Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni sulle Telecamere, MonoCCD, 3CCD, Cmos, Professionali, miniDV, HDV, Analogiche ed il loro utilizzo.

Moderatore: Moderatori

#1293239
Buongiorno a tutti,
nell'utilizzare la mia camera di cui al titolo, in virtù delle caratteristiche, per una ripresa ad un ballo di gruppo, quale modalità di registrazione è più opportuno impostare, 1080 50i o 1080 25p od altro?
Il lavoro dovrà essere riportato, su un comune DVD visibile mediante TV e computer.
Nella fase di montaggio con Adobe premiere CS6, poi, utilizzo ovviamente le medesime impostazioni?
Vi ringrazio dell'aiuto e non me ne vogliate se Vi chiedo di un argomento già trattato ed anche ampiamente, non sono un veterano del Forum, né dell'attività videoamatoriale.
Grazie ancora e saluti.
#1293316
Il sistema interlacciato veniva usato per riprese destinate ai vecchi televisori a tubo, che per motivi tecnici non erano in grado di riprodurre 50 fotogrammi progressivi in un tempo ragionevole, pertanto utilizzavano la tecnica dei due semi quadri, uno con le linee pari e uno con le linee dispari.
Se il tempo di esposizione non è abbastanza rapido, può accadere che in scene con veloci movimenti orizzontali della camera o degli oggetti o delle persone riprese, i due semiquadri non coincidano, e i contorni verticali appariranno seghettati.
Sarebbe da preferire il 50p poiché offre una maggiore fluidità della scena.
Però in caso di luce scarsa, e volendo avere dei file più leggeri si può optare per il 25p.
Con gli attuali televisori e computer, mi sembra anacronistico sacrificare la definizione delle immagini utilizzando il normale formato dvd 720x576. Per conservare la definizione full HD si può ricorrere o al blu ray o a supporti di memoria a stato solido, o dischi rigidi meccanici.
#1293320
Salve,
personalmente preferisco usare il sistema 50i (interlacciato).
L'interlacciato è brutto nel fermo immagine, ma a velocità normale da una fluidità che il progressivo non risce a dare (è scattoso).
Le seghettature menzionate dipendono da una scorretta impostazione del software di riproduzione o impostazione del TV,
perché l'interlacciato si vede bene anche sui moderni tv.

Il progressivo viene dalle pellicole cinema, e sarebbe stato meglio che lì sia restato.

Saluti
#1293322
Concordo con quanto detto da lidio_b
NON concordo con quanto detto da Graziano G (... occhio al congiuntivo...)
Aggiungo il mio punto di vista:
Io girerei di norma in FullHD (1920x1080) a 25p (attenzione ai movimenti di pan e di tilt che dovranno essere molto molto molto lenti e regolari)
Se hai scene che poi pensi di rallentare in post quelle e SOLO quelle le girerei sempre in fullHD a 50p (se la camera lo consente)
Il montaggio lo farei su un progetto (io uso premiere) 1920x1080 25p.
Fatto il montaggio (con tutti gli effetti, le transizioni, la CC e il CG del caso) esporterei un file intermedio (io uso AME e codec CineformHD HightQuality)
Sul file intermedio (CineformAVI o CineformMOV) - importato nello stesso progetto in una nuova sequenza dedicata 1920x1080 25p) farei i titoli di testa, di coda, ed eventuali altri e gli eventuali aggiustamenti dell'ultimo momento, quindi esporterei:
in MPEG2_DVD - PROGRESSIVO - con bitrate adeguato ad ottenere la massima qualità in relazione alla durata del video - per creare i 2 files (1 video e 1 audio) da usare poi per l'autoring del DVD-SD
in H264 Blu-ray (interlacciato priorità campo superiore ma questo te lo dà già il preset di AME) - con bitrate adeguato ad ottenere la massima qualità in relazione alla durata del video - per creare i files da usare poi per l'authoring del DVD-BD
#1293328
Buona sera, ragazzi.
Un po' di chiarezza è fatta; mentre attendevo da voi qualche dritta, ieri sera ho provato a girare in 1080 25p e ad esportare con l'ausilio di Premiere in H.264, senza renderizzare, dal che ne ho tratto un lavoro più che soddisfacente.
Che ne dite?
Dopo aver letto le vostre opinioni, desidererei porvi alcune domande (non ridete sotto i baffi se vi sembrano banali), scherzo!
Innanzitutto, mi confermate che la seghettatura di cui parla lidio_b non si nota durante la visione del DVD?
La scattosità del 50i può essere eliminata?
E' opportuna l'esportazione in H.264 al fine di evitare l'autoring del DVD?
Infine, è "obbligatorio" renderizzare dopo aver lavorato il filmato? Se lo si esporta senza renderizzare cosa succede?
Grazie e buona sera.
#1293333
Salve,
la scattosità è del progressivo, che ti obbliga a fare le panoramiche lentamente (come suggerisce CatoCato).
Poi, che senso ha ripendere in progressivo se quando fai il Blu-ray passi all'interlacciato, fallo subito interlacciato e ne guadagna la fluidità.

Le trasmissioni televisive sono Interlacciate, o sbaglio?

