Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni su tutti quegli argomenti di situazioni tipiche, problematiche e consigli generici per chi vive da VideoMaker (problemi di licenze, questioni fiscali, situazioni tipiche, etc.).
Non sono ammesse discussioni che esulino da quando su indicato (Es. politica, sesso, pirateria, spam, etc.)

Moderatore: Moderatori

da Koroshiya
#1101407
I miei maestri mi insegnarono: "il budget non interessa al pubblico, interessa il risultato. Il budget e' un problema solo tuo".
da Koroshiya
#1101481
Scherzi a parte non hanno tecnici esterni, quello lo fa il centro sperimentale. La scuola non ha classi quindi non si studia regia e basta, ogni studente studia tutte le discipline e a rotazione fanno i tecnici nei corti dei compagni. Per girare usano una semplice C300. Ma quello che mi ha emozionato di piu' sono state le storie. Qual e' il tuo corto preferito della Griffith? Magari non l'ho visto
da Leroux
#1102072
Purtroppo i miei corti preferiti della Griffith non sono on-line, li ho potuti vedere solo sullo schermo.
Però tra quelli on-line, ad esempio, questo secondo me non è affatto male:
http://www.youtube.com/watch?v=TwZxjDHGq7o
Secondo quanto affermato pubblicamente dalla troupe e dal protagonista (Edoardo Siravo, presente alla proiezione), questo corto è stato realizzato come esercitazione durante il corso della Griffith ed è il primo lavoro degli allievi che lo hanno scritto e girato (mi sembra di aver capito che la didattica della Griffith si basi sulla rotazione dei ruoli proprio come nella scuola di Sydney, cosa che anch'io - come te - apprezzo).
Nonostante ciò mi sembra questo corto presenti un bel numero di sfide: una sceneggiatura con molti dialoghi che si basa sulla scissione tra ciò che si ascolta e ciò che si vede, ricerca di location "impegnative" e difficili da trovare, uso del flashback con riproduzione di epoche passate attraverso scene e costumi, espedienti fotografici o di postproduzione per sottolineare tutto ciò, un montaggio serrato e arduo, direzione di un attore "navigato" come Siravo e di attori bambini...
Insomma: cosa si può pretendere di più da allievi a metà di un corso annuale per la prima volta sul set?
Alcuni difetti li noto pure io, eh: forse qualche parola di troppo, un audio a volte un pò pasticciato, un finale volutamente sospeso che ancora non so se mi convince al 100%... ma mi sembra il minimo sindacale...
Secondo te, se in 5-6 mesi di corso allievi alle prime armi realizzano un corto del genere, senza tutor sul campo, significa che la scuola non funziona? :wacko: :)
da KateUlivi
#1103424
Ciao a tutti!
io sto finendo adesso la Griffith e vi posso dire che come tutte le scuole ha i suoi pro e i suoi contro: le attrezzature nn sono un granchè ma i professori sono molto bravi. Io ho frequentato il corso di montaggio e i due professori che ho avuto mi hanno insegnato moltissimo. Ci sono dei ragazzi nel mio corso che invece non si sono trovati benissimo ma noi 6 di montaggio siamo tutti molto soddisfatti.

Usciti da questa scuola, ma penso usciti da qualsiasi scuola, non hai il lavoro assicurato ma hai fatto sicuramente delle conoscenze che ti serviranno in futuro.
Io personalmente mi ritengo soddisfatta della Griffith perchè ero entrata con l'idea di voler far parte del mondo del cinema senza però un'idea chiara, grazie alla Griffith e in particolar modo grazie al prof. Alessio Doglione (prof di montaggio) ho capito cosa voglio fare nella vita.
da Leroux
#1107635
Ciao KateUlivi! :-D
Grazie mille per la tua testimonianza.
Preziosissima per questo topic, proprio perché - finalmente! - dall'interno...

i professori sono molto bravi. Io ho frequentato il corso di montaggio e i due professori che ho avuto mi hanno insegnato moltissimo.

