Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni generali sull'authoring di DVD Video e Blu-Ray Disc.

Moderatore: Moderatori

#1104239
Sono in 16:9.

Il mio ultimo tentativo era stato con bitrate massimo 7, medio 5,4 e minimo 2,8. GOP da 15 frame. Ma il risultato è stato un file .mpg troppo grande: 4.56GB

Con i tuoi parametri mi stima una dimensione di 4102 MB, che è più o meno quanto prevedeva per l'esportazione precedente poi risultata di dimensioni troppo grandi.

Per l'authoring mi avevi consigliato Scenarist, ma on-line fatico proprio a trovarlo e, ahimè, non trovo alternative...
#1104240
E' mia intenzione avere un menù statico, con una foto come sfondo, senza musica.

Un'altra mia lacuna è che non sono provvisto dei programmi che nominate, quindi dovrò procurarmeli!

http://www.dvdstyler.org/en/


La versione attuale di DVDStyler non funziona sul Mac (è quello che uso), consigliano la versione 2.2, ma anche quella si chiude quando le pare...
#1104244
Un saluto a tutti.
Mi chiarite le idee su:
Cosa è un DDP 2.0 ?
Perchè è meglio consegnare al duplicatore un DDP 2.0 anzichè un DVD-R
Quale tool usare per creare un DDP 2.0 (se il programma di authoring usato non lo consente - come encore)
Grazie.
#1104267
Un saluto a tutti.
Mi chiarite le idee su:
Cosa è un DDP 2.0 ?
Perchè è meglio consegnare al duplicatore un DDP 2.0 anzichè un DVD-R
Quale tool usare per creare un DDP 2.0 (se il programma di authoring usato non lo consente - come encore)
Grazie.
Encore permette di uscire in ddp 2.0, almeno che io sappia.
In ogni caso, il ddp 2.0 è un file che contiene tutte le informazioni per fare una corretta masterizzazione su glass master, che è la "matrice" dalla quale si ricavano poi gli stampi per i DVD. Se il DVD deve essere criptato con il css è l'unico modo per consegnare un DVD alla replica. Nel caso di DVD non criptati alcuni duplicano anche da un master, ma devono comunque costruirsi un DDP 2.0 dal master. Talvolta lo fanno gratis, ma talvolta l'operazione ha un costo e in generale tutta la faccenda ha i rischi tipici del DVD-R usato in modalità video e non in modalità dati UDF che è molto più robusto.
SU PC in alternativa esiste un programma che si chiama GEAR PRO MASTERING che permette di creare un DDP 2.0 da qualunque DVD già compilato.

Ripeto che il DDP 2.0 si deve usare solo se si replica con il glass master, chi duplica con i masterizzatori non sa nemmeno cos'è. Di solito.
Anzi, voglio chiarire un punto che a molti appare misterioso: il DVD, come il CD non nascono per essere duplicati con un masterizzatore. I supporti DVD-R & c che usiamo per le nostre cose interne non hanno nulla a che vedere con lo standard DVD vero e proprio, semplicemente cercano di simulare su un supporto delle stesse dimensioni e con le stesse tracce il risultato che si ottiene con la pressa (che sono veri e propri buchi stampati) bruciacchiando delle piste per cambiare la riflettenza di quella particolare area. I due prodotti, il DVD stampato e quello masterizzato sono TOTALMENTE differenti, come specifiche ma soprattutto come durata nel tempo e affidabilità.
Dico questo perchè a volte la gente mi chiedeva come mai un dico vergine (parlo dei primi anni 2000) costava quanto un DVD in videoteca, e molti mi dicevano che era una politica per impedire le copie: "come fanno altrimenti a vendere il DVD a prezzo così basso? Si vede che lo pagano molto meno...". Niente di più sbagliato: semplicemente si parlava di prodotti diversi, uno nato per replicare a costi bassi (la pressa), l'altro per masterizzare in casa e ai tempi il prodotto era agli inizi e quindi costava, come succede sempre con le nuove tecnologie.

