Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni su tutti quegli argomenti di situazioni tipiche, problematiche e consigli generici per chi vive da VideoMaker (problemi di licenze, questioni fiscali, situazioni tipiche, etc.).
Non sono ammesse discussioni che esulino da quando su indicato (Es. politica, sesso, pirateria, spam, etc.)

Moderatore: Moderatori

da gerod
#1270858
Comunque o 1300 o 3000 euro che sia, e' chiaro che non si parla di 300 400 euro


Per dindirindina... qualcuno se n'è accorto :birra: :wink:
da LordYupa
#1270863
Dico la mia....
Ci sono lavori e lavori e su questo do' ragione a gerod.

In uno spot nazionale dove ho fatto solo degli effetti su qualche scena di pocchisimi secondi oltre 2000 euro li ho presi solo io, immagino che lo spot completo meno di 70-80 mila euro non sia costato, visto quante persone ci giravano intorno tra produzione e post produzione.

Dall'altra parte ci sono piccoli spot che vengono fatti per piccole emittenti private che qui da me le varie emittenti vendono da 300 euro in su, e 300 euro sono ben pagati visto che in 2 ore girano e in 2 ore montano uno spot vetrina che per essere gentile definisco "basico".

Questi secondi lavori io non li prendo neanche in considerazione perchè oltre a non essere professionali per ragioni evidenti, non portano nulla alla mia formazione e tutti i colleghi che hanno deciso di prendere questa strada (perchè il lavoro è lavoro) alla fine sono rimasti bloccati in un limbo e non sono mai riusciti a fare il salto. Tutto dipende da quali sono le proprie ambizioni e se si è disposti a rischiare!
da willyfan
#1270883
300 euro sono ben pagati visto che in 2 ore girano e in 2 ore montano uno spot vetrina che per essere gentile definisco "basico".
Chiariamo una cosa, premesso che ognuno decide da se che lavori fare, la mia obiezione non è fare un lavoro girato in due ore e montato in due ore per 300 euro, che ci può anche stare come giustamente dice lordyupa.
Il problema è fare per 300 cose che comunque costerebbero 7-800.
Do un altro mi contributo.
Un video per un produttore di oggetti di arredamento, girato in una giornata nello show room, senza avere uno story definito, girato con gimbal e cavalletto, alcune luci di rinforzo e montato in 5 ore + 3 per rifacimenti vari, costo 1200 euro.
Ora, quello del ristorante è certamente un lavoro più complesso. Se anche fosse stato girato in un giorno, vuol dire che 3-4 persone hanno lavorato dalla mattina presto alla sera tardi, perchè sono certo che i take non erano tutti buoni.
In ogni caso, come dicevo un lavoro nazionale può costare anche 80.000 euro (come sempre dice lordyupa) e in alcuni casi pure di più. Un lavoro locale ben fatto può o no costare 3000 euro?
Molti anni fa lavoravo pure io in una TV locale, facevamo gli spot a 300.000 lire ma erano 4 fotografie messe in fila e se andava bene una inquadratura della vetrina. Mica una cosa con gli attori ecc.
Attenzione, che il discorso del video giapponese è uscito dopo, il topic da cui nasce il tutto descriveva l'intenzione di fare uno spot, con attori in primo piano al tavolo e comparse sullo sfondo (alle quali chiedere liberatoria) il tutto a 300 euro. Magari compresa la commissione per la terza parte.
Ora , il mio costruttivo contributo è un invito a non svendere il proprio lavoro, o si rimane veramente nel limbo dei sottoscalisti. Questi sono IT, consigli per un buon risultato.
da gerod
#1270925
Dico la mia....
Ci sono lavori e lavori e su questo do' ragione a gerod.

Questi secondi lavori io non li prendo neanche in considerazione perchè oltre a non essere professionali per ragioni evidenti, non portano nulla alla mia formazione e tutti i colleghi che hanno deciso di prendere questa strada (perchè il lavoro è lavoro) alla fine sono rimasti bloccati in un limbo e non sono mai riusciti a fare il salto. Tutto dipende da quali sono le proprie ambizioni e se si è disposti a rischiare!


Buongiorno LordYupa e benvenuto.... diciamo che anche tu hai sintetizzato la sostanza di tutti gli interventi fatti sin qui partendo dall'altro Topic che è andato un po OT. condivido tutto al 1000x1000 così come già condividevo e condivido il principio di Willyfan.
Prendo spunto anche dall'ultima parte del tuo intervento per EVIDENZIARE, perché credo si stia facendo un po' confusione sulla mia posizione, io NASCO COME GRAFICO PUBBLICITARIO e OPERATORE VIDEO PER TV (un paio d'anni attraverso agenzia privata e non dipendente dalla emittente) dunque a parte i servizi cerimoniali, in ambito pubblicitario le mie competenze si fermavano a televendite in studio o in altri ambienti privati mentre miei colleghi uscivano per raccogliere contributi filmati per montare i classici spot amatoriali da mandare in onda all'interno del palinsesto (come fanno tutt'oggi anche se alcune emittenti si sino un po' erudite).
ERGO... non faccio parte del gruppo dei tuoi colleghi che hanno sposato la linea 300 MA AIHME' neanche degli esperti di SPOT come sarai senz'altro tu da quello che posso dedurre e Willyfan (con profonda e sincera invidia :birra:
QUESTO PERCHE' nella mia lunga carriera di grafico creativo, che ha curato e approfondito le materie AMATE (grafica, video, disegno, 3D, motion graphic con padronanza varia a seconda del tempo dedicato), parlando di video non sono stato mai bravo a trovare la strada del broadcaster di livello ma solo post e per lo più cerimoniali che da ragazzo sono le strade più facili per cominciare.
Tirando le somme in termini di SPOT da quando mi sono sganciato dalle TV (ormai circa 20 anni addietro :P ) mi sono capitati 2 spot contati sulle dita dal taglio amatoriale seppur uno addirittura per un famoso marchio internazionale per l'Italia.
Questo giusto per inquadrare la mia posizione perché qui sembra che si remi dalle parti opposte mentre in realtà si parla di situazioni ed esigenze contingenti.

A seguire per Willy :ciao:
da gerod
#1270930
Il problema è fare per 300 cose che comunque costerebbero 7-800.

Willy per mio scrupolo sono andato a dare un'occhiata ad inizi Topic (questo e quello precedente cominciato con le liberatorie).
Mi sarà sfuggito di nuovo ma mai è stato scritto "si deve fare un video da 800/3000 € a 300. Avevo chiesto solo una info per mio scrupolo anche perché una volta fatto lo spot il problema della liberatoria cadrebbe sempre sul cliente non sui costi dello spot a meno che non mi fossi voluto prendere le corna da terra in qualità di consulente ma non lo sono perché c'è il cosiddetto tramite che dovrebbe esserlo per lui.
Trattandosi per me di nuovo spot a distanza di "un bel po' di tempo"... mi era venuto il cruccio su come comportarmi anche agli occhi del tramite.
Qualunque fosse stato il prezzo pattuito sarebbe stato il prezzo per me, il mio lavoro (riprese+montaggio) il resto lo avrei demandato al suo ruolo compreso il recupero di comparse e quant'altro. Penso che lui abbia un mandato quindi i sui guadagni dovrebbero venire da altro (boh... non sono affari miei). Se vedi il tour aziendale da me linkato https://youtu.be/jwCEo3Nm8kI la gente che si vede non ha firmato una emerita cippa. chiaramente io ho avvertito il cliente che puntualmente se ne è fregato (bontà sua).
Inoltre se vai a rileggere ho scritto pure che in me già sapevo la risposta ma speravo in suggerimenti per attutire la presenza del pubblico come ad esempio l'effetto Boken che qualcuno a bocciato a priori.

Do un altro mi contributo.
Un video per un produttore di oggetti di arredamento, girato in una giornata nello show room, senza avere uno story definito, girato con gimbal e cavalletto, alcune luci di rinforzo e montato in 5 ore + 3 per rifacimenti vari, costo 1200 euro.

Anche a me è capitato un lavoro per quella cifra forse un po' di più non ricordo è passato un po' di tempo. Cliente scuola pubblica, fondi PON... e ti assicuro che ho lavorato molto meno di te (per l'esempio che hai fatto e alla fine ho raccolto 3 brevi interviste e una conferenza con sola camera fissa e audio ambiente (anche se per non annoiarmi andavo di continuo in tele).
Questo per dire che non ci si svende ma a volte si è costretti a scende a compromessi in base alle esigenze del momento. Se poi uno è sempre all'apice... :scusa:

Molti anni fa lavoravo pure io in una TV locale, facevamo gli spot a 300.000 lire ma erano 4 fotografie messe in fila e se andava bene una inquadratura della vetrina. Mica una cosa con gli attori ecc.

Si... è il livello basso e sbrigativo degli spot TV locali persevera ancora tranne eccezioni di tanto in tanto... PERO' non trascurare una cosa: le TV locali hanno sempre avuto una precisa filosofia, almeno (scusa ma debbo ri-scriverlo :P ) dalle mie parti, ti "regalo" lo spot (tanto l'operato è un dipendente e lo pago a prescindere) tanto guadagno dal contratto di messa in onda dello stesso.

Attenzione, che il discorso del video giapponese è uscito dopo, il topic da cui nasce il tutto descriveva l'intenzione di fare uno spot, con attori in primo piano al tavolo e comparse sullo sfondo (alle quali chiedere liberatoria) il tutto a 300 euro. Magari compresa la commissione per la terza parte.
Ora , il mio costruttivo contributo è un invito a non svendere il proprio lavoro, o si rimane veramente nel limbo dei sottoscalisti. Questi sono IT, consigli per un buon risultato.

NON E' ESATTO. C'era/C'è uno spot da fare ed io preventivamente, ma solo per curiosità e mio scrupolo, volevo consigli per evitare le liberatorie che, comunque, conoscendo certi personaggi non sarebbe stato un problema mio perché se ne sarebbero fregati. Proprio come per il video linkato sopra.
Dunque, CREDIMI, l'intenzione, quando scrivi "il tutto descriveva l'intenzione di fare uno spot", è stata male interpretata.

Ciao Willy e buon lavoro :wink:

Son sempre qui per CRESCERE e migliorarmi :)
da LordYupa
#1270936
non faccio parte del gruppo dei tuoi colleghi che hanno sposato la linea 300 MA AIHME' neanche degli esperti di SPOT come sarai senz'altro tu da quello che posso dedurre e Willyfan (con profonda e sincera invidia
Vedi gerod, a parte che di strada ne devo fare tanta anche io, quando dico che bisogna rischiare intendo che bisogna fare investimenti in attrezzatura ed in formazione, bisogna fare spot con un'approccio più professionale magari anche su prodotti o soggetti inventati e sopratutto, con qualcosa in mano, bisogna sapersi vendere, ma non al cliente privato ma alle agenzie!!! Tutto questo porta via tempo e denaro ma è l'unica strada per uscire dal mercato della "vendita al dettaglio dei video" ed è una strada in salita :)
da willyfan
#1270940
Non voglio continuare all'infinito la discussione su cosa uno ha scritto, ma se si mette in dubbio che so leggere un po' mi offendo.
Nel topic precedente, nel post 1 si parla di spot, di comparse, di liberatorie e di attori, nel post 3 si parla di chiedere 300 euro per prenderne 250.
Non so cosa posso avere frainteso, ma mi pare di capire che l'idea iniziale era di fare uno spot, con attori e gente ripresa nel ristorante a 250 forse 300. Non so cosa abbiano capito altri lettori, ma scripta manent.
#1270951
che più che a mano per simulare un piccolo dolly converrebbe uno stabilizzatore... Magari un Osmo. Che dite?

Bhè si, io ho fatto riferimento al fatto che tu stesso abbia messo in chiaro che non ti è possibile al momento utilizzare nessun'altra attrezzatura oltre quelle già in mano, quindi sono andata sull'economico estremo e ho suggerito di ricrearlo "a mano", ma effetivamente mi rendo conto che sarebbe molto difficile se non sei un esperto.

Questi secondi lavori io non li prendo neanche in considerazione perchè oltre a non essere professionali per ragioni evidenti, non portano nulla alla mia formazione e tutti i colleghi che hanno deciso di prendere questa strada (perchè il lavoro è lavoro) alla fine sono rimasti bloccati in un limbo e non sono mai riusciti a fare il salto. Tutto dipende da quali sono le proprie ambizioni e se si è disposti a rischiare! - Vedi gerod, a parte che di strada ne devo fare tanta anche io, quando dico che bisogna rischiare intendo che bisogna fare investimenti in attrezzatura ed in formazione, bisogna fare spot con un'approccio più professionale magari anche su prodotti o soggetti inventati e sopratutto, con qualcosa in mano, bisogna sapersi vendere, ma non al cliente privato ma alle agenzie!!! Tutto questo porta via tempo e denaro ma è l'unica strada per uscire dal mercato della "vendita al dettaglio dei video" ed è una strada in salita :)


Pienamente d'accordo su tutta la linea, è un pò il concetto che ho tentato più volte in vari post di far comprendere (non questi due su cui si sta discutendo), ma puntualmente il mio suggerire di "puntare in alto" viene sempre preso come un atteggiamento presuntuoso e addirittura impraticabile, pensa un pò. E la gente a cui l'ho suggerito non lo prende neppure in considerazione scoraggiata dall'atteggiamento ostile degli altri. Non ci provo nemmeno più, e credo che ti stancherai presto anche tu.
da gerod
#1271005
Tutto questo porta via tempo e denaro ma è l'unica strada per uscire dal mercato della "vendita al dettaglio dei video" ed è una strada in salita :)

CONDIVIDO AL 1000X1000.... e messo in pratica da sempre... Purtroppo oggi il calo drastico del lavoro e il mio concomitante metter su famiglia non mi permettono di investire con la stessa spensieratezza di un tempo... Ma non demordo... Ho delle idee... :)

Nel topic precedente, nel post 1 si parla di spot, di comparse, di liberatorie e di attori, nel post 3 si parla di chiedere 300 euro per prenderne 250

Willy non è per contraddire sistematicamente ma nei post precedenti ho chiesto consiglio alternativo alle liberatore e dalla mia risposta alla mancanza di alternative si può comprendere. Tra l'altro le liberatorie non comportano esborso di denaro o non necessariamente. In quanto alle comparse è stato un suggerimento di altri amici di Videomakers e anche qui coinvolgendo amici dunque sempre ZERO esborso. Ribadisco: 300 € per rischiare di arrivare a 250 SEMPRE E SOLO riferito ad un prodotto amatoriale come questo https://youtu.be/jwCEo3Nm8kI ovvero un giorno di lavoro.
NESSUNO HA MAI DETTO: si fa un lavoro da 3.000 € a 300 €. E' stato scritto anche in maniera evidente che dopo aver preso visione del demo mostrato dal cliente ci si è aggiornati a preventivo su misura.
Ad ogni modo QUOTA il post dove avrei detto che lo avrei fatto e chiedo scusa umilmente alla categoria per la follia che ho scritto. Più di questo non posso fare.

effetivamente mi rendo conto che sarebbe molto difficile se non sei un esperto.

Beh ti dirò in veste di operatore video ritengo di avere una buona esperienza e ti posso assicurare che a mano libera per quanto una reflex, mirrorless o bridge possa essere leggera simulare un buon movimento stile Crane/Dolly o simile è sempre difficile. Forse per 2/3 secondi... Forse!!!
Però... certo non lo posso escludere magari ce ne saranno di cosi bravi e dalla mano ferma :)

Ad ogni modo comunico a TUTTI gli interessati che:
1) il cliente pur di non uscire "diniero" ha accettato lo spot tour aziendale (amatoriale... ma lui non lo capisce)
2) nonostante ciò, seppur consapevole di non poter riprodurre sia per mezzi che per PRINCIPIO lo spot del ristorante di Roma, cercherò di ottenere un prodotto quanto più possibile pulito, elegante e gradevole. CHIARAMENTE QUESTO NEL MIO INTERESSE dal momento che sarebbe il primo con l'utilizzo di "stabilizzatori" per dare un taglio alle riprese più professionale (al di la della creatività e della tecnica ovviamente!!!)
3) tutto in 2 giorni max di lavoro tra riprese e montaggio.
4) costo dell'operazione € 300. Mettiamola così se viene carino può servirmi per avere un demo migliore da far vedere per i prossimi clienti. Poi starà a me commercialmente venderlo adeguatamente in futuro (intermediari compresi).

Per chi fosse incuriosito terrò informati step by step....

A presto e grazie per la "comprensione" :)
da willyfan
#1271007
NON HO DETTO che hai affermato in modo diretto che volevi fare uno spot da 3000 euro a 300 euro.
HO DETTO che hai DESCRITTO uno spot di un certo valore (attori?) e poi hai scritto che il budget era 250 300 euro. Il discorso liberatorie non c'entra con il prezzo, ma da la misura del tipo di lavoro.
Se poi non vuoi capire, e evidentemente non hai capito visto che fai un lavoro che ti impegna 2 giorni, certamente non da solo, a 300 euro che è un prezzo da FAME.
A quel punto era una figura migliore farlo gratis, come demo, almeno non c'è un precedente.
#1271025
il cliente pur di non uscire "diniero" ha accettato lo spot tour aziendale (amatoriale... ma lui non lo capisce)

Abbiamo trovato il problema diffuso! :lol:
No scherzi a parte, dico la mia perché siamo qui per parlare ed è un argomento che ci tocca tutti: secondo me per un professionista andare a proporre alternative economiche in quanto "amatoriali" non dovrebbe esistere, perché fa automaticamente di lui un non professionista. Secondo me i lavori devono essere adeguati al budget, mantenendo la qualità minima che fa la differenza tra uno che fa i video per hobby e uno che ci campa (senza nulla togliere a chi lo fa come hobby che spesso poi tira fuori roba che non ha nulla da invidiare a nessuno!): per 300 euro il cliente vince un bel video da 30 secondi fatto bene, e gli va di lusso perché è una condizione particolare.

E' una questione sia di "deontologia professionale" che di immagine, nel senso che se tiri fuori roba di stampo amatoriale come possono considerarti un professionista?! Quello che fai è quello che ti rappresenta, non è che nel video c'è scritto "si, è fatto un po' alla viva il parroco ma è perché mi davano poco e allora l'ho tirato la!"
Piuttosto allora decidi di investire su di te e fai qualcosa da showreel, della serie che lo fai per poco ma pretendi il locale a disposizione per come ti serve e lo fai come vuoi te, allora ok, anche se non guadagni niente hai qualcosa da mostrare e il lavoro lo fai più che altro per te che per il cliente, a cui, patti chiari e amicizia lunga, dici come stanno le cose e che la prossima volta se lo sogna un prezzo del genere, ma che per ora ha vinto un video fatto bene a patto di lasciarti carta bianca.
Messa così almeno "rovini la piazza" una volta sola per non rovinarla più in futuro.

Cioè, alla fine 300 euro, poi metti devi pure compare la musica, pagare una persona che ti da una mano, l'archiviazione del girato...pagare il parcheggio, praticamente lavori 3 giorni e metti in tasca quanto fa in mezza giornata il kebabbaro all'angolo, per tirare fuori un prodotto che magari poi neanche sei troppo felice di far vedere in giro e che neanche ti ha fatto fare esperienza? E' più produttivo stare a letto! :lol:
Perlomeno, io la vedo così
da gerod
#1271026
NON HO DETTO che hai affermato in modo diretto che volevi fare uno spot da 3000 euro a 300 euro.

Non l'ho affermato ne in modo diretto ne in modo indiretto. Ho chiesto info su alternative alla liberatoria SOLO PER NON INCORRERE in possibili problemi dato che il cliente non è mio diretto. Nello spot elementare che ho più volte linkato non ce n'è stato bisogno perché il cliente era mio diretto e si è preso la piena responsabilità sulle persone furono inquadrate. Amici del forum hanno aggiunto altre considerazioni (comparse). PIU' CHIARO DI COSI' SI MUORE.

GRATIS...? Non condivido. NON CON I TEMPI CHE CORRONO E CON FAMIGLIA A CARICO. Nessuno mi ha puntato la pistola alla tempia... Se lo faccio lo faccio perché ho un secondo fine e la pecunia per quanto povera è sempre bene accetta. Farlo gratis per come la vedo io aggiungerebbe al "relativo" danno una ancor più fastidiosa beffa.
E... si non sarò solo; per un paio d'ore mi affiancherà un caro collega che mi farà la cortesia di raccogliere qualche ripresa su mia indicazione con l'Osmo.

Che io cerchi di fare qualcosa di pulito per un mio TORNACONTO futuro (si spera) non implica un precedente... è una cosa voluta non imposta.

Concordo che si parli di prezzo da FAME ma solo perché nel mio interesse c'è la volontà di fare qualcosa di più di un semplice tour aziendale ma sempre entro tempi ragionevoli e, ripeto, per cercare di ottenere un risultato che possa portarmi qualcosa di più in futuro.

poi metti devi pure compare la musica, pagare una persona che ti da una mano, l'archiviazione del girato...pagare il parcheggio

Intanto ciao Tamarindo :) Allora forse non sono stato chiaro.
1) Io mi limiterò a realizzare lo spot/tour che sia e lo consegnerò al cliente in DVD. Poi ogni altra responsabilità la demanderò lui se paga o non paga SIAE son fatti suoi.
2) Non pago nessuna persona.
3) Non pago nessuna archiviazione. Mi limiterò ad archiviare come archivio un qualsiasi servizio cerimoniale (su HDD o DVD blu-ray)
4) Il parcheggio è del cliente. MI E' ANDATA DI LUSSO :arf: :arf: :arf:
NB. Qui sembra che sia io a sputtanare il mercato quando la verità è che queste difficolta in cui ci si trova è perché altri lo hanno già sputtanato da tempo e in attesa si seminare qualcosa di veramente interessante bisogna nel contempo portare il pane a casa.

Ragazzi non sono senz'altro alla vostra altezza ma non sono nato ieri. So come muovermi per limitare i danni e piangere con solo occhio.
E poi tama quello che mi hai consigliato (validissimo per carità) a mio avviso lo si può fare anche stabilendo che lo spot è regalato al solo costo per coprire le spese.

Buona notte a tutti.
da willyfan
#1271031
Dopo l'ultimo post, comprendo che essere un professionista per te è lontano anni luce.
Non ho ne tempo ne voglia di commentare passo passo anche l'atteggiamento verso il cliente. Del resto, mi sembra che a criticare questo modo di fare non sono da solo e questo mi tranquillizza, credevo di essere un talebano.
Auguri quindi per tuo spot, realizzato in due con camera e osmo, sceneggiato diretto illuminato colorato e musicato per 300 euro.
Forse è un gioco, perché altrimenti non ne vedo il senso. Anche come comunicazione, per il cliente stesso.
Dettaglio che Tamarindo ha colto: la musica, tu pensi sia corretto usare una cosa qualsiasi è poi c'è da pagare la SIAE? Si vede che non hai proprio idea...
#1271037
Il lato positivo è che si discuta e si scambino opinioni. Quello meno positivo è che si rimanga ancorati alle proprie posizioni senza fare né un passo avanti né uno indietro.
Continuare su questa via, aggiungendo o risottolineando motivazioni che giustificano il proprio immutabile convincimento diventa poco fruttuoso.
Ad ogni modo, Gerod, voglio richiamare la tua attenzione sul fatto che, a parer mio, non esistono queste fini distinzioni poetiche tra un lavoro fatto in modo professionale e uno fatto a tirar via le cui giustificazioni risiedono tra l'essere pagati il giusto o meno.
Ciò che normalmente si chiede ad un fornitore di servizi (dall'idraulico al muratore, dall'avvocato al notaio, dal fotografo al videomaker) è quello di realizzare al meglio il lavoro al prezzo più basso possibile.
Quello che il fornitore ha il dovere di fare è fornire un servizio in ogni caso "a regola d'arte" al massimo delle proprie capacità professionali contenendo al massimo i costi per il proprio miglior guadagno e per il massimo risparmio da parte del cliente. Il tutto nel rispetto delle regole.

Una volta stabilito il principio si può derogare sul prezzo per amicizia, per convenienza, per filantropia, per investimento o anche per puro e semplice masochismo ma deve rimanere inalterato un alto standard qualitativo e la massima cura professionale.
Tutto il resto delle motivazioni (il "tramite", la scelta dello stile narrativo, la SIAE, l'amico con l'Osmo, l'uso o meno di due quarzine Ianiro, la contrazione dei tempi di realizzazione e il "tengo famiglia") per giustificare il basso prezzo della propria prestazione non regge se non per acquietare la propria coscienza.
Ciò non di meno sei libero di fare quel lavoro al prezzo che ritieni opportuno nella ferma convinzione che non ti stai né svendendo né sputtanando. Altri possono legittimamente ritenere che non stai ottenendo nessuna delle due cose precedenti.
da LordYupa
#1271045
Ciò che normalmente si chiede ad un fornitore di servizi (dall'idraulico al muratore, dall'avvocato al notaio, dal fotografo al videomaker) è quello di realizzare al meglio il lavoro al prezzo più basso possibile.
Quello che il fornitore ha il dovere di fare è fornire un servizio in ogni caso "a regola d'arte" al massimo delle proprie capacità professionali contenendo al massimo i costi per il proprio miglior guadagno e per il massimo risparmio da parte del cliente. Il tutto nel rispetto delle regole.
Io la penso un po' diversamente :)

In un libro che ho letto molti anni fa: "la fabbrica degli Spot di Adrea De Micheli" c'è una parte che mi è rimasta molto impressa. è una legge di mercato inderogabile!!!!!

Il cliente vuole 3 cose:
1 un lavoro fatto bene
2 un lavoro veloce
3 un lavoro economico

Purtroppo le 3 cose insieme sono impossibili da realizzare ed il fornitore ne può dare solo 2 a discapito della terza
1 un lavoro fatto bene e veloce non sarà economico
2 un lavoro fatto bene ed economico non sarà veloce
3 un lavoro veloce ed economico non sarà fatto bene

Questo per dire che secondo me, non tutti i lavori posson esser fatti a regola d'arte ma molte volte la colpa è del cliente che pretende lavori fatti velocemente ed in economia, come sembra il caso di gerod!
Questa legge è bene che la imparino a memoria sopratutto i clienti ma anche noi del settore quando argomentiamo i nostri preventivi
Io ad esempio avrei detto al committente che mi proponeva un video come quello di gerod a 300 euro, di farlo fare a qualcun altro perchè con 300 euro viene fuori un lavoro di ......

Mettete un carrello coi binari ortogonali ad una […]

nemmeno Mediaencoder mi fa la conversione ho dovut[…]

non c'è di che scusarsi :birra: ... so[…]

Grazie Yarin VooDoo. Curiosa la faccenda che st[…]