Saluti
#1293335
Le trasmissioni televisive sono interlacciate, ma sostanzialmente solo quelle in studio.
Serie tv, telefilm e ovviamente film sono progressivi. Ho registrato dei concerti alla scala, e ci siamo raccomandati che le camere fossero in progressivo.
Ora, sulla fluidità posso pure concordare, ma vorrei trovare qualcuno che sostiene che la qualità video generale di, ad esempio, porta a porta, sia migliore che so, di Interstellar piuttosto che di la la land.
La fluidità non è tutto.
Per questo io dissento totalmente e piuttosto cerco di curare l'aspetto movimenti ma non rinuncio alla, qualità del fotogramma progressivo. L'interlacciato non lo posso proprio vedere.
Peraltro, in interlacciato si possono fare pasticci incredibili, basta vedere i tg di Mediaset quante volte i servizi hanno i field invertiti.
Lasciamo perdere, aspettiamo il 50p al limite.

William Fanelli
#1293339
Concordo pienamente con william.
Forse un problema potrebbe porsi dovendo passare a un network tv che richiede un 1080i un lavoro fatto in progressivo.
In questo caso come conviene muoversi?
#1293340
Concordo pienamente con william.
Forse un problema potrebbe porsi dovendo passare a un network tv che richiede un 1080i un lavoro fatto in progressivo.
In questo caso come conviene muoversi?
Si attaccano, ovvero, come fanno quando mandano in onda un film? O le serie tv? O i concerti di cui sopra? Non è possibile portare un progressivo in interlacciato.
Al massimo quello che si fa ad esempio anche per i bluray in PAL o ntsc è di avere un file marcato interlacciato, ma si tratta di psf e non di vero interlacciato.

William Fanelli
#1293344
Concordo pienamente con william.
Forse un problema potrebbe porsi dovendo passare a un network tv che richiede un 1080i un lavoro fatto in progressivo.
In questo caso come conviene muoversi?
Si attaccano, ovvero, come fanno quando mandano in onda un film? O le serie tv? O i concerti di cui sopra? Non è possibile portare un progressivo in interlacciato.
Al massimo quello che si fa ad esempio anche per i bluray in PAL o ntsc è di avere un file marcato interlacciato, ma si tratta di psf e non di vero interlacciato.
William Fanelli

Ho letto da qualche parte che importando il 1080 25p in un progetto o sequenza Premiere interlacciata Premiere fa una sorta di 25PsF che per i network tv va bene ...
#1293345
Ovvio.
Anche da timeline progressiva, basta esportare interlacciato.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
#1293355
Innanzitutto, mi confermate che la seghettatura di cui parla lidio_b non si nota durante la visione del DVD?
La scattosità del 50i può essere eliminata?
E' opportuna l'esportazione in H.264 al fine di evitare l'autoring del DVD?
Infine, è "obbligatorio" renderizzare dopo aver lavorato il filmato? Se lo si esporta senza renderizzare cosa succede?

Ciao Carleo,
temo che le tue domande siano rimaste insolute.
- No, non si vede. Si vedrebbe solo se usassi un player del computer e questo non attivasse la funzione di deinterlacciamento.
- Se tutto è fatto a dovere non c'è nessuna scattosità da eliminare. Il 50i è uno dei formati più fluidi che esista.
- Se non si vuol fare un DVD o un BD, l'export in H264 è una delle migliori scelte possibili.
- Non è obbligatorio, ma il software lo farà lo stesso a tua insaputa e senza poterlo impedire; quindi non può succedere.
#1293370
Salve a tutti,
è vero Rider, gli amici mi hanno chiarito molte cose, ma poi sai com'è, spesso in colloqui tra più persone che trattano argomenti così vasti non è difficile "uscire fuori tema" senza accorgersene.
Bene così.
Quindi, come detto in precedenza, se la mia brava gara di ballo la riprendo in 1080 25p e la esporto in H.264 omettendo la renderizzazione, sarà tutto ok?
Grazie, Rider, e buon pomeriggio a tutti.
#1293374
Non puoi omettere la renderizzazione. Cosa vuol dire? Sarebbe come fare il sugo della pasta, mettere gli ingredienti e"omettere" la cottura.
L'esempio non è dei migliori visto che con la pasta si potrebbe pure fare in alcuni casi, ma è per capire.
Precisiamo una cosa:
Con alcuni specifici formati, alcuni sw e a patto che l'editing sia fatto solo con cut e non altri effetti, é possibile che il rendertng (che viene chiamato in questi casi "smart rendering") non ricompri i fotogrammi ma che essi vengano copiati da ingresso a uscita così come sono.
Ma basta che il materiale di partenza sia in long gop, oppure che applichi una minima correzione di colore che il rendering è necessario.
Intendiamoci. È necessario alla fine, quando fai export e viene fatto in automatico.
Non è necessario renderizzare perché hai la riga rossa, ad esempio. Quella è una cosa diversa, è un rendering ma di preview.

William Fanelli
#1293387
Ok, d'accordo.
Grazie di tutto e all'indomani della registrazione che sto approntando vi farò sapere.
Saluti.

Purtroppo i software validi per questo scopo costa[…]

[DaVinci Resolve] Potenza di calcolo

Riguardo amd, a quel punto una scheda ottima che[…]

Che dimensione hanno queste immagini? Prova a pr[…]

Ciao Poseidon97 , lo STAFF e i MOD tu[…]