Ora, per goffredosani: non avevo capito che lavoravi su MAC. Mi spiace ;)
Non esiste nessun software realmente professionale su MAC per fare authoring di DVD (come del resto non esiste praticamente più alcun software pro per fare alcunchè su Mac, se non forse AVID), il mio consiglio è, per non abbandonare la piattaforma, di installare una partizione Windows, oppure su un disco esterno e poi ci fai girare tutti i programmi consigliati qui.
Scenarist si trova in rete, ma non è facile e pure lui gira solo in WINDOWS. L'acquisto di Scenarist oggi come oggi è escluso: La Rovi che ha acquistato Sonic cessa il supporto e la vendita con il 31 dicembre 2013 cioè tra pochi giorni, inoltre è un programma che costa un botto. Io lo acquistai nel 1999 e ha fatto la sua vita.

Inoltre: non è possibile che con un medio di 5,4 ti venga un file troppo grande, ma secondo me ti mancano proprio le basi. Non è che hai lasciato l'audio in PCM lineare? E poi, perchè un file mpg? Per fare i DVD devi usare degli elementary stream e di solito sono mpv o m2v. Il fatto che mi parli di un file troppo grande mi fa pensare che hai lasciato un audio PCM multiplexato insieme, cosa da non fare assolutamente. Secondo i miei calcoli con la media di 6700 ci devi stare sul disco, se vuoi stare prudente vai a 6500 di media.
Ma già che ci siamo, voglio anche spiegare come si calcolano questi parametri:
la media si calcola sulla base dello spazio da occupare su disco. Un DVD da 4,7 giga in realtà calcola i giga in modo errato, ovvero su base 1000 invece che 1024, quindi a rigore dobbiamo dire che sono 4.700.000.000 byte. se devo farci stare 83 minuti, ovvero 83*60 = 4980 secondi devo dividere 4.700.000.000 / 4980 e mi viene il bitrate in byte, per averlo in kiloBIT moltiplio per 8 (passaggio da byte a bit) e divido per 1024, totale 7373 circa. Se per l'audio uso 224 kbit ciascuno li devo sottrarre e il risultato è circa 6900 che fanno 6,7 megabit.

Il bitrate massimo invece si calcola partendo dalla banda massima del DVD (9,8 mbps), si sottrae l'audio (224 + 224) e 4 kbps per i sottotitoli e tenendo conto sempre della differenza tra la base 1000 e la base 1024 escono 9118 kbites di massimo. In realtà si può fare di più ma è meglio stare prudenti.

Il minimo in realtà non ha un valore, lo si imposta per non fare scendere il bitrate troppo basso e il valore che ho dato vale per situazioni "tranquille".

I GOP non possono essere più lunghi di 15 frame in PAL e 18 frame in NTSC, ma questi valori sono troppo larghi a mio avviso a meno di non avere contenuti molto ma molto "tranquilli", andare a 12 frame in PAL è più sicuro.

E' opportuno inserire sempre lo scene change detection, in modo che ogni cambio scena inizi son un I-frame, pena lo spappolamento dell'immagine intorno al cambio scena. I Gop possono essere lasciati aperti se non si ha intenzione di tagliare parti di contenuto all'interno del programma di authoring, altrimenti meglio chiusi (ma è meno efficiente).

Sui cambi scena desiderati, se ce ne sono è meglio forzare un i-frame, anche se il cambio scena non è su un vero e proprio cambio di inquadratura - a volte bisogna tenere conto dell'audio per non fare uno stra della scena fastidioso.

E' questo è un elenco MINIMO delle cose da tenere conto per fare un DVD che sia appena appena superiore a quello del matrimonio che ci fa il fotografo sotto casa. Ma non si può riassumere una esperienza di 15 anni in un post.
#1104270
Quale tool usare per creare un DDP 2.0 (se il programma di authoring usato non lo consente - come encore)
Grazie.

.. comunque confermo che Encore esporta il ddp 2.0 : http://helpx.adobe.com/it/pdf/encore_reference.pdf a pagina 173. Ragà, leggete i manuali qualche volta, fa bene allo spirito , pazienza se si salta un aperitivo con sushi...
#1104321
Grazie william - grande.
Non per giustificarmi, ma ti assicuro che i manuali dei programmi che uso li so quasi a memoria.
La possibilità di Encore di esportare il DDP 2.0 mi era sfuggita perchè non avevo mai preso in considerazione la procedura ... (le poche volte che ho passato un DVD da duplicare (stampare) ho utilizzato un normale DVD-R e il duplicatore non mi ha chiesto altro).
E poi non sono il tipo da ... "aperitivo con sushi..."; quando sono a casa preferisco un buon prosecchino con una fettina di salame e 2 olivette taggiasche ...; quando sono in Grecia ... Ouzo me Mesé!
Grazie ancora.
Ciao
#1104322
@willyfan

Per me non gli serve esportare in ddp2.

Chiarisco a beneficio dei non addetti ai lavori. Il DVD video è composto di due partizioni, in una c'è il materiale multimediale (il dvd normalmente inteso) nell'altra le protezioni: Macrovision analogica e CSS (Content Scramb!e System) digitale. A quest'ultima si sono aggiunte ACP e Rip Guard. AACS a 128 bit nel caso dei BRD.

I masterizzatori domestici non possono scrivere la seconda partizione e quindi per molto tempo è stato usato il DLT, il nastro.

Per usare le protezioni è però necessario acquistare la chiave privata e la licenza Macrovision. Altrimenti le uniche protezioni possibili sono le limitazioni regionale e parentale.

Non credo che il nostro amico voglia farlo per un solo lavoro e dunque il ddp2 è inutile. Però se mi dici che le società che stampano dischi lo richiedono.. Io conoscevo quella a L'Aquila e per loro non era indispensabile.

Circa le differenze fra dischi stampati e dischi masterizzati. Si i secondi non contengono veri e propri pit, nel senso che il segno è fotoimpresso, disegnato e non scavato. Nei rewritable attraverso un processo di alterazione dello stato organico delle molecole ottenuto con la temperatura: alzando la temperatura di scrittura si cancellano i segni precedenti preparando le molecole per la riscrittura. La stessa cosa avviene nei DLT attraverso il BIAS, cioè la corrente che precede la testina di magnetizzazione: alzando la corrente smagnetizza preparando il supporto per una nuova registrazione.

Esiste però un disco che al prezzo di un laser più potente incide letteralmente il supporto eliminando, almeno in teoria, la differenza con i DVD stampati. Ci sono diversi masterizzatori compatibili, compreso un LG dal costo analogo a tutti gli a!tri; poche decine di euro.

http://www.mdisc.com
#1104328
Per tornare il tema.
William dice:
L'acquisto di Scenarist oggi come oggi è escluso: La Rovi che ha acquistato Sonic cessa il supporto e la vendita con il 31 dicembre 2013 cioè tra pochi giorni, inoltre è un programma che costa un botto.

Se scenarist non c'è più cosa consigli in alternativa a Encore che a tuo parere è scarso ?

Quello che William dice di fare quando dice:
E' opportuno inserire sempre lo scene change detection, in modo che ogni cambio scena inizi son un I-frame, pena lo spappolamento dell'immagine intorno al cambio scena. I Gop possono essere lasciati aperti se non si ha intenzione di tagliare parti di contenuto all'interno del programma di authoring, altrimenti meglio chiusi (ma è meno efficiente).
Sui cambi scena desiderati, se ce ne sono è meglio forzare un i-frame, anche se il cambio scena non è su un vero e proprio cambio di inquadratura - a volte bisogna tenere conto dell'audio per non fare uno stra della scena fastidioso.


lo si può fare con Encore ?
#1104382
...lo si può fare con Encore ?
Con Encore non so, ma si può fare nella timeline di Premiere e quando esporti mette gli i frame sul file.

riguardo ai DDP 2.0: ho scritto qua e la che se devi mettere le protezioni (CSS e macrovision però sono due cose diverse, per macrovision si paga, per css no) il ddp 2.0 è obbligatorio, altrimenti è solo CONSIGLIATO. Per la cronava, macrovision è una protezione contro le copie analogiche su VHS, direi un poco anacronistico oggi...

Di per se, si può duplicare anche da disco masterizzato, ma ho avuto pessime esperienze e personalmente ho trovato il ddp 2.0 più robusto. Ovvero, con il ddp sono certo che il disco funziona, con il masterizzato sono nelle mani di qualche operatore in duplicazione che non sempre fa le cose fatte bene. Mi capitò con un disco per istituto luce che duplicandolo da DVD si era portato dietro alcune caratteristiche del masterizzato, al punto che i lettori che non leggevano i masterizzati (una volta ce n'erano) non leggevano nemmeno quel disco. Da allora, DDP 2.0, prima si DLT e oggi su DVD-R - sempre e comunque.
Quelli all'aquila li conoscevo anch'io, ho fatto il mio primo DVD ne 1999 con loro (la Optimes, giusto?)
Ai tempi volevano il DLT, non so successivamente. Ora hanno chiuso, o venduto, non so bene.