Mi fa piacere che mi confermi l'impressione molto positiva che io stesso avevo ricevuto dai docenti della Griffith, quando ho assistito alle loro lezioni-incontro.
I docenti sono il cuore di una scuola. Ho sempre pensato che avere attrezzature costosissime e docenti mediocri non serva assolutamente a nulla, mentre - ad esempio - un bravo docente difotografia per assurdo può fare delle splendide lezioni anche con una lampadina...

conoscenze che ti serviranno in futuro.

Anche questo mi fa piacere apprenderlo...

Io personalmente mi ritengo soddisfatta della Griffith perchè ero entrata con l'idea di voler far parte del mondo del cinema senza però un'idea chiara

Beh, questo mi sembra proprio un bel complimento per questa scuola.
Sono tanti i giovani che vogliono lavorare nel cinema, ma pochi quelli che hanno davvero le idee chiare su quale branca del cinema scegliere.
Significa che alla Griffith c'è un buon orientamento didattico, e i docenti sanno guidarti verso le tue attitudini.

in particolar modo grazie al prof. Alessio Doglione (prof di montaggio) ho capito cosa voglio fare nella vita

Ecco, ora ricordo perfettamente.
Alessio Doglione l'ho conosciuto personalmente a una di quelle lezioni-incontro a cui avevo assistito anni fa all'Isola del Cinema: aveva appena vinto il David di Donatello come montatore di "20 sigarette" (infatti all'incontro a un certo punto si è unito anche il regista Amadei).
E' stata una bellissima lezione sul montaggio!

Approfitto della tua disponibilità, per farti tre domande che possono tornare utili in questa sede.

La prima è sulle pecche che tu o - se tu sei pienamente soddisfatta - qualche tuo compagno avete individuato in questa scuola (dicevi che c'era qualche dubbio sulle attrezzature e che qualcuno, al contrario di te, non è rimasto soddisfatto proprio al 100%, giusto?)...

La seconda è sulla didattica. Alcuni allievi di scuole di cinema (persino del Centro Sperimentale) lamentano una didattica un pò a compartimenti stagni: cioè chi è iscritto a regia segue quasi esclusivamente lezioni di regia, chi è iscritto a montaggio segue quasi esclusivamente lezioni di montaggio, e così via... E' vero invece che alla Griffith, come c'è scritto sul loro sito e come hanno affermato gli stessi docenti sull'Isola, c'è una didattica interdisciplinare? Cioè, nel tuo caso: hai partecipato soltanto a lezioni di montaggio, o anche di regia, sceneggiatura, fotogrfia, ecc.? (Te lo chiedo perché ritengo che l'impostazione interdisciplinare sia l'unica davvero valida per imparare a fare cinema).

La terza domanda è sui docenti. Molti ragazzi purtroppo capitano in scuole di cinema che vantano nomi di docenti che lavorano nel settore (alcuni di essi anche piuttosto noti), che poi però si rivelano specchietti per le allodole perché non ci sono quasi mai a lezione. Nel caso della Griffith, i nomi dichiarati sul sito e in giro (in comunicati e interviste varie) rispondono a verità? Ovvero: tu hai avuto come docenti Guido Chiesa (regista de "Il partigiano Johnny", "Lavorare con Lentezza", e molti altri film), Alberto Crespi, Paolo Bravi, ecc. (quelli cioè dichiarati sul sito)? Oppure li hai visti una o due volte e ciao... (Di Doglione non te lo chiedo perché già mi hai risposto).

Grazie ancora e... attendo fiducioso! :scusa:
A proposito: Buon Anno a tuttiii!!! :birra:
da pam
#1107679
Grazie ancora e... attendo fiducioso! :scusa:

@Paolinopf autore di qst topic nel lontano Giugno2013 dopo avere ascoltate numerose e diverse opinioni su qst Scuola Privata, penso ke una vaga idea se la sia ben fatta!
e quindi il topic/domanda ha soddisfatto ed esaurito ampiamente la sua funzione.

Continuare a RECLAMIZZARE a gratis questa Azienda Privata e non un'Altra
a meno che non si abbia un palese interesse economico come mi pare evidente nel caso di @Leroux è puro SPAM e quindi non ha senso alcuno in questa sede.

Chi è interessato a qst operazioni 'commerciali', è bene che siano palesi e non occulte ai danni dei lettori del Forum. quindi contatti tranquillamente lo STAFF/MOD e si compri uno spazio pubblicitario sul portale di videomakers.net
:wink:
da Leroux
#1107720
Ciao pam,
il tuo è un dubbio legittimo, per carità.
Anzi raccomandabile. Io stesso l'ho raccomandato più volte in questa stessa sede, ad esempio:
Ma qui metto ancora una volta in guardia i giovani che consultano questo 3d: siamo in un territorio delicato in cui si potrebbe finire, a propria insaputa, tra le fauci di pubblicità occulte (tra le righe di chi parla bene di una determinata struttura) e boicottaggi occulti (tra le righe di chi ne parla male).
Quindi non mi stancherò mai di ripetere che bisogna attenersi a ciò che è documentabile, almeno se vogliamo fare di questo 3d uno strumento utile per chi ha davvero voglia di saperne di più su questa scuola...
Io dal canto mio ho raccontato esperienze dirette inerenti alla scuola in questione (pur da spettatore esterno) e ho trovato e pubblicato link a primissimi cortometraggi di allievi della Griffith, che secondo me dimostrano la serietà della scuola più di mille parole...
Quindi se c'è qualcuno che ha insegnato nella Griffith, ha frequentato un corso della Griffith, ha conosciuto allievi o docenti, ha avuto esperienze positive o negative in merito, o semplicemente vuole pubblicare/commentare un corto degli allievi della Griffith... questo sì che sarebbe utile in questa sede!

Dunque più che dirti che non ho interessi economici in merito (tanto dalle tue parole mi sembra tu abbia già emanato una sentenza), preferisco farti una semplice domanda.
Da quello che scrivi, la morale sarebbe: chi generalizza e lancia opinioni negative basate sul nulla o sul sentito dire in merito a una scuola privata è un utente autentico, invece chi esprime pacatamente valutazioni positive su di essa, pur raccomandando sempre di stare in guardia dalla pubblicità occulta e riportando oggettive esperienze e link di corti, anche su recente richiesta di altri utenti, confrontandosi costruttivamente sui giovani e sulla formazione, tra l'altro chiedendo anche a un allievo della suddetta scuola quali siano gli elementi negativi riscontrati... è uno spammer che procura danni ai lettori del Forum? :wacko:
O forse piuttosto se esiste un topic dal titolo "Scuola X - opinioni", chi contribuisce a fornire elementi (oggettivi e verificabili, ribadisco) sulla suddetta scuola arricchisce semplicemente il topic?
Se poi esprimere qualsiasi opinione positiva (anche se argomentata, documentata e aperta al contraddittorio) sul tema di questo topic attira sospetto e diffidenza, allora hai ragione tu: meglio chiuderlo qui (e anche, aggiungerei, non aprirlo per niente).
Ma non vedo perché parlare di una scuola sia un terreno minato più che parlare di una telecamera (che ha dietro un marchio, una ditta e dunque potenziali pubblicità occulte)...
Comunque sono pronto a seguire alla lettera qualsiasi invito da parte dei moderatori, da cui - "dal lontano giugno 2013" (cit.) ad oggi - non ho mai ricevuto un richiamo ma solo parole gentili e di incoraggiamento (sono sicuro che se glielo chiedi te lo confermeranno)...
Se poi anche tu sei un moderatore... allora saluto tutti e... obbedisco! :)

P.S.
La rx100 che ho acquistato su tuo consiglio (ricordi?) è una scheggia! Riprese ME-RA-VI-GLIO-SE! Grazie ancora di cuore per la dritta :birra:
(A proposito: mi sa che la Sony è un'azienda privata, non sarai mica della Sony? Ovviamente scherzo) ;)
da Koroshiya
#1108224
Se un utente ha 5000 post, e' chiaramente autentico. Se uno ne ha solo 7 e un altro scrive quasi solo in un topic, e' legittimo avere dei dubbi. Poi, in Italia non abbiamo bisogno di scuole di cinema, ce ne sono troppe. Si illudono i giovani che si possa fare questo o quel mestiere quando e' assolutamente un'utopia, il mercato cinematografico italiano e' quasi inesistente, anche una sola scuola sarebbe fin troppo per riempire la richiesta di figure, sempre che serva andare a scuola per lavorare nel cinema. Altrimenti si va ad ingrossare sempre piu' le fila dei videografi dove ormai l'offerta ha talmente superato la domanda che i lavori non vengono piu' retribuiti, e quindi non si puo' campare di video. Motivo per cui molti che prima campavano con cinema e televisione, rimasti senza lavoro, si sono inventati il business delle scuole. 20 sigarette e' un film di 4 anni fa. In ogni caso io preferisco l'approccio unidisciplinare.
da Leroux
#1108271
Bene.
Vedo che si è deciso di continuare questo topic.
Comunque d'ora in poi, a scanso di equivoci, scriverò su questo topic (come tra l'altro ho quasi sempre fatto) solamente per replicare a chi ci scriverà, salvo naturalmente diverse direttive da parte dei moderatori.
Non vorrei che si pensasse che sono io a volerlo allungare all'infinito.
(Inoltre preciserò ciò che è "verificabile" - su google, IMDB, siti vari, ecc. - in ciò che affermo).

Ciao Koroshiya,
non vorrei che ti fossi sentito preso in causa dal mio post precedente: il mio era un discorso generale.
Tu hai 5000 post e ti sei iscritto a questo forum 2 anni prima di me.
Io ho pochissimi post perché mi sono iscritto un anno fa e frequento molto meno questo forum (e internet in generale), ma chiunque può verificare che mi sono iscritto per avere consigli tecnici su telecamere, fotocamere e mini-steady da utilizzare in viaggio o in famiglia... non certo per perorare la causa di nessuno.
Ammetto di avere un difetto: non sono tanto adatto a internet, perché sono prolisso. Ma non certo soltanto in questo topic (verificabile). Mi piace scrivere e di solito scrivo in modo appropriato.
Questo topic mi ha appassionato perché mi avevano appassionato degli incontri a cui ho partecipato anni fa legati all'argomento, perché pensavo fosse utile esprimere la mia impressione (nettamente positiva, questo sì) e perché poi è stato anche l'occasione per confrontarci sui giovani, sulla formazione, sul futuro del cinema, sull'importanza di determinati aspetti rispetto ad altri nella didattica, sulla differenza tra corti italiani e corti esteri, scuole italiane e scuole estere, ecc.
Tutti argomenti molto interessanti per me...

e' legittimo avere dei dubbi.

E io che cosa ho detto?

il tuo è un dubbio legittimo, per carità.
Anzi raccomandabile. Io stesso l'ho raccomandato più volte in questa stessa sede

I dubbi sono legittimi, le certezze un po' meno. Specie in un ambito "illusorio" come quello di internet (ormai dovremmo saperlo un po' tutti).
Per questo è sempre necessario VE-RI-FI-CA-RE ciò che qualcuno afferma su internet.
Cosa che ripeto incessantemente da quando sono intervenuto in questo topic (verificabile).
E che metto anche in pratica (verificabile), cercando di spostare il dibattito su elementi oggettivi: cortometraggi (di cui ho postato link), docenti (che ho citato), didattica (su cui mi sono confrontato con tutti e ho chiesto dettagli a un allievo), ecc.
ActionCamStudio, ad esempio, ha espresso delle critiche sui link di corti (didattici) che ho postato. Gli ho chiesto di postare altri corti (sempre didattici) di altre scuole, e lui ha detto che l'avrebbe fatto. Sono ancora qui che aspetto, perché credo molto nel confronto.
Tu stesso, Koroshiya, mi hai chiesto il link di un corto Griffith che io ritenessi particolarmente valido.
Io ne ho trovato e postato uno che gli allievi hanno girato a metà corso. Aspetto ancora un commento...
Sono sempre io che cerco un dibattito costruttivo (e utile per chi legge), basato sul confronto tecnico su elementi oggettivi.
Spesso senza avere risposta...
Se volessi gettare fumo negli occhi a qualcuno, il mio atteggiamento sarebbe mooooolto diverso...
Invece ho pensato che questo topic fosse finalmente una bella occasione per confrontarsi e gettare insieme un pochino di luce su un argomento da sempre molto fumoso e ambiguo, quello delle scuole di cinema...
Ma lasciamolo valutare a chi ci legge...

