Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
La Sezione dedicata a tutte le discussioni sul Fai Da Te.

Moderatore: Moderatori

Regole del forum: Clicca per leggere le regole del forum.

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno della discussione sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI
#887034
Si, il potenziometro ha il valore medio in posizione centrale la quale in questo caso corrisponderebbe o meglio dovrebbe corrispondere a riferimento 0.
Certo che arduino può svolgere il compito ma per me è un'inutile spreco di risorse e di fatica...
Nel mio caso ho disposto un semplicissimo azinamento lineare in modo da ottenere oltre alla massima semplicità cirquitale anche l'eliminazione delle frequenza del PWM che avrebbero potuto infastidire i sistemi video e audio.
Un sistema di amplificatori operazionali regola i guadagni dell'azionamento ed un' amplificatore operazionale con a monte un semplice partitore resistivo genera una massa apparente pari ad 1/2 Vcc (dove la Vcc è la tensione applicata al pote del joy. es. 5 Vcc se al pote applico 10 Vcc oppure 6 Vcc se applico 12 Vcc) in questo modo il motore è fermo con riferimento a metà mentre gira avanti se il riferimento aumenta ed indietro se viceversa diminuisce rispetto al valore "centrale"....ed il gioco è fatto.
L'azionamento ha un semplce finale realizzato con 4 transistors in configurazione a "ponte ad H".
Detto questo non è che sei obbligato a realizzare anche l'azionamento, basterebbe collegare l'interfaccia descritta ad un azionamento commerciale, anche PWM se ti fa piacere.
Le resistenze per limitare la velocità da tè ipotizzato risulterebbero un metodo davvero grezzo e poco funzionale dato che otterresti comunque sempre e solo una velocità costante poco adatta allo scopo...senza contare che le resistenze dovrebbero avere una potenza importante e scalderebbero assai visto che la corrente in gioco sui tuoi motori è cos' elevata...
#891996
salve a tutti e tanti auguri di buon natale :birra: . Volevo fare i miei complimenti a spirit74 per aver realizzato a mio parere un'ottima testa remotata :wink: .Siccome io non sono così bravo,stavo cercando in rete qualcosa di già pronto ma senza spendere un capitale.Sto già lavorando sul mio camera crane,almeno sulla parte meccanica,ora vorrei da voi qualche consiglio sull'acquisto della testa remotata.Aspetto vostri consigni grazie e ancora auguriiiiiiiii :arf:
#892002
salve a tutti e tanti auguri di buon natale :birra: . Volevo fare i miei complimenti a spirit74 per aver realizzato a mio parere un'ottima testa remotata :wink: .Siccome io non sono così bravo,stavo cercando in rete qualcosa di già pronto ma senza spendere un capitale.Sto già lavorando sul mio camera crane,almeno sulla parte meccanica,ora vorrei da voi qualche consiglio sull'acquisto della testa remotata.Aspetto vostri consigni grazie e ancora auguriiiiiiiii :arf:





Ciao io ho appena comprato la testa remotata in india. Due giorni ed 3
e' arrivata.


Ora di scadenza: 05.01.2012 12:50:21 MEZ


URL iPhone:
Proaim Jr. Pan Tilt Power Head for vx2100 gh1 fx1 550d dslr dvhdv sony panasonic

URL browser:
Proaim Jr. Pan Tilt Power Head for vx2100 gh1 fx1 550d dslr dvhdv sony panasonic


