Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
La Sezione dedicata a tutte le discussioni sul Fai Da Te.

Moderatore: Moderatori

Regole del forum: Clicca per leggere le regole del forum.

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno della discussione sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI
#1232427
Dimenticavo :
E' D'OBBLIGO RICORDARE CHE COLLEGARE 2 BATTERIE IN DIRETTO PARALLELO NON è SOLO SCONSIGLIABILE MA DECISAMENTE PERICOLOSO !
Non è così vero: personalmente, uso diverse batterie collegate in parallelo in varie situazioni.
In barca ad esempio, il pacco batterie è formato da 4 batterie AGM collegate direttamente in parallelo.
Su droni e cablecam uso batterie LIPO collegate tranquillamente in parallelo.
L'unico accorgimento da tenere presente è che le batterie devono essere uguali sia come tensione (ovviamente) che come capacità di corrente. Quest'ultima condizione non è stringente, ma se due batterie sono diverse una si scaricherà prima e parte della corrente generata dalla seconda andrà a ricaricare la prima.
In barca addirittura le ricarico in parallelo, sia da caricabatterie elettrico che da pannello solare che da alternatore. Il mio pacco batterie ha 7 anni e mai avuto un cedimento, con le batterie che sono ancora in ottima salute.
#1232429
Concordo con William.
Altra accortezza è che devono essere tutte allo stesso livello di invecchiamento.
La possibilità che prodotti con difetti di fabbrica o di qualità produttiva non costante possano creare certi pericoli non è però da escludere e proprio per questo ufficialmente lo si sconsiglia.
#1232444
Collegamenti di batterie in parallelo sono fatte continuamente in molte applicazioni e non è ufficialmente sconsigliato. Nel caso le 2 tensioni non siano uguali si creano delle cariche di compensazione tra le batterie, per questo scaldano. Ma in un tempo non troppo lungo vanno a bilanciarsi.

Se hanno energia immagazzinata diversa ovviamente i cavi scaldano perché queste correnti sono più costanti.

Comunque se fosse davvero così proibitivo collegare batterie con tensioni diverse in parallelo anche attaccare i cavi della'auto per la batteria scarica dovrebbe essere proibito è lì parliamo di circa 4V di differenza su 12-13 e correnti elevate...
#1232449
Salve!
Per quanto riguarda il collegare batterie in parallelo, la cosa è fattibile solo usando diodi che blocchino la corrente in modo tale che la più debole non tragga corrente dalla più robusta. Per l'esempio della batteria auto in realtà c'è lo stesso problema, ma il tutto dura pochi secondi, perchè appena avviato il motore, il circuito tende ad equilibrarsi.
Per il problema della telecamera vi ricordo che esistono anche integrati della serie 78xx che forniscono una tensione di 5 volt ad 1 amper, ma che possono essere montati in modo da farli erogare una tensione più alta ( sul web esistono tanti esempi).
Sconsiglio l'uso dei circuiti booster o switching in quanto a loro volta consumano corrente e sono fonti di disturbi a livello elettromagnetico che possono influire sulla telecamera stessa e su radio microfoni o quant'altro ad uso wireless.

Saluti
#1232452
per questo scaldano. Ma in un tempo non troppo lungo vanno a bilanciarsi.


vanno a bilanciarsi col tempo se la differenza è poca, altrimenti si ha un serio surriscaldamento. In ogni caso l'autonomia e le performance del "pacco" sarà declassata al livello della batteria più debole. Io l'ho visto sconsigliare sui manuali, perchè i costruttori così si cautelano.

Ben dice Robinson sull'esempio dei cavi per la batteria d'auto.
Comunque son ben d'accordo che non è proibitivoa, ma basta farlo bene e con consapevolezza delle conseguenze.
#1232453
Salve!
Per quanto riguarda il collegare batterie in parallelo, la cosa è fattibile solo usando diodi che blocchino la corrente in modo tale che la più debole non tragga corrente dalla più robusta. Per l'esempio della batteria auto in realtà c'è lo stesso problema, ma il tutto dura pochi secondi, perchè appena avviato il motore, il circuito tende ad equilibrarsi.
Per il problema della telecamera vi ricordo che esistono anche integrati della serie 78xx che forniscono una tensione di 5 volt ad 1 amper, ma che possono essere montati in modo da farli erogare una tensione più alta ( sul web esistono tanti esempi).
Sconsiglio l'uso dei circuiti booster o switching in quanto a loro volta consumano corrente e sono fonti di disturbi a livello elettromagnetico che possono influire sulla telecamera stessa e su radio microfoni o quant'altro ad uso wireless.

Saluti


infatti esisterebbero i buck dc-dc e stabilizzatori annessi
#1232464
Su tutte le barche del mondo ci sono 2,4 o anche 6 batterie in parallelo. Ma di cosa stiamo parlando? Se metto un diodo ho una caduta di almeno 0,6 volt!!!
Stiamo parlando di tecnologia fine anni '70!!
#1232472
Salve!
Per quanto riguarda il collegare batterie in parallelo, la cosa è fattibile solo usando diodi che blocchino la corrente in modo tale che la più debole non tragga corrente dalla più robusta. ...

Sicuramente, o meglio a parer mio, quella del diodo è l'unica soluzione (low cost) accettabile...
Anche se miglioni di barche utilizzano batterie in drastico parallelo io non mi fiderei...

Per precisarvi meglio i miei dubbi a riguardo (non è che voglia aver ragione a tutti i costi, ne faccio semplicemente una questione di affidabilità e sicurezza):
Fino a quando le batterie sono in perfetta efficenza può anche andare tutto bene...ma spesso le batterie si guastano...
Vi è mai capitato di trovare un' elemento di un pacco batterie in corto circuito ?
Se l'elemento in corto è collegato in serie accade semplicemente che ai capi della serie si ha un calo di tensione pari a quello imputato all'elemanto guasto che dalla tensione nominale passa a 0 senza ulteriori danni.
Se l'elemento è posto in parallelo ci si ritrova con un cortocircuito ai capi della batteria buona...come si si collegasse un cavo diretto tra + e -.
A questo punto cosa può accadere ?

Mi successe anni fa un caso del genere con un pacco batterie di un Notebook....un mio amico che era a 2 m da me per via del botto sta ancora correndo...io ho recuperato al volo una coperta estinguente...poi ho spalancato le finestre ed evacuato il locale (per paura dei gas nocivi delle batterie al Li)...
#1232507
Non ho voglia ne tempo di discutere l'argomento, ma le batterie in parallelo sono una cosa normale in 1000 applicazioni, che piaccia o no.
I regolatori a dissipazione invece sono preistoria..
#1232517
Non intendevo discutere...solo consigliare in base ad una brutta esperienza realmente accaduta...
spero che a nessuno possa capitare la medesima spiacevole esperienza.

P.S. : Comunque, come ultimo umile consiglio, se non i diodi almeno un fusibile autoripristinante (in sostituzione di ogni diodo) per sicurezza lo metterei.
#1232518
Pure io non voglio discutere, mi limito a riportare quella che è la prassi, descritta in libri e articoli vari, largamente usata non da amatori che magari fanno le cose un qualche modo, ma da produttori che poi hanno pure la certificazione CE.

Ciao William e grazie per le info, quindi era come[…]

Spostato argomento nella sezione Editing Audio - G[…]

Sono riuscito ad utilizzare delle normali sd con a[…]

Ciao, mi sta capitando un fastidioso problema con […]