Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni su tutti quegli argomenti di situazioni tipiche, problematiche e consigli generici per chi vive da VideoMaker (problemi di licenze, questioni fiscali, situazioni tipiche, etc.).
Non sono ammesse discussioni che esulino da quando su indicato (Es. politica, sesso, pirateria, spam, etc.)

Moderatore: Moderatori

#1228277
Salve a tutti,
ho un problema che no è solo il mio quindi spero che arrivino delle risposte preziose per molti.
Mi trovo a non poter fare a meno di aprire una p.iva, sono un videomakers puro faccio riprese e montaggio, lavoro per eventi, backstage di moda, documentari, quest'anno una possibile collaborazione e il probabile sforamento dei 5000 euro delle ritenute d'acconto oltre al desiderio di inquadrarsi professionalmente non mi fà avere scelte.
Pensavo fosse piú facile fare la p.iva regime agevolato ed invece vedo che per il codice ATECO che credo sia il nostro cioè 59.11.00 ci sono molti dubbi che non mi sono stati chiariti dai post qui letti. Innanzitutto A)il mio commercialista mi dice che la nostrs inps di Arezzo dichiara questo codice ex enpals e quindi pagherá il 33% in quella cassa e non il 27 su quella inps ma il brutto é che se io lavoro per qualsiasi azienda, anche un salumificio per esempio, questo deve pagare una parte di enpals..e qui non va bene al cliente B) Da quello che si dice qui e in altri gruppi di videomakers, uno con quel codice può scegliere se essere libero professionista e pagare la gestione separata oppure iscriversi alla camera di commercio come artigiano, nessuno o quasi nomina ex enpals che sembra essere la nostra cassa previdenziale e a me va anche bene se non ci fosse il fatto di far pagare una parte al cliente.Il commercialista non trova il suddetto codice in quelli che rientrano nella gestione separata quindi dice che non sia possibile, dice anche che in italia tutto è possibile però in teoria..C) Il commercialista mi dice come opzione 74.20.19 Altre attività di riprese fotografiche che include riprese di eventi matrimoni ma non nomina post produzione che é la maggior parte del mio lavoro, e affiancare un secondo codice 59.11.00 che serve nel caso fatturi a teatri produzioni e tv.
Stiamo ancora cercando una soluzione che sia chiara, spero che voi sappiate aiutarmi grazie alla vostra esperienza, cioè se mi dite che nella vita reale con il codice 59.11.00 puoi andare in gestione separata o essere artigiano senza problemi e senza la necessità di versare all'ex enpals, o altre soluzioni praticabili.
Grazie!
Ultima modifica di Clicknclips il ven, 29 gen 2016 - 19:35, modificato 1 volta in totale. Motivazione: Conformato titolo al regolamento
#1228305
L'unico modo per frugare ogni dubbio e andare direttamente all'agenzia delle entrate.
Domani, appena ho un'attimo, vedo il codice che ho.
Ho anch'io la P. Iva agevolata.
Tieni presente che ogni anno cambiano.
#1228314
Grazie della risposta Erprincipe, , mi farebbe comodo infatti sapere un pò che codice viene usato da chi la p.iva già ce l'ha, sicuramente sentirò di nuovo l inps anche se a quanto pare il nostro codice non sembra presente in quelli rientranti nella gestione separata e nemmeno in quelli di artigiano quindi vorrei proprio sapere come molte persone nel blog dicano di avere il benedetto 59.11.00 e appartenere alla gestione separata quando a me dicono che sia ex enpals, insomma se qui c'è gente che ci lavora ci sarà qualcuno in grado di dirmi che codice ha e come fattura, infatti per enpals una parte ricade sul cliente, cosa che andrebbe bene se fosse solo per lavori dello spettacolo, meno quando si lavora per privati o ditte che niente hanno a che fare con lo spettacolo se non per il fatto che gli stai facendo un video.
#1228328
Buongiorno,
prima di tutto mi presento, sono il commercialista del Sig.Cardog che ha aperto la discussione. Mi piace intervenire, perché credo che nel mio lavoro, come in molti altri, sia utile confrontarsi.
Allora, tanto per iniziare vi dico che i dubbi che avete sono tutti legittimi, in quanto nel nostro paese le norme che regolamentano il vostro settore non sono molto chiare, anzi a volte non esistono proprio. Questo perché la figura del videomaker è una figura relativamente giovane e nessuno si è preso la briga di regolamentarla.
Il primo dubbio a cui si va incontro è la scelta del codice di attività che andrà comunicato all’Agenzia delle Entrate, il famoso codice Ateco. Per la vostra categoria ritengo che il codice più giusto sia il
59.11.00 “Attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi”.
Il secondo problema, che è quello più rilevante, è la scelta della cassa in cui versare i contributi. Molti dicono, gestione separata, altri artigiani, altri ancora ex enpals.
E’ qui è bene fare un po’ di chiarezza. La cassa di contribuzione, ahimè, non si può scegliere, ci sono delle regole. Dunque per quanto riguarda il codice di attività sopra menzionato, non si può iscrivere alla gestione separata (in quanto per potersi iscrivere alla gestione separata servono dei codici attività ben precisi e sono quelli del link, che qui vi riporto: https://servizi2.inps.it/servizi/WADips ... ATECO.aspx ). Da una mail di richiesta all’Inps di Arezzo mi hanno risposto che tale codice di attività non è iscrivibile all’inps gestione artigiani, in quanto rientra tra le attività da iscrivere obbligatoriamente alla gestione ex enpals. Dunque sembrerebbe che il nostro codice sia iscrivibile solo all’inps-ex enpals. Però mi sono venuto dei dubbi, e a quanto pare anche questi sono legittimi. Infatti, come molti di voi sapranno, la contribuzione all’ex enpals funziona in maniera differente rispetto alle altre, sarà il committente del lavoro a dover versarla per l’artista, in questo caso il videomaker. Funziona così: il committente verserà all’ex enpals il 33% del vostro compenso, trattenendo 1/3 di questo 33% dal vostro compenso e 2/3 di tasca propria. Tutto bene se il committente è una ditta che già lavora nel mondo dello spettacolo e sa cosa sia l’ex enpals. Ma se il committente fosse un privato? E se fosse invece una macelleria che vuole fare un video per schiaffarlo sul proprio sito web? Quindi mi sono preso la briga di telefonare anche all’ex enpals (che sembra ormai una creatura mitologica). La loro risposta è stata quella che temevo: 1) per le ditte che già lavorano con ex enpals non ci sono problemi; 2) per le ditte che non lavorano con ex enpals non ci sono problemi, in quanto se hanno già dei dipendenti avranno anche una matricola inps, quindi potranno serenamente versare all’ex enpals al momento in cui verseranno i contributi dei dipendenti; 3) se la ditta non avesse i dipendenti dovrà aprire una matricola inps e versare all’ex enpals; 4) quando gli ho detto che il videomaker può fatturare anche hai privati, e qui l’operatore s’è sentito male….scherzi a parte, mi ha detto che non potendo i privati versare all’ ex enpals il videomaker dovrà aprire un secondo codice di attività e versare solo in questo caso alla Gestione Separata; 5) alla mia domanda su quale codice attività fosse più opportuno aprire mi ha risposto “uno generico, che faccia al suo caso iscrivibile alla Gestione Separata”.
Da qui l’idea di aprire intanto con un codice attività non iscrivibile all’ex enpals, perché diciamoci la verità spiegare al macellaio o al bottegaio che devono versarti il 33% di contributi all’ex enpals non sarebbe poi così semplice. Poi se la fortuna ci arriderà e avremo committenti di un certo spessore apriremo il codice 59.11.00 come attività secondaria e verseremo sti benedetti contributi all’ex enpals. Il codice 74.20.19 “Altre attività di riprese fotografiche” ,lo so vi farà storcere un po’ il naso, però tra le attività previste al suo interno ha la seguente “videoregistrazione di eventi: matrimoni, meeting, eccetera….” e inoltre rientra tra i famosi codici ateco iscrivibili alla Gestione Separata, quindi si andrebbe a fatturare sia a ditte e che a privati con la gestione separata.
Per adesso questa è una soluzione in divenire, nel senso che spero che ci sia il problema di doversi iscriversi anche all’ex enpals. Spero di non avervi tediato troppo con questo post fiume. Se avete domande o suggerimenti venghino, siori venghino!
#1228333
Buongiorno.
Visto la giusta domanda, mi informo dal mio commercialista lunedì mattina, in modo da darvi le direttive giuste.
Cmq, se non ricordo male, io ho la gestione separata, ma non ricordo il codice Ateco.
#1228337
Ciao DottCattivo,

Mi sapresti dire come mai io da visura risulto
59.12 principale
59.11 secondaria
74.10.2 secondaria
e risulto Artigiano?

Io non ne capisco niente ha fatto tutto il mio commercialista
#1228352
Ciao LordYupa,
allora 59.12.00 dovrebbe essere "Attività di post-produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi" , quindi ciò significherebbe che la tua attività principale è quella di post produzione. Come sopra detto, l'attività 59.11.00, almeno all'inps, di Arezzo mi dicono sia iscrivibile solamente all'ex enpals; in effetti non è detto che se la tua attività principale è quella di post produzione questa non sia iscrivibile come artigiana, io perlomeno la post produzione ce la vedo come attività artigianale. Proverò a sentire l'Inps. Il guaio è che a volte capita che le varie sedi Inps di Italia non sempre diano le stesse interpretazioni.
Comunque ti faccio sapere. Buona giornata
#1228358
Si, la mia attività principale è postproduzione. Solo su tutti e 3 i codici c'è scritto albo artigiano.

Pago regolarmente l'inps come artigiano ma quando ho lavorato per produzioni televisive come operatore in quel caso ho fatto fattura con Enpals. (mi richiedevano l'enpals la produzione dei programmi tv)

Ripeto che non ne so nulla vi riporto solo quello che mi ha fatto fare il mio commercialista.
#1228371
Ciao dottcattivo,
la tua presenza su VM.net è senz'altro gradita ma, per cortesia, uniformati al nostro Regolamento e inserisci il tuo topic di presentazione nell'apposita sezione.
Naturalmente fa piacere a tutti avere una voce competente in tematiche fiscali che mette a disposizione la sue conoscenze in modo assolutamente gratuito.
Attendiamo la tua graditissima presentazione.
Grazie per l'attenzione.
#1228534
Ciao LordYupa, il commercialista mi chiedeva quando ti eri iscritto e quale sia la tua sede inps perché dice che a questo punto la cosa subisce diverse interpretazioni a seconda di dove ti iscrivi visto che nel mio caso hanno detto che con quei codici non posso iscrivermi ne come artigiano ne come libero professionista; intanto grazie della tua partecipazione, qui sembra che gli altri del forum questi problemi o dubbi non se li siano chiesti, non ce li abbiano ma nemmeno dicono come risolverli
#1228536
Ciao cardog,
Mi sono iscritto nel 2011 a Teramo.
Comunque non vedo il problema se all'inps di Arezzo vogliono un'altro codice metti quello!
a te non cambia niente.

Visto come vanno le cose in italia non mi stupisce che ogni inps faccia come vuole l'importante è trovare la soluzione ed il tuo commercialista penso che l'abbia trovata!

In fondo il commercialista serve a questo!
Io ogni volta che ho un problema con le agenzie a cui fatturo, do direttamente il numero del mio commercialista all'amministrazione!
è impossibile per noi comuni mortali stare dietro a tutte queste leggi che cambiano ogni giorno!
#1228542
Grazie, noi proseguiamo nella ricerca di un giusto codice, probabilmente nel 2011 era possibile iscriversi con quel codice. Hai ragione che alla fine una soluzione la troviamo solo mi sembra stupido dovermi iscrivere come fotografo o simile quando faccio un altro lavoro pero' viviamo in Italia...vero
#1228544
Dai un'occhiata a questo studio di settore

http://www.agenziaentrate.gov.it/wps/fi ... visive.pdf

pagina 8
Cluster 7 – Riprese video di eventi ad uso privato
si fa riferimento aal'esistenza di numerose attività in forma individuale che hanno come clienti i privati con i codici 59

Se è cosi allora si può fare visto che già ci sono molte attività individuali con i nostri codici che fatturano ai privati visto che ai privati non si può fare fattura con l'enpals
#1228555
Ciao ragazzi.
Ho ricevuto la risposta dal mio commercialista.
Il codice Ateco è il seguente ed ho inserito annessa ricerca fatta nell'agenda dell'entrate :http://ateco.infocamere.it/ateq/ricercaAttivitaNew.action

Attività Dichiarata: 742019
   Ambito di interesse: Codice Ateco

74.20.19 
ALTRE ATTIVITA&apos; DI RIPRESE FOTOGRAFICHE<br>
produzione di servizi fotografici per fini commerciali e amatoriali: ritratti fotografici quali foto formato tessera, foto scolastiche, servizi per matrimoni eccetera, foto pubblicitarie, per pubblicazioni, per servizi di moda, a scopo di promozione immobiliare o turistica, videoregistrazione di eventi: matrimoni, meeting eccetera;


Inoltre ho la gestione separata dell'Inps.
#1228570
Grazie Erprincipe,
credo proprio che faro' anche io con quel codice aggiungendone uno secondario, vi tengo aggiornati, grazie a tutti voi!

Ringrazio anche "Graziaccio", ma dubito […]

[Sony AX53] Nuova 4k 2016

Mi pareva strano che il tuo paraluce non oscura gl[…]

ciao @luca, abbiamo risposto in contemporanea

Salve a tutti, Recentemente ho comprato una Canon […]