai una matrice( x y z) che sposti e cambi il modello e i frattali.
La scienza delle costruzioni grafiche riguarda costruire e utilizzare strutture fisico-matematiche che descrivano il comportamento statico e dinamico della struttura resistente di un manufatto virtuale e delle sue componenti (elementi strutturali) sotto l’effetto di varie azioni o sollecitazioni (forze esterne, variazioni termiche, eventi sismici ecc.). per poi impostare e risolvere problemi di resistenza delle strutture.
bisogna ovviamente studiarle queste cose,ma una volta che il progetto è fatto si sa gia cosa funziona e non funziona.
da nessundorma
#1277022
con mille euro,senza attori famosi,fai esattamente duel ( proporzione tra anni 70 e ora)

..nel senso che fai il pieno al tir con quella cifra? :-D
da rogerlamb
#1277024
Duel è costato 450 mila dollari.

Torno sulla questione Stati Uniti. La legge vieta di cercare lavoro entrando come turista. Anche qualora si riuscisse a non essere beccati, trovare un'azienda che decida di investire su di te e che si prenda in carico le pratiche per un visto è alquanto difficile, se non altamente improbabile.
A Londra so di per certo che possibilità ce ne sono (nel caso di candidati con sufficiente esperienza).
da ScriptMode
#1277042
Torno sulla questione Stati Uniti. La legge vieta di cercare lavoro entrando come turista.

Infatti io non ho mai parlato di "ricerca di lavoro", ho parlato di "crearsi dei contatti", c'è una differenza abissale, perchè infatti cercare lavoro con il visto turistico è illegale, ma nessuno ti vieta di far leggere una tua sceneggiatura ad un produttore che hai conosciuto lì, in amicizia, ad un evento o comunque in forma informale. Un lavoro implica un servizio che viene retribuito, in questo caso, dove ciò non avviene, non è assolutamente classificabile come tale il semplice chiacchierare con una persona sui tuoi progetti. Se poi, quella persona X crede nella tua opera, provvederà a reperire tutto il necessario per assurmeti.

Anche qualora si riuscisse a non essere beccati, trovare un'azienda che decida di investire su di te e che si prenda in carico le pratiche per un visto è alquanto difficile, se non altamente improbabile.

Non lo è assolutamente. Credo non sia ben chiara la mentalità che vige in America: se hai talento io investo su di te, perchè tu mi farai far soldi. Semplice. Non lo fanno certo per farti contento. Hanno fiuto impreditoriale, le spese per un visto per loro sono spiccioli (lo sono per un ristorante figurati per una casa cinematografica!). Ci sono tantissimi registi (così come attori) stranieri in America, una quantità spropositata, e non perchè siano tutti benefattori eh. Oltretutto, come ho giò detto prima, qui non si parla di Green Card, che sarebbe la residenza, moooolto più complicata da ottenere, ma di un semplice visto (O-1) che nasce appositamente per gli artisti, per consentirgli, nel lasso di tempo che serve per portare a termine il lavoro, di poter restare negli Usa. Le aziende questo visto lo hanno come modulo standard, figurati.

Conosco bene la questione Usa, ho amici artisti che si sono ritrovati a sbrigare proprio questo tipo di pratiche. In merito a questo posso dirti per esempio che New York è molto più morbida di Los Angeles. E' più "facile" trovare un aggancio, proprio per la moltitudine di generi underground e non (che siano cinematografici, musicali, ecc) e culture. Mentre Los Angeles per via di Hollywood chiaramente, mantiene e richiede comunque un certo stile; per dire, l'underground di New York è più sul punk, rap e vari sottogeneri, o Indie Film. A Los Angeles l'"underground" è semplicemente una piccola produzione/società indipendente, che tanto piccole non sono e per niente "underground" nel vero senso del termine.
#1277044
Duel è costato 450pmila dollari.

falso.

