Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Sezione in cui parlare di come nasce e si sviluppa una sceneggiatura.

Moderatore: Moderatori

#1277235
Oggi ho visto uno strano film con voce narrante, JUST ADD WATER, una commedia un po' surreale. La voce è di un personaggio minore, ma importante per la svolta che dà alla trama, interpretato da Danny De Vito.

Mi sembra che una costante della voce narrante sia la sua presenza *certamente* in apertura e in chiusura del film, e spesso anche nelle svolte. Tranne che nella Compagnia dell'Anello, dove la voce narrante ha proprio lo scopo di spiegare l'antefatto (e comunque è sempre la voce di un personaggio, Galadriel).
#1277259
Ricordo male o D. De Vito era (anche) voce narrante pure nella Guerra dei ROses?
#1277541
Oggi ho visto un altro film con voce narrante, "The Host" di Andrew Niccol! In questo caso la voce narrante è all'inizio e alla fine, e penso che sia di un personaggio minore ma saggio. Ma sbaglio o anche Twilight aveva la voce narrante? Sono della stessa autrice...
#1277543
Alla breve lista che avevo proposto me ne soggiungono or ora altri due che non so come né perché mi erano sfuggiti: "Platoon" e "Trainspotting". Mica pizza e fichi no?
Ultima modifica di cannibal il ven, 07 lug 2017 - 21:04, modificato 1 volta in totale.
#1277545
Massì dai, te ne aggiungo pure un altro: "Arrivederci Amore Ciao" di Soavi. Questo, a differenza degli altri, è stato un clamoroso flop al botteghino, purtroppo. Ma ti consiglio comunque di guardarlo. Come ti consiglio l'omonimo romanzo di Carlotto da cui il film è tratto (tanto per restare in tema di "raccontare una storia alla grande", sebbene in questo caso si tratti di letteratura e non sceneggiatura).
#1277549
Nel manuale che sto leggendo, di Truby, c'è una parte dedicata alla voce narrante, cioè al narratore; l'autore scrive che ci sono tredici possibili tecniche di voce narrante.

a. il narratore è il protagonista
b. il narratore è in una situazione drammatica (Viale del tramonto, Anima e corpo, I soliti sospetti)
c. ha una buona motivazione per raccontare (Anima e corpo, I soliti sospetti, Com'era verde la mia valle)
d. non è onnisciente (Nuovo cinema Paradiso, Le ali della libertà)
e. la narrazione non è in ordine cronologico (La vita è meravigliosa, I soliti sospetti)
f. diversi modi di raccontare (fa l'esempio di due romanzi!)
g. la narrazione termina a tre quarti del film (La vita è meravigliosa, Nuovo cinema Paradiso)
h. il narratore scopre lui stesso qualcosa durante il film (Il grande Gatsby, Le ali della libertà, Quei bravi ragazzi)
i. la narrazione ha uno scopo distruttivo (??? cita l'opera teatrale "Copenaghen", probabilmente è l'unico esempio esistente...)
l. la narrazione si conclude drammaticamente (Il grande Gatsby, Anima e corpo, Le ali della libertà)
m. riguarda un personaggio morto (Quarto potere)
n. riguarda la creatività, più che l'azione (I soliti sospetti, Le ali della libertà)
o. una pluralità di narratori

Trovo Truby un po' confusionario, a dire il vero... sembra che stia scrivendo un'enciclopedia, più che un manuale.

Comunque segnala anche questi film: Il conformista, American beauty, Forrest Gump, Presunto innocente, L'orgoglio degli Amberson.
#1277575
Mi vengono in mente a spizzichi e mozzichi (come dicono a Belluno): "Apocalypse Now".

Nel manuale di Truby questo film non è mai nominato, mentre cita spesso il romanzo Cuore di tenebra, che confesso di non aver letto. Così ho scoperto che quel film è tratto da quel libro!
#1277583
Quella de "I Soliti Sospetti" non la definirei una voce narrante. E' il protagonista che racconta una vicenda (tutta falsa) a un poliziotto, e il suo racconto s'innesta allo svolgimento visivo dei fatti che ci vengono mostrati. Quindi, più che voce narrante è una voce over.

E (se sbaglio insultatemi) ma "Nuovo Cinema Paradiso" non ce l'ha proprio una voce narrante.

Ho pensato più volte di scrivere "Tutti gli errori (spesso madornali) contenuti nella manualistica della scuola americana" per proporlo poi alla Dino Audino. Ma tanto non me lo pubblicherebbero, quindi lascio perdere.
#1277597
In effetti si presenta come un manuale (fate così...), ma di fatto sono analisi dei film fatte a posteriori. Infatti mi chiedo sempre quale sia la *genesi* di questi film: l'analisi non so quanto serva a imparare il mestiere, anche se certamente fornisce molto materiale su cui riflettere. Comunque siamo già OT :lol:

4 minuti in 100 megabyte LOSSLESS?? Anche calcolan[…]

Quale monitor di qualità consigliate per la[…]

secondo me sono la somma massima che puoi pretende[…]

jvc gy-hm180e

ciao Aurelio, puoi correggere il titolo come da re[…]