Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni relative a tutte le opere cinematografiche indipendenti e non su pellicola, dvd o etere/satellite.

Moderatore: Moderatori

#1231466
Credo che si stia arrivando allo stesso problema che ha la musica oggi.
Dopo piu' di un secolo di cinema, vuoi che nulla ma dico nulla sia gia' stato sperimentato/raccontato/osato/copiato?? Al giorno d'oggi non esistono quasi piu' soggetti originali, e almeno 5 film su 10 sono remake, sequel, o peggio, reboot.

E come nella musica, il mio plauso va a chi nonostante tutto questo, osa (ma senza scopiazzare in modo evidente ed impacciato). Tarantino ha avuto negli anni 90 la fortuna (diciamolo) di portare al cinema un genere mai esplorato fino ad allora, il pulp, e la bravura di farlo in modo magistrale.
Inarritu (fan***o tutti gli accenti XD ) e' per esempio un grande sperimentatore. E merita tutti i riconoscimenti che per questo ha avuto (Birdman e' quasi un capolavoro)

Certo, osare non vuol dire sempre riuscire nell'intento, vedi le cagate che Lars Von Trier continua a sfornare! (e con questa, ban dal forum GARANTITO :( )
#1231471
Sono d'accordo anche se per la musica penso sia notevolmente peggio rispetto al cinema. Per quanto la rigiri le note sono sempre e solo sette. Sono convinto che nel cinema via sia ancora molto spazio per l'inventiva. Quello che rompe in certi film americani d'azione è il medesimo e ormai stantìo approccio per guidare lo spettatore nella trama. E purtroppo, a parte ovviamente rare eccezioni, anche il cinema italiano non fa altro che propinarti i soliti temi triti e ritriti (le corna, la mafia, lo struggente mal di vivere, ecc. ecc.), da noi non c'è più nesssuno in grado di pensare in grande (Sergio Leone docet) o se c'è manca il denaro per produrre e condurre in porto l'opera.
#1231476
Da noi sono completamente assenti i film di genere...Ricordo che negli anni settanta ,anche se visti oggi alcuni fanno tenerezza(per usare un eufemismo...)ma non tutti,potevi scegliere tra azione(polizieschi), giallo, horror ,commedia tragicomica,commedie sexy ecc ecc.Oggi il quadro è desolante...
#1231530
Da noi sono completamente assenti i film di genere...Ricordo che negli anni settanta ,anche se visti oggi alcuni fanno tenerezza(per usare un eufemismo...)ma non tutti,potevi scegliere tra azione(polizieschi), giallo, horror ,commedia tragicomica,commedie sexy ecc ecc.Oggi il quadro è desolante...


Infatti credo se ne parlasse in un altro topic. Sono davvero pochi i registi italiani con la R maiuscola, e intendo due o tre
#1231548
Da noi sono completamente assenti i film di genere...Ricordo che negli anni settanta ,anche se visti oggi alcuni fanno tenerezza(per usare un eufemismo...)ma non tutti,potevi scegliere tra azione(polizieschi), giallo, horror ,commedia tragicomica,commedie sexy ecc ecc.Oggi il quadro è desolante...


Suburra, Shadow, Tulpa, L'imbalsamatore, Arrivederci amore ciao...il bis di una volta oramai lo conoscono in molti (un po come tutti conoscono Leone), ma il bis del nuovo millennio lo conoscono in pochi (come pochi conoscono altro oltre a Leone).
#1231571
Da noi sono completamente assenti i film di genere...Ricordo che negli anni settanta ,anche se visti oggi alcuni fanno tenerezza(per usare un eufemismo...)ma non tutti,potevi scegliere tra azione(polizieschi), giallo, horror ,commedia tragicomica,commedie sexy ecc ecc.Oggi il quadro è desolante...


Suburra, Shadow, Tulpa, L'imbalsamatore, Arrivederci amore ciao...il bis di una volta oramai lo conoscono in molti (un po come tutti conoscono Leone), ma il bis del nuovo millennio lo conoscono in pochi (come pochi conoscono altro oltre a Leone).



