Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni relative a tutte le opere cinematografiche indipendenti e non su pellicola, dvd o etere/satellite.

Moderatore: Moderatori

da Clau_dio
#1304902
Da un paio di giorni ho visto il film "Van Gogh, sulla soglia dell'eternità" di Julian Schnabel. E' incredibile come siano riusciti a rovinare un film che aveva tutte le potenzialità per diventare un'opera di ottimo livello. Da una più che convincente recitazione di Willem Dafoe nei panni di Vincent a una splendida resa cromatica di ambienti e paesaggi si è cascati, rovinando tutto, nel più deleterio degli errori. Per i tre quarti del film le riprese sono state fatte con la camera a spalla per un risultato che definirlo fastidioso è fargli un complimento. Un continuo su è giù e tremolii sismici da mal di mare.
Capisco la trama, cercare di rendere con le immagini la frenesia e la mente malata del pittore, ma quando è troppo è troppo con un pessimo (ovviamente a mio avviso) risultato finale. Bah!
da nessundorma
#1308126
Non l'ho visto! miseria, vedo pochissimo cinema ultimamente!
però se ti capita vedi Loving Vincent che è un capolavoro. Sia per come è realizzato - a dipinti animati - sia per il racconto sviluppato come thriller

Ma penso che tu lo abbia già visto..
da Clau_dio
#1308138
Sì, hai ragione è un capolavoro di animazione.
da vqUEZAL
#1311052
Schnabel sceglie spesso il camera a mano e un montaggio sincopato, cerca il movