Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
La Sezione dedicata a tutte le discussioni sul Fai Da Te.

Moderatore: Moderatori

Regole del forum: Clicca per leggere le regole del forum.

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno della discussione sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI
#1268332
Salve a tutti.
Negli ultimi anni, come molti, ho affiancato alla telecamera (Sony EX1) delle DSLR/cinecorder (nel mio caso una GH3 e una PMW-F3) ed ovviamente ho sentito subito la mancanza della possibilità di remotare lo zoom.
Parte del problema si è risolto modificando la tecnica di ripresa ma sussistono comunque alcuni casi in cui lo zoom e l'eventuale fuoco remotati sono indispensabili. Vedi per esempio gli eventi live come il teatro. Nello specifico ho sentito questa esigenza per la F3 che a tutti gli effetti è una cinecamera. La utilizzo con ottiche Nikon con opportuno adattatore.

In passato ho utilizzato alcuni microcontrollori Pololu per realizzare la mia versione motorizzata dello slider Igus ed ultimamente, visto il successo di Arduino, mi sono messo dell'idea di motorizzare l'ottica. Ed in effetti Arduino è una vera potenza e richiede conoscenze minime di programmazione.

Questo è il mio primo test (registrato con il telefono):

https://youtu.be/VjT4Gip6dQE

La parte elettronica è attualmente ancora su breadboard+Arduino ma verrà inserita all'interno di un piccolo contenitore. La rotazione è controllata da un potenziometro e la programmazione prevede la posizione di riposo centrale. Questo perchè appena trovo il connettore utilizzerò il classico controllo remoto professionale da cavalletto.

Un primo upgrade prevede l'inserimento di alcuni pulsanti che verranno utilizzati per la fase di settaggio. Il kit infatti deve adattarsi a varie ottiche e non tutte hanno la stessa escursione/rotazione quindi attraverso i tasti sarà possibile impostare massima e minima focale per non mettere sotto sforzo motore o ottica ed evitare il fuori range.

Ovviamente il tutto può essere utilizzato anche come follow focus motorizzato e con un solo Arduino si possono controllare contemporaneamente Zoom e Fuoco.

Stò ancora sperimentando vari ingranaggi (con differente numero di denti) per testare le velocità minime che mi permettono, così come stò effettuando test con servomotori tradizionali o a rotazione continua (a questi ultimi voglio abbinare un potenziometro multigiri per ottenere la posizione).
In questa fase ho escluso i motori passo-passo perchè avrei avuto necessità di ulteriore elettronica per comandarli.

Sono aperto a consigli e suggerimenti da coloro che si sono già cimentati con operazioni simili.
#1268406
Il risultato ovviamente è buono già così !
Certo Arduino facilita...
Per l'utilizzo di motori passo passo la cosa più semplice è proprio quella di interfacciarli ad Arduino tramite dei mini drivers Pololu tipo A4988 che tra l'altro costano una inezia e permettono di lavorare con 1/16 di passo ottenendo una ottima risoluzione nei movimenti. Non so se la cosa ti può piacere...daltro canto accennavi già a driver Pololu...non è che appesantiscano poi troppo l'elettronica dato che per di più sono piccolissimi e pronti all'uso...
Prima di queste potenti schede a basso costo avrei prediletto un motoriduttore in corrente continua perchè ho sempre trovato i servomotori troppo rumorosi (io mi focalizzo sulla ripresa di cortometraggi con suono in p.d. e dove quindi il ronzio dei servomotori sarebbe ripreso dal mic.).
Certo con Arduino i servomotori si comandano direttamente e senza alcuna difficoltà...ma personalmente, come dicevo, li ritengo troppo rumorosi e forse anche nervosi.
Allegati:
0j3360.600.png
0j3360.600.png (57.83 KiB) Visto 2827 volte
#1268426
Può essere una buona idea se l'ottica mantiene il fuoco durante tutta l'escursione focale.

Esatto ! Non tutte le ottiche sono in grado di farlo...anzi forse poche visto che trattandosi di ottiche fotografiche e non cinematografiche i progettisti non si preoccupano di soddisfare tale aspetto favorendo una configurazione ottica più ottimale alle loro esigenze.
Tuttavia mi sono capitate ottiche fotografiche in grado di mantenere il fuoco su tutta la zoomata...
#1268440
@spirit: in effetti questo è il mio primo progetto con Arduino ma poichè l'appetito vien mangiando ... ho già ordinato un driver per motori passo-passo visto che ne possiedo uno da una vita in un cassetto. Già che c'ero ho ordinato anche il classico display lcd con tastiera. L'idea è quella di memorizzare le impostazioni di escursione per le ottiche che possiedo e quindi di poter effettuare la selezione dell'ottica all'inizio + la possibilità di inserire una nuova ottica.
In passato ho utilizzato un motoriduttore per motorizzare il mio slider Igus, utilizzando un controller pololu programmabile da pc. Però mi sembrano rumorosi anche questi.

Per quel che riguarda il fuoco devo essere fortunato. Io possiedo due ottiche zoom: il 28-70 f2.8 AF-S ED ed il 70-300 f4-5.6 AF ED. Tanto per intenderci quelle che hanno ancora la ghiera per l'apertura e non sono stabilizzate. Con entrambe, la messa a fuoco fatta alla massima focale rimane anche alla minima, almeno sulla mia cinecamera Sony F3.
Ad ogni modo se esiste una relazione lineare tra fuoco e zoom, utilizzando due motori si potrebbe provare a compensare in quelle ottiche che non mantengono il fuoco.

Appena arriva il materiale e lo assemblo posto delle foto del tutto ed il listato dello sketch per Arduino per coloro che fossero interessati.
#1268587
Per quel che riguarda il fuoco devo essere fortunato. Io possiedo due ottiche zoom: il 28-70 f2.8 AF-S ED ed il 70-300 f4-5.6 AF ED. Tanto per intenderci quelle che hanno ancora la ghiera per l'apertura e non sono stabilizzate. Con entrambe, la messa a fuoco fatta alla massima focale rimane anche alla minima, almeno sulla mia cinecamera Sony F3.
Ad ogni modo se esiste una relazione lineare tra fuoco e zoom, utilizzando due motori si potrebbe provare a compensare in quelle ottiche che non mantengono il fuoco.

Umh.... molto, ma molto difficile senza strumenti elettronici di collimazione del piano focale delle lenti che si muovo all'interno: apparecchi che hanno solo i progettisti delle ottiche.
#1268625
@spirit: in effetti questo è il mio primo progetto con Arduino ma poichè l'appetito vien mangiando ... ho già ordinato un driver per motori passo-passo visto che ne possiedo uno da una vita in un cassetto. Già che c'ero ho ordinato anche il classico display lcd con tastiera. L'idea è quella di memorizzare le impostazioni di escursione per le ottiche che possiedo e quindi di poter effettuare la selezione dell'ottica all'inizio + la possibilità di inserire una nuova ottica.

Certo con arduino è sicuramente possibile impostare delle selezioni con preimpostazioni di specifiche dedicate ad ogni diversa ottica ! A questo punto display e tastiera sono comodi anzi indispensabili...ha fatto bene a mio avviso a prevederli e procurarli.
In passato ho utilizzato un motoriduttore per motorizzare il mio slider Igus, utilizzando un controller pololu programmabile da pc. Però mi sembrano rumorosi anche questi.

Se parli di driver Pololu mi fai pensare ad un motoriduttore con motore passo-passo...
se è così certo che il motore fa comunque rumore ma a mio avviso comunque tendenzilamente meno rispetto ad un servomotore modellistico che ha all'interno una manciata di microingranaggi vibranti e nervosi...
Io comunque intendevo indicare un motriduttore a corrente continua, magari con riduzione a vite senza fine proprio al fine di limitare la rumorosità...
Per quel che riguarda il fuoco devo essere fortunato. Io possiedo due ottiche zoom: il 28-70 f2.8 AF-S ED ed il 70-300 f4-5.6 AF ED. Tanto per intenderci quelle che hanno ancora la ghiera per l'apertura e non sono stabilizzate. Con entrambe, la messa a fuoco fatta alla massima focale rimane anche alla minima, almeno sulla mia cinecamera Sony F3.
Ad ogni modo se esiste una relazione lineare tra fuoco e zoom, utilizzando due motori si potrebbe provare a compensare in quelle ottiche che non mantengono il fuoco.

Sicuramente come dicevo sopra grazie ad Arduino sarebbe possibile parametrizzare una ricetta di caratteristiche per ogni OB ed anche implementare un algoritmo che compensi alla variazione di messa a fuoco in relazione alla lunghezza focale...che sia questa lineare o meno...basterà in teoria impostare l'algoritmo corretto...
i coefficenti di proporzionalità potresti anche trovarli empiricamente mediante prove fisiche e reperendo i vari range di azione...
Se l'andamento fosse lineare basterebbe ricavare i valori di messa a fuoco agli estremi delle escursioni focali...altrementi potresti procedere con un rilevamento per punti a campione su più misure (5 o 6 direi) distribuite ad intervalli più o meno precisi...
#1269416
@spirit74: grazie mille delle tante indicazioni. Arrivato il materiale, ho fatto i primi test con passo-passo e display (separatamente) per prendere confidenza, in particolare con il primo ed i vari passi e semi-passi. All'inizio sono impazzito perchè non trovavo la giusta combinazione dei 4 fili ed il codice, secondo me, non era ottimizzato (esempi presenti nell'ide) per il mio driver VMA03 (il motore sembrava preso da una crisi epilettica o quando girava si perdeva passi, con il codice giusto è perfetto).

Ottima l'idea dei punti di analisi fuoco-zoom per "creare" un algoritmo per l'ottica.

A presto per gli aggiornamenti.
#1269442
Non conosco il driver VMA03 di cui parli...
Si tratta di una scheda driver generica oppure è una shield di Arduino ?
Parli di 4 fili ...quindi intuisco che occorre comandare le 4 "bobine" con comandi diretti di 4 uscite...?
Se così fosse ti sarebbe convenuto optare per una scheda driver come quella che ti indicai sopra la quale necessita più semplicemente di 3 comandi:
CLK - che è il clock e dunque la frequenza degli impulsi da generare
DIR - comando di direzione per il senso di rotazione
ENABLE - abilitazione; può essere comandata mediante una uscita di Arduino o essere posta fissa a + 5v risparmiando una uscita e lasciando il motere sempre in coppia...
Esistono poi librerie come "accelstepper" o altre che semplificano la programmazione permettendoti di gestire in scioltezza più motori.

Buona sperimentazione !
#1269444
Ho trovato in rete un datascheet della VMA03...anche questa lavora con i segnali di direzione e clk...
dai una occhiata alla libreria che ti ho detto, trovi facilmente il rete la pagina dedicata e dei tutorials.

Buongiorno. Per pulire digitalmente i graffi e la […]

(After Effects) Faretto senza luce

Toc toc, c'è nessuno?

Grazie :) ora provo a levare GPU! thanks Ho un i7 […]

Hai provato ad eliminare i file della cache ?