Sono sempre un numero limitato e poco pubblicizzati (e distribuiti male),però se sono le solite commedie gli attori e registi fanno il giro di tutti i talk show possibili...
#1231582
fingerò di non aver letto nulla di quanto postato in precedenza su questo post (come sempre quando si ha a che fare con i tarantino's fan boy) e via con la rece!
visto, co calma, in lingua e 70 millimetri, 13 euro e tre ore.
da una parte si può dire che il film sia un buon film di intrattenimento. cioè, nonostante sia lungo, smisuratamente lungo, non ci si annoia, certo, spesso i dialoghi si perdono in voli completamente interni, la quantità di dettagli inutili sfiora il parossismo (dalla lettera di lincoln alla storia della taglia su jackson) ma caratterizzano i personaggi molto bene (russel, jackson, goggins, roth, anche bob il messicano è meglio di madsen, relegato a sfondo, forse perchè colpevole del famoso leak dello script).
guardando il film con una certa oggettività però non si può non pensare che sia nulla più che un capriccio manierista di un fighetto che si crede intelligente con le cose degli altri.
tarantino ha detto il 90% di ciò che doveva con le iene. il 10% con pulp fiction e ha provato a dir qualcosa ancora con jackie brown che è stato (ingiustamente) ignorato. dopo questo, onde evitare di venire ancora ignorato, lui, povero genio incompreso, fighetta piangina che se nn gli dai ragione si arrabbia, urla, strilla, piange come un bambino di 4 anni a cui viene tolto il gioco perchè è ora di cena, decide di non far più nulla se non i film "a la tarantino". ecco, la pietra tombale dell'arte, diventare maniera di sè.
quindi via di citazionismo ad alto budget e dialoghi brillanti ma in effetti inutili al fine della prosecuzione della storia.
in questo T.h.e. è LA maniera più pura.
se il film fosse durato 1 ora e 40 (la durata giusta) sarebbe stato anche un film carino, colpi di scena giusti, genere, dialoghi, sangue, poi finito e tutti in birreria.
MA non avrebbe potuto giustificare l'assurdità del 70 millimetri. CIOE' ma davvero mi fai un film in 70 mm e lo ambienti IN UNA STANZA????????????
non le ho contate, ma saranno state non più di 10 le inquadrature in cui avrebbe avuto senso fare uso del 70 mm
nel mondo del cinema reale e non quello dell'illusione tarantiniana, in cui lui, l'unico genio che sa cosa sia il cinema, un produttore lo prendeva a coppinate, fai i paesaggi in 70 mm se proprio insisti, ma le interne in 35 come tutti i tuoi colleghi. perchè la pellicola COSTA!! e nn si ha alcun vantaggio.
T.h.e. è maniera assoluta, pechè privo di fondamenta. IL SEGRETO di lei (con cui si apre il 2° tempo) non è un segreto per lei. lei HA GIA' riconosciuto i compari PRIMA dell'avvelenamento del caffè. ergo si sta nulla più che prendendo in giro il pubblico.
oi va bene, intrattiene, è un film migliore di django (non ci voleva molto), è sicuramente meglio di quell'altro western da quasi 3 ore che è uscito quest'anno al cinema (che considero uno dei film più brutti di tutti i tempi) ma da qui a dire che è il miglior western della modernità vuol dire non aver visto DEAD MAN di jarmush nè balla coi lupi (che è un ottimo film, sfortunatamente).
dire che usa il 70 mm perchè lo usa leone è una menzogna bella e buona (lo scope di leone era un 35 mm a 2 perforazioni, quindi una roba economicissima inventata da lui)
visto, passiamo oltre ora
#1231605
Stai trollando e' chiaro :lol:

no, credo fermamente da circa 15 anni a ogni singola parola che ho detto. rispondo solo perchè sia chiaro che non sto trollando, mi terrorizza l'idea che lo si possa pensare, o meglio, so che molti tarantino fan boy lo possono pensare seriamente, ma io non mi faccio onubilare il cervello da dialoghi creati per distrarre dal nulla cosmico.
quindi come non sono intervenuto in risposta ai tuoi post (trovo agghiacciante ciò che hai scritto in precedenza) ma ho elegantemente affermato che avrei fatto finta di nulla su ciò che era scritto prima, preferirei non dover star qui a difendermi dall'accusa di voler scatenare il flame.
tra l'altro, anche il titolo (non scelto da me, chiaramente) è inequivocabile
#1231617
Sul film in questione non mi pronuncio per non averlo ancora visto, ma su Tarantino è da pulp ficton che la penso esattamente come antinaturalgasmask.
Poi qui si fanno voli pindarici sul genio che gira cose splendide a 70mm e uno si sente idiota, poi per fortuna ogni tanto salta fuori qualcuno che la pensa come me.
E per fortuna, non solo in questo forum.
#1231661
no, credo fermamente da circa 15 anni a ogni singola parola che ho detto. rispondo solo perchè sia chiaro che non sto trollando, mi terrorizza l'idea che lo si possa pensare, o meglio, so che molti tarantino fan boy lo possono pensare seriamente, ma io non mi faccio onubilare il cervello da dialoghi creati per distrarre dal nulla cosmico.
quindi come non sono intervenuto in risposta ai tuoi post (trovo agghiacciante ciò che hai scritto in precedenza) ma ho elegantemente affermato che avrei fatto finta di nulla su ciò che era scritto prima, preferirei non dover star qui a difendermi dall'accusa di voler scatenare il flame.
tra l'altro, anche il titolo (non scelto da me, chiaramente) è inequivocabile



No no, ovviamente stavo scherzando! Non avrei messo l'emoticon altrimenti, quindi da parte mia nessuna accusa!
Ci mancherebbe che ora qualsiasi professionista/professionale critico cinematografico (sia esso serio o wannabe) scateni un flame per questo! Sarebbe del tutto immaturo trattandosi di una forma artistica (in quanto de gustibus non disputandum est) e poi personalmente non mi piace neanche usare toni da "quelli che hanno in mano la verita' assoluta e vomitano il Morandini nelle loro recensioni appena possono" o "io sono io e voi nun siete un c***", sempre appunto per onorare la suddetta locuzione.

pisenláv :appl:
#1231714
MA non avrebbe potuto giustificare l'assurdità del 70 millimetri. CIOE' ma davvero mi fai un film in 70 mm e lo ambienti IN UNA STANZA????????????


Proprio perché tutto in una stanza che usa il 70mm.
Lo ha detto proprio lui.
Gli interessava avere un formato molto wide, per poter includere all'interno di singole inquadrature più cose possibili e all'interno di una stanza o usi degli obiettivi molto wide (ma così avresti molte distorsioni ai bordi) oppure, come ha fatto lui, usi un formato molto wide.
Personalmente ritengo la scelta assolutamente valida e sensata.
E' forte l'idea di una messa in scena teatrale (lo prova anche il tipo di illuminazione) e a teatro tu hai sempre tutto sotto controllo (tu spettatore col tuo sguardo).
Ovvio...il cinema è altro, ma il teatro è sicuramente un'ispirazione forte.
#1231850
MA non avrebbe potuto giustificare l'assurdità del 70 millimetri. CIOE' ma davvero mi fai un film in 70 mm e lo ambienti IN UNA STANZA????????????


Proprio perché tutto in una stanza che usa il 70mm.
Lo ha detto proprio lui.
Gli interessava avere un formato molto wide, per poter includere all'interno di singole inquadrature più cose possibili e all'interno di una stanza o usi degli obiettivi molto wide (ma così avresti molte distorsioni ai bordi) oppure, come ha fatto lui, usi un formato molto wide.
Personalmente ritengo la scelta assolutamente valida e sensata.
E' forte l'idea di una messa in scena teatrale (lo prova anche il tipo di illuminazione) e a teatro tu hai sempre tutto sotto controllo (tu spettatore col tuo sguardo).
Ovvio...il cinema è altro, ma il teatro è sicuramente un'ispirazione forte.


not sure se sia uno scherzo o altro. intendo, davvero tarantino ha detto una cosa del genere? no, perchè sai, a me sa di assurdità, visto che girava in teatro, non riusciva a spostare la macchina di 3 metri indietro? no, sul serio? ha usato il 70 millimetri per aumentare il campo? giuro che questa me l'ero persa
#1231852
..visto che girava in teatro, non riusciva a spostare la macchina di 3 metri indietro? .
Che poi, i grandangoli esistono anche per il super35, e non credo che avesse problemi a noleggiarne uno.

Ho notato soltanto adesso questa discussione. Ho f[…]

infatti, dato che poi il risultato finale sar&ag[…]

Salve a tutti, come ho detto in un post qualche gi[…]

video che non si apre

Si, ma non non modo corretto https://www.videomake[…]