Torno sulla questione Stati Uniti. La legge vieta di cercare lavoro entrando come turista. Anche qualora si riuscisse a non essere beccati, trovare un'azienda che decida di investire su di te e che si prenda in carico le pratiche per un visto è alquanto difficile, se non altamente improbabile.
A Londra so di per certo che possibilità ce ne sono (nel caso di candidati con sufficiente esperienza).


concordo e' illegale.
chiaccherare e mostrare sceneggiature senza farsi notare prima con regali non serve.
non basta fermare uno e dirgli di leggere e lui si ferma.
il visto per artisti e' relativo solo ai conservatori,licei artistici.
non puoi dartelo tu,salvo che non abbia amici all ambasciata

luciano

io capisco che ci sia crisi,ma dire " 450 mila" ,finanche vero,non sposta la questione.

se avessi detto che un film famoso costava 10 milioni,poi arriva uno e dice " costa 120 milioni" e cosi ad libitum..
qualsiasi cifra e' sempre troppo alta per alcuni.
a quel punto,si dice una bugia bianca,per spingere voi a impegnarvi.

magari qualcuno ci crede e fa qualcosa,forse brutta,ma la fa.
altri dicono " costa 450 milioni e quindi non posso farcela"

te lo dico col cuore pur sapendo che m ignori da piccatto superiore.
io vivo a beverly hills,un conto e' cio che dicono,un conto e' la realta


a qualcosa di indecente, in tutto quel sistema. Così molti seguivano la corrente. Introiettavano il disprezzo con cui venivano trattati. Una cultura del disprezzo non è facile da sopportare, per niente facile. Pensa a gente come John Barrymore, che è morto alcolizzato. Ci sono molti modi di reagire al disprezzo. (Arthur Miller)
Ultima modifica di steven seagal il mar, 27 giu 2017 - 16:13, modificato 1 volta in totale.
da ScriptMode
#1277046
chiaccherare e mostrare sceneggiature senza farsi notare prima con regali non serve.
non basta fermare uno e dirgli di leggere e lui si ferma.

Ma queste affermazioni dove le leggi? Chi ha mai detto "fermi uno e gli fai leggere la tua sceneggiatura"? Io ho parlato di creare CONTATTI, tramite conoscenze, amici o gente che frequenta il giro, anche semplicemente i posti di svago dei suddetti produttori. Los Angeles è un set a cielo aperto, becchi tutti gli attori possibili nei posti più impensabili. Ci sono stata diverse volte e quello che per noi sembra impossibile, come fare la spesa accanto ad un attore famoso, per loro è l'assoluta normalità. Così come non è difficile beccare produttori e agenti in giro per locali. Non vivono segregati in casa eh, li trovi ovunque. Senza considerare il fatto che praticamente più della metà di Los Angeles è fatta da registi, produttori, agenti e attori. Le probabilità di conoscerne sono molto alte.

il visto per artisti e' relativo solo ai conservatori,licei artistici.
non puoi dartelo tu,salvo che non abbia amici all ambasciata

Mi pare tu non abbia proprio idea di come funzioni questo visto. E' un visto "speciale" che viene rilasciato a persone che dimostrano di avere le cosidette “extraordinary abilities” (abilità straordinarie), nel campo della musica, del cinema, del ballo e di tutto ciò che è considerato Arte. Per ottenerlo basta farne richiesta (oltretutto è uno dei più veloci da ottenere) presentando riconoscimenti vari ed eventuali (premi, targhe e cose di questo tipo), accompagnato dal nome dell'Agenzia/Manager/Locale o chicchesia che voglia assumerti. Se vieni ritenuto un "talento" il visto viene approvato. Conosco gente che lo ha ottenuto anche senza avere alcun riconoscimento particolare, raccomandato magari da un agente che lo ha scoperto e gli ha fatto da "garante".
#1277049
ok script acceto la tua opinione.
io ci vivo ma stiamo dicendo la stessa cosa,seppur io in modo crudo.

meno quello dell altro che " per onor del vero " terrorizza coi budget alti.
spero che abbia almeno 450 mila lui e che mostri qualcosa.
se no e' la volpe e l uva.
da ScriptMode
#1277051
ok script acceto la tua opinione.
io ci vivo ma stiamo dicendo la stessa cosa,seppur io in modo crudo.