in Italia non abbiamo bisogno di scuole di cinema, ce ne sono troppe

Sono d'accordo con te, sono spuntate come funghi ed è inutile, anzi dannosa, una tale proliferazione. Ma il tema di questo topic è una scuola che esiste da 14 anni (verificabile). Dunque non "ancora un'altra" scuola di cinema.
Anche se siamo in crisi e manca il lavoro, ciò a cui non si può rinunciare, secondo me, è la formazione nelle arti (non solo nel cinema).
Perché allora in Italia nessuno più saprebbe fare cinema, musica, arte visiva, scrittura, ecc.
Ecco perché è utile ancora parlare (bene o male) di scuole.

20 sigarette e' un film di 4 anni fa

E infatti gli incontri-lezione (a cui ho assistito) dei docenti Griffith all'Isola del Cinema sono stati proprio 4 anni fa, quando è uscito il film ed è stato assegnato il David al docente Griffith (verificabile).
A quanto pare la Griffith ha professionisti che - nonostante lavorino nel cinema - insegnano da anni e anni nei suoi corsi (verificabile).
Tra cui il montatore in questione, che certo insegna per passione, perché il suo lavoro è il cinema. Almeno a guardare l'IMDB.

In ogni caso io preferisco l'approccio unidisciplinare

Infatti ci sono due scuole di pensiero. Tu preferisci quella "unidisciplinare", io quella "interdisciplinare" (come la scuola di Sydney i cui corti tu stesso hai lodato).
Perché penso che il cinema (più di qualsiasi altra arte) sia un lavoro di relazione tra diverse professioni, che devono conoscersi a vicenda per trovare la giusta sinergia, il giusto equilibrio...
Anche qui, apertissimo come sempre al dibattito (secondo me utilissimo, ma non lo incoraggerò per i motivi di cui sopra)...
da Koroshiya
#1108488
Tu hai 5000 post e ti sei iscritto a questo forum 2 anni prima di me.


Mi riferivo a Pam.

Io ho pochissimi post perché mi sono iscritto un anno fa


Mi riferivo al ragazzo con 7 post. Personalmente mi fido piu' del parere di un professionista che non sa niente di suddetta scuola che di un ragazzo che ci ha studiato. Perche' l'esperienza del ragazzo e' soggettiva, non e' che ha frequentato tutte le scuole, e probabilmente non avra' esperienza professionale per fare un paragone concreto tra la realta' del mondo esteriore e quello che ha fatto a scuola.

Le scuole pubbliche di cinema esistono da piu' di 14 anni, e sono attualmente sufficienti a formare la richiesta del cinema italiano. A parte il fatto che chi ha lavorato almeno una volta nel cinema sa che non si impara a scuola.

Conosco la Sydney Film School perche' sto lavorando al film di alcuni ex-studenti. Purtroppo usciti dalla scuola si stanno dimostrando non all'altezza di gestire un set da soli e in modo proficuo. Nonostante il budget sia piu' elevato questo film non e' all'altezza dei corti visti precedentemente. Anche perche' fare un corto e' molto piu' facile che fare un film.
da Leroux
#1108514
Tu hai 5000 post e ti sei iscritto a questo forum 2 anni prima di me.

Mi riferivo a Pam.


Scusa, rettifico: ha 5000 post e si è iscritto 7 anni prima di me.
Comunque rispetto sia la tua che la sua opinione.
Mi limito semplicemente a replicare costruttivamente.

Personalmente mi fido piu' del parere di un professionista che non sa niente di suddetta scuola che di un ragazzo che ci ha studiato.

