Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni relative a tutte le opere cinematografiche indipendenti e non su pellicola, dvd o etere/satellite.

Moderatore: Moderatori

#1273154
Sconsiglio vivamente di andare a vedere Song to song, a meno che non vi piacciano i film all'avanguardia.

La telecamera a mano non sta mai ferma: ondeggia e saltella attorno agli attori, i quali pure ondeggiano e saltellano, senza fare niente di preciso tranne girare attorno alle colonne di un cavalcavia o correre tra le rocce (queste sono le location più usate, prima che uscissi).

Le inquadrature ondeggianti si dividono tra primi piani dal mento alla fronte e l'operatore accovacciato vicino all'attore (sempre ondeggianti entrambi).

E' quasi tutto voce narrante, tranne brevi spezzoni di dialogo, e ripeto spezzoni.
#1273233
Sono contrario all'uscita dalla sala prima della fine del film, fosse anche la cosa più brutta mai concepita.
Riconosco in ogni caso come Malick sia regista ostico e molto poco mainstream. Non ho visto il film, ma la fotografia di Lubezki merita sempre d'esser ammirata.
#1273236
Anch'io non sono mai uscita prima della fine, ma questa volta mi sono veramente chiesta se non avessi di meglio da fare, tipo passeggiare e prendere un gelato :-)

Cmq La sottile linea rossa anch'io l'ho trovato un capolavoro.
#1273252
Ci sono tanti altri casi di riprese di film, di successo, ripresi con la cinepresa su spalla.
È diventato un linguaggio filmico oggi molto in voga.
#1273280
Ci sono tanti altri casi di riprese di film, di successo, ripresi con la cinepresa su spalla.
È diventato un linguaggio filmico oggi molto in voga.


Per riuscire a vedere il secondo e il terzo film di Jason Bourne,il primo ottimo.Ho dovuto "spezzettarlo in sessioni di 20 minuti,causa vera"nausea" da riprese diciamo "mosse" (soffro il mal di mare).E' un tipo di linguaggio filmico che non sopporto e non me ne frega niente del fatto che è "cool". :disgu: Oggi esistono tecnologie per rendere le immagini più fluide nelle situazione più disparate e cosa fanno questi registi ? Le rendono "inguardabili" :lol: :lol:
#1273295
In genere i film "inguardabili" di bravi registi, non gli incapaci, sono dovuti secondo me a un sostanziale disinteresse nei confronti degli spettatori. L'obiettivo non è che gli spettatori si divertano o si emozionino ecc., ma che guardino il regista che si diverte.
#1273967
In genere i film "inguardabili" di bravi registi, non gli incapaci, sono dovuti secondo me a un sostanziale disinteresse nei confronti degli spettatori...

Ma no, dai, non dire così.. Non ho visto il film ma ho sempre trovato il lavoro di Malick molto attento. Potrebbe essere un espediente narrativo. La macchina non si muove mai a caso (nel film d'autore) e anche il movimento ha il suo motivo di esistere.
Poi sul fatto che Malick abbia meno ponderatezza di un tempo sulla produzione cinematografica ne possiamo parlare, e magari ha preso uno svarione, ma almeno non devo aspettare di andare in pensione prima di vedere un suo nuovo film.
Mi hai incuriosito, cercherò di recuperarlo in sala.

Consiglio vivamente I Giorni del Cielo (1978), se non lo hai mai visto, sempre suo.
Invece Cloverfield (2008) e Hardcore! (2015) se vuoi lanciarti dalla finestra dopo pochi minuti :cran:
[Sony AX53] Nuova 4k 2016

Avere il filtro mi interessa senz'altro ( avevo co[…]

grazie del feedback, sono un attimo più tra[…]

La vedevo in cima, forse era in una sezione poco f[…]

Ringrazio anche "Graziaccio", ma dubito […]