Ho pagato una sciocchezza di dogana. Ciao michele
da megawattvideo
#892187
Bellissimo lavoro, veramente una testa professionale.
Come diceva un altro amico in un post precedente, mi piacerebbe sapere i costi di realizzazione di questa bella Testa Remotata.
Io non sono pratico nel fai da te, e l' anno scorso ne ho presa una in India della Proaim, che mi e' venuta a costare quasi 600 euro comprese le spese di spedizione, Iva e sdoganamento.
Come controllo e molto simile a quello che hai realizzato (manca, l'interruttore di selezione, tra Joistick e Potenziometri, ma e' una semplice modifica che si puo implementare).
Devo dire il tuo lo vedo molto solido!
Mi piace molto la struttura a C rispetto a quella a L della Proaim, comunque se Cam fino a 2Kg anche quella ad L va benissimo e si trasporta facilmente.
Allego un piccolo clip dove si vede la Proaim montata su Kesslercrane KC12
[vimeo]http://vimeo.com/34215354[/vimeo]
Ciao
Ultima modifica di megawattvideo il lun, 26 dic 2011 - 21:58, modificato 3 volte in totale.
#892215
ciao grazie per la dritta :wink:, l'ho trovata su ebay a 365 euro,sai se si trova a di meno?Sono sempre in attesa di altri consigli o proposte differenti.ah dimenticavo , la cam designata per la camera crane è la nex vg20,non so se può essere d'aiuto...
ciaooo
da spirit74
#892338
Bellissimo lavoro, veramente una testa professionale.
Come diceva un altro amico in un post precedente, mi piacerebbe sapere i costi di realizzazione di questa bella Testa Remotata.

Anzitutto grazie per i complimenti !

Immerse tra le righe del post devo già avere dato informazioni a riguardo in passato...
comunque, avengo utilizzato per lo più materiale di recupero (per es i motorini sono recuperati da vecchie stampanti ad aghi) devo aver speso poche decine di euro davvero....alla fine credo attorno ai 30/35 €.

Ciao
#968027
ethack92, rispondo direttamente in questa sede in modo che la risposta possa essere fruibile a tutta la comunità di Vedeomakers.

In realtà lo schema elettrico da me realizzato al momento è ESTREMAMENTE semplificato anche se comprende già la possibilità di posizionamenti assoluti tipo controllo assi o similari oltre alla classica movimentazione mediante Joistyck.
In passato questo punto è già stato oggetto di discussione in quanto io per primo ho anticipato che in futuro intenderò implementare e perfezionare questo aspetto al fine di ottenere maggiore reattività e precisione nei movimenti (soprattutto quelli lenti)...
Il sistema da me utilizzato è davvero "ridicolo" circuitalmente parlando, sfrutta un sistema completamente analogico (dunque super semplificato) per comandare un azionamento a transistor a ponte ad H che consente movimentazioni controllate in velocità ed in entrambi i sensi di marcia.
L'azionamento di ogni asse accetta in ingresso il segnale analogico prelevato dal potenziometro del Joistyck oppure, spostando il selettore, può essere comandato mediante un segnale (sempre analogico) che controlla una posizione assoluta.
Questa funzionalità è ottenuta confrontando il riferimento in ingresso (potenziometro in questo caso ma volendo anche un segnale analogico in uscita da una scheda computerizzata) con un potenziometro montato direttamente sull'asse che fornisce l'informazione della posizione reale ed attuale dell'asse.
Confrontati i due segnali la scheda decide il senso di rotazione al fine di portare l'asse nella posizione richiesta, all'avvicinarsi della posizione finale il riferimento diminuisce facendo diminuire la velocità fino a causare l'arresto in posizione (se la posizione venisse superata il controllo controcomanda per correggere).
Per un utilizzo Hobbistico si può tranquillamente tralasciare la funzione del posizionamento assoluto e ci si può concentrare rispetto alla movimentazione manuale mediante Joistyck.

In tal caso il discorso è davvero semplice:
sarà sufficente procurarsi una scheda di controllo analogica per motori in CC (corrente continua... se si intendono utilizzare motoriduttori con motore CC appunto) in grado di accettare segnali di direzione e velocità in ingresso analogici (come il potenziometro del Joistyck è in grado di fornire).
Lo schema è molto semplice, detto a parole:
Joistyck => azionamento => motore
In commercio ed a pochi euro (meno di 20) si trovano azionamentini analogici già pronti all'uso.
In funzione di come sarenno configurabili gli ingressi occorre collegare il potenziometro sull'ingresso del riferimento di velocità della scheda in modo che in posizione centrale la velocità in uscita corrisponda a 0 e ovviamente con il Joi spinto tutto di lato si abbia la massima velocità in un senso e tutto dall'altro lato la massima velocità in senso opposto.
Nel mio caso utilizzo una singola alimentazione a 12 Vcc, di conseguenza con il pote in posizione centrale ottengo 6 Vcc che corrispondono a velocità 0, con il pote tutto da un lato 12 Vcc con conseguente massima velocità in un senso e con il pote dalla parte opposta 0 Vcc corrispondente alla massima velocità in senso contrario.
In alcuni casi alcuni tipi di azionamenti potrebbero richiedere una alimentazione duale, in questo caso il segnale centrale sarà pari a 0 Vcc e agli estremi potremo avere + Vcc e -Vcc (magari +10 Vcc e - 10 Vcc...da vedere volta per volta in funzione della scheda utilizzata).
In alcuni casi comunque le schede sono configurabili a paicimento.

Ummm... mi rendo conto di aver tirato su una bella pappardella che forse risulterà comprensibile solo a chi già mastica della materia....però come fare altrementi ? se uno vuole mettersi in gioco sull'aspetto elettronico deve accettare i tecnicismi che sono inevitabili....
Spero comunque che la dritta possa servire....forse sarà più semplice rispondere a domande specifiche ?!
Per ora il discorso è che per comandare in velocità in avanti ed indietro un motore necessito, oltre al motore stesso, di un riferimento (che prelevo dal pote interno del Joi abbiamo detto) e di un azionamento che comandi il motore.

In pratica si intende per azionamento quella particolare scheda elettronica che assunto un segnale di riferimento in ingresso lo "amplifichi" alimentando il motore.....in sostanza è un poco come alimentare il motore con un alimentatore a tensione variabile, più aumento il valore mediante il potenziometro che regola la tensione di uscita + il motore gira veloce...nal nostro caso la scheda dovra somigliare a questo alimentatore ma dovrà anche essere in grado di comandare il senso di marcia opposto invertendo la polarità....

Chiedo scusa per la valangata di parole :bye:
da spirit74
#968030
Come controllo e molto simile a quello che hai realizzato (manca, l'interruttore di selezione, tra Joistick e Potenziometri, ma e' una semplice modifica che si puo implementare).

Questa parte mi era sfuggita...
in realtà il secondo potenziometro che si può selezionare nel mio caso non è un semplice riferimento di velocità ma una vera e propria posizione assoluta.....
volendo, anziche un solo pote, potrei inserirne svariati da selezionare con apposito selettore (magari a pulsantiera a scatto tipo quella dei canali dei vecchissimi televisori) in modo da poter programmare svariate posizioni selezionabili a piacimento.
In questo modo l'asse si posizionerebbe in automatico e richiesta sulle posizioni preprogrammate.
Con un solo potenziometro come è ora utilizzo il movimento in modalita "inseguitore", in pratica la testa copia il movimento della manopola del pote....tutto a destra testa tutta a destra, tutto a sinistra testa tutta a sinistra, posizione centrale testa in centro e cosi via....
#1011059
Complimenti per il progetto. :appl:
#1030773
Complimenti per la bella realizzazione.
Anch'io ho idea di costruire un piccolo crane su cui montare una testa motorizzata che supporti una minicamera Sony HXR-MC1P. Per i movimenti di PAN e TILT ho trovato sul Web dei piccoli motori in CC a 12 V con riduttore integrato, che assorbono circa 60 mA ed hanno la coppia adeguata alla piccola testa che ho in mente di realizzare. Lo stesso motore si può scegliere con riduttore da 100 oppure 50 oppure 7 giri/minuto.
Direi che quello giusto sia da 50 giri/minuto, che equivale a poco più di un secondo per un giro completo della testa. Forse è troppo veloce? Il 7 credo sia troppo lento, occorrono circa 8 secondi per fargli fare un giro completo.
Cosa ne pensi tu che hai già affrontato il problema?
Per l'azionamento mi farebbe comodo il tuo schema elettrico. Basta anche uno schizzo molto approssimativo, con i valori dei componenti. Sarei in grado di realizzarlo ma mi mancano le basi per progettare un circuito di quel genere.
Mi piacerebbe montare un potenziometro anche sul fulcro di rotazione del crane in modo che la testa rimanga orientata nella stessa direzione mentre il bracccio ruota.
Per la parte meccanica mi sto orientando sull'alluminio, per una lunghezza del braccio utile di circa 3 metri e contrappeso di 1 metro, da assemblare in quattro pezzi. Il tutto, smontato non deve superare la lunghezza di 1.20 ml e deve stare in una sacca che si possa trasportare a spalla.
Hai qualche idea da suggerirmi ?
#1172108
Ciao a tutti
Ho intenzione di realizzare una testa remotata sfruttando Arduino. Al momento ho acquistato un clone di arduino, due driver da 3A con microstepping, 1 mini joystick, un display, un convertitore stepper-down 24v to5v e due motori stepper bipolari nema 17 200step da 4.8Kg-cm. Bon ho finito i soldi :uffy:
Sto scrivendo uno sketch per pilotare il tutto.
Se arrivera' babbo natale passero' alla realizzazione dell hardware (manualita' zero . . speriamo bene) con trasmissione ad ingranaggi su cuscinetto. Tra microstepping ed ingranaggi dovrei ottenere super coppia e super movimenti moooorbidi; almeno sulla carta funziona.
Saro' felice di postare i risultati se qualcuno di voi e' interessato. Al momento non funziona una robusta mazza di niente, ma non ho paura :book:
Vado a presentarmi in sezione.
Ciao ciao !
#1172114
Ciao a tutti
Ho intenzione di realizzare una testa remotata sfruttando Arduino. Al momento ho acquistato un clone di arduino, due driver da 3A con microstepping, 1 mini joystick, un display, un convertitore stepper-down 24v to5v e due motori stepper bipolari nema 17 200step da 4.8Kg-cm. Bon ho finito i soldi :uffy:
Sto scrivendo uno sketch per pilotare il tutto.
Se arrivera' babbo natale passero' alla realizzazione dell hardware (manualita' zero . . speriamo bene) con trasmissione ad ingranaggi su cuscinetto. Tra microstepping ed ingranaggi dovrei ottenere super coppia e super movimenti moooorbidi; almeno sulla carta funziona.
Saro' felice di postare i risultati se qualcuno di voi e' interessato. Al momento non funziona una robusta mazza di niente, ma non ho paura :book:
Vado a presentarmi in sezione.
Ciao ciao !

Perfetto !
In tal caso sarà consigliabile aprire un post dedicato !
Dunque, sperando anche in Babbo Natale, un buon in bocca al lupo per la realizzazione!
#1172146
Al momento non funziona una robusta mazza di niente, ma non ho paura :book:
:lol: mi piace il tuo spirito! In bocca al lupo! e fatti vivo quando avrai raggiunto i risultati, che certamente ci interessano.

bye
#1172384
Grazie per gli auguri e la fiducia. Hanno fatto effetto :-)
Da bravo sistemista ho iniziato a stampare il tutto prima su console ed ora su LCD.
Vengono mostrati i valori X e Y ricavati dal joystick che dai ben 10 bit di ArduCino, vanno da 0 a 1023.
Risultano quindi circa 500 "step" per ciascun (alla brutos) su, giù, destra, sinistra.
Al momento 500 significa fermo. 1023 senso orario a velocità massima. 0 senso antiorario a velocità massima.
Velocita' minima 360 gradi in un minuto. Velocita' massima 360 gradi in 20 secondi.
Premendo il joystick che ha un micro interruttore, si può variare la velocità massima (attualmente 5 velocità diverse che si ripetono continuando a premere) e visualizzare per un istante la nuova velocità impostata.
Purtroppo non posso ancora far muovere i motori perché i driver necessitano di una alimentazione switching. Sinceramente non so perché non possa entrare lineare o alla membro di canide direttamente con una batteria, ma il datasheet parla chiaro ... Se ne parla dopo la befana !
Che faccio apro un 3d nuovo stile blog con i vari progressi o vado di pappa pronta quando sarà finito ?

Approfitto per augurare a tutti buone feste :festa: :happy: :festa:

Aiuto ragazzi! non capisco come mai in un progetto[…]

In genere per un dialogo si usa un solo microfono […]

Ciao Salsarico, da possessore della Sony a6500, ut[…]

[Z-CAM] Un nuovo brand sul mercato

Scusate se vado OT (ma neanche tanto visto la vo[…]