Software di authoring: non lo so. DVD lab era molto flessibile ma è molto che non lo uso. Scenarist si trova in rete, magari ora che non lo producono più non faranno tante storie... Ma scenarist richiede MOLTO impegno per imparare ad usarlo. Ma poi hai uno strumento con il quale fai di tutto - tranne il seamless branching, ma probabilmente molti non sanno nemmeno cos'è...
#1104391
...lo si può fare con Encore ?
Con Encore non so, ma si può fare nella timeline di Premiere e quando esporti mette gli i frame sul file....


Grazie per la risposta.
Questo proprio non riesco a farlo con premiere. Hai tempo e voglia di spiegarmelo ? o di dirmi dove è spiegato ?
#1104408
riguardo ai DDP 2.0: ho scritto qua e la che se devi mettere le protezioni (CSS e macrovision però sono due cose diverse, per macrovision si paga, per css no) il ddp 2.0 è obbligatorio, altrimenti è solo CONSIGLIATO. Per la cronava, macrovision è una protezione contro le copie analogiche su VHS, direi un poco anacronistico oggi...

Di per se, si può duplicare anche da disco masterizzato, ma ho avuto pessime esperienze e personalmente ho trovato il ddp 2.0 più robusto. Ovvero, con il ddp sono certo che il disco funziona, con il masterizzato sono nelle mani di qualche operatore in duplicazione che non sempre fa le cose fatte bene. Mi capitò con un disco per istituto luce che duplicandolo da DVD si era portato dietro alcune caratteristiche del masterizzato, al punto che i lettori che non leggevano i masterizzati (una volta ce n'erano) non leggevano nemmeno quel disco. Da allora, DDP 2.0, prima si DLT e oggi su DVD-R - sempre e comunque.
Quelli all'aquila li conoscevo anch'io, ho fatto il mio primo DVD ne 1999 con loro (la Optimes, giusto?)
Ai tempi volevano il DLT, non so successivamente. Ora hanno chiuso, o venduto, non so bene.

Software di authoring: non lo so. DVD lab era molto flessibile ma è molto che non lo uso. Scenarist si trova in rete, magari ora che non lo producono più non faranno tante storie... Ma scenarist richiede MOLTO impegno per imparare ad usarlo. Ma poi hai uno strumento con il quale fai di tutto - tranne il seamless branching, ma probabilmente molti non sanno nemmeno cos'è...

Optimes, giusto. Avranno preso il risarcimento per il terremoto e ci saranno andati alle Seychelles.

Circa il seamless branching l'ho sempre trovato di relativa utilità. Chi l'ha usato l'ha fatto per mettere, che so, film distribuito e director's cut sullo stesso disco. A parte la possibilità di saltare da una versione all'altra potendo tornare indietro, basta il supporto dei multi-angle. Però io sono per i titoli che si concentrano sul film, non per i videogiochi interattivi in cui il film diventa un elemento fra gli altri; quasi secondario. Fosse per me un film che parte con il titolo, senza menù iniziali di scelta, andrebbe benissimo. Intanto dubito che ci siano utenti che scelgono di vedere le singole scene in luogo del film intero, mentre lingua e sottotitoli possono scegliersi con il telecomando.
#1104413
Ho provato a esportare con i parametri che mi hai consigliato, ma il file .m2v sembra avere qualche problema. Su Quicktime mi dice che ha una durata di oltre 2 ore e non lo legge, VLC lo legge ma i titoli di coda (che scorrono in verticale) vanno a scatti.

Un altro elemento che non ho tenuto in considerazione: il filmato "sorgente" è a 29,97 fps mentre l'output, dovendo essere PAL, è a 25.
#1104419
Un altro elemento che non ho tenuto in considerazione: il filmato "sorgente" è a 29,97 fps mentre l'output, dovendo essere PAL, è a 25.
Ecco, questo è un elemento non da poco conto. Per quanto farai, il risultato sarà una schifezza.
La timeline è a 29.97 o a 25?
Comunque, tieni conto che il passaggio non è indolore. Ma perchè si fanno queste cose?
Io mi arrendo, a fronte della non professionalità di certe scelte.
Auguri...

Ieri ho fatto il rendering delle 72 clip e ora la […]

Faccio alcune considerazioni. Primo: mi spiace con[…]

Appunto. E non solo voi, il commento era ironico, […]

Solo riguardo al ritardo: purtroppo, molti monitor[…]