Le parole di un professionista che non sa niente di una scuola sono preziose in un topic dal titolo "[Scuole di cinema] Servono?".
Le parole di qualcuno che conosce una scuola X sono preziose in un topic dal titolo "[Scuola X] Opinioni?".
Un allievo ad esempio può dirci come funziona la didattica, come si lavora, quali sono i docenti, cosa si fa in un anno.
Lasciando magari ai professionisti la possibilità di giudicare questi dati e commentarli.
Mi è capitato di aprire un post per chiedere consiglio su una specifica mini-steady da usare da seduto.
Facciamo l'ipotesi che arriva un professionista e mi dice: lascia perdere le mini-steady, non servono a niente, funziona solo la vera steadycam.
Magari ha ragione, però a me serve una mini-steady quindi non mi ha risolto il problema e comunque preferirei avere l'opinione di chi possiede quella specifica mini-steady che cerco...

A parte il fatto che chi ha lavorato almeno una volta nel cinema sa che non si impara a scuola.

Hai perfettamente ragione: il cinema si impara sul set.
Anche a guidare si impara guidando da soli, dopo aver preso la patente.
Però almeno la patente bisogna prenderla.
Tu ora stai lavorando su un film con ex-studenti della Sydney Film School (cosa che apprendo con molto interesse!) che non si stanno dimostrando all'altezza di gestire un set da soli. Ora immagina di lavorare con quelle stesse persone, senza che però abbiano frequentato la Sydney Film School. Sicuramente protesterai perché ti troverai a interfacciarti con persone che non sanno gestire un set da soli e nemmeno in compagnia. Perché lo hanno fatto soltanto amatorialmente, con gli amici. Eppure questa situazione, secondo il tuo ragionamento, sarebbe giusta e tu non potresti lamentarti: perché sarebbe la loro unica chance di imparare il cinema, visto che le scuole non servono. Obiettivamente, pensi sia giusto così?
da KateUlivi
#1109180
Scusate è da un po' che non apro questa pagina... mamma mia quante polemiche!!!
io ho pochi messaggi ma perchè mi sono iscritta un mese fa! ;)

Leroux se preferisci ti rispondo alle domande che mi hai fatto sulla scuola in un messaggio privato o sulla tua email così almeno non si offende nessuno!
se poi qualcun' altro è interessato ad avere notizie sulla Griffith da una persona che l'ha frequentata mi può scrivere...
da Clicknclips
#1109202
Leroux se preferisci ti rispondo alle domande che mi hai fatto sulla scuola in un messaggio privato o sulla tua email così almeno non si offende nessuno!
se poi qualcun' altro è interessato ad avere notizie sulla Griffith da una persona che l'ha frequentata mi può scrivere...

Con buona pace dello spirito del forum ......
Per quanto riguarda il numero dei messaggi in questo forum esistono solo sue numeri speciali: il n. 1 che deve essere quello di presentazione, il numero 50 che da diritto al libero accesso n bacheca.
Buon proseguimento.
da Leroux
#1109221
Leroux se preferisci ti rispondo alle domande che mi hai fatto sulla scuola in un messaggio privato

Grazie mille! :-D
Sì, magari, rispondimi in pvt, quando ti va...

se poi qualcun' altro è interessato ad avere notizie sulla Griffith da una persona che l'ha frequentata mi può scrivere...

Bravissima: con 2 parole hai tagliato la testa al toro e hai dato un happy end a questo topic... :scusa:

Grazie ancora e spero a presto! :birra:
da KateUlivi
#1110875
Per quanto riguarda il numero dei messaggi in questo forum esistono solo sue numeri speciali: il n. 1 che deve essere quello di presentazione, il numero 50 che da diritto al libero accesso n bacheca.
Buon proseguimento.


scusa, non ho capito a proposito del numero 50... il numero 1 fatto, ma il numero 50?
  • 1
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7

Buongiorno a tutti, sapete dirmi con certezza se u[…]

[Cyberlink Power Director]

Salve a tutti, sono un novellino (e anche anziano)[…]

Complimenti. Posti stupendi e montaggio efficace. […]

Ciao Lollipop, vedendo in giro non pare esistere u[…]