Tu ci vivi? Dove?

stiamo dicendo la stessa cosa

No, affatto.
da Clicknclips
#1277056
Ma in tutto questo qualcuno sa spiegarmi il nesso tra queste chiacchiere e il tema del topic?
Se avete voglia di chiacchierare tra voi potete farlo in un nuovo topic dedicato a questo tema o in privato.
da ScriptMode
#1277059
Ma in tutto questo qualcuno sa spiegarmi il nesso tra queste chiacchiere e il tema del topic?
Se avete voglia di chiacchierare tra voi potete farlo in un nuovo topic dedicato a questo tema o in privato.

Hai perfettamente ragione, l'ho fatto presente già qualche post fa, si è andati completamente fuori tema.
da maredinemo1
#1277062
Ma in tutto questo qualcuno sa spiegarmi il nesso tra queste chiacchiere e il tema del topic?
Se avete voglia di chiacchierare tra voi potete farlo in un nuovo topic dedicato a questo tema o in privato.


grazie click. Anche io mi sono detto tra me e me, ma perchè non si mandano un pvt direttamente e continuano la chiacchierata tra loro in privato :) ?
da rogerlamb
#1277095
Si chiamano forum di discussione, non conversazioni private. :D
In ogni caso non c'è problema, tanto Steven mi dà del piccato terrorista, quando è semplice realismo.
da Clicknclips
#1277105
Si chiamano forum di discussione, non conversazioni private. :D
In ogni caso non c'è problema, tanto Steven mi dà del piccato terrorista, quando è semplice realismo.
Nei forum di discussione come questo si sta all'interno di un tema dato e non si va OT, molto semplice. I partecipanti hanno il dovere di rimanere nell'ambito del tema trattato, quando questo non avviene tra i compiti dei moderatori c'è proprio quello di rimettere in ordine le cose. Qualora si dovesse rilevare che il moderatore ha ecceduto in questa sua discrezionalità ci si può rivolgere allo Staff (staff@videomakers.net); non è ammesso contestare pubblicamente i suoi interventi.
Nel forum inoltre non è consentito appioppare epiteti di qualsiasi natura ad altri utenti del forum. Se questo dovesse mai avvenire si deve segnalare con l'apposito tasto (!) il messaggio incriminato; un moderatore si farà carico di analizzare la situazione caso per caso.
Buon proseguimento.
#1277109
chiedo scusa ma ho detto piccatto e non piccato e non era un nomignolo.
il piccatto e' colui che nonostante sia tutto a favore suo vuole raccontare la realta' partendo dal presupposto di non farcela.
la realta e' come la fai,non cio che leggi.

forse ho fatto deragliare il topic e chiedo scusa.


volevo solo dire,attinente,che lo studio e' importante ma che si studia anche la presentazione dell opera.
quindi servono soldi per finanziarsi,gesti e regali di cortesia per farsi notare( vanno avanti sceneggiature brutte perche magari presentate meglio,sapendo cio basta presentare bene e avere un ottima sceneggiatura ed evitare di essere autoreferenziali tipo " io valgo per cio che scrivo e se mi vogliono pagano")

la mia e' un opinione fatta da villa a hollywood,con feste tutti i giorni,dove lo show e' 24 ore su 24,con gente strana,auto ridicole,piscine rosa,donne con 6 di reggiseno :piange:

ed e' la mia opinione che un kolossal abbia cifre gonfiate e che duel sia una questione di sceneggiatura ( matheson diede un idea strepitosa).

mi complimento con Antonella,brava ragazza e abile nel descrivere.
  • 1
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13

Aiuto ragazzi! non capisco come mai in un progetto[…]

In genere per un dialogo si usa un solo microfono […]

Ciao Salsarico, da possessore della Sony a6500, ut[…]

[Z-CAM] Un nuovo brand sul mercato

Scusate se vado OT (ma neanche tanto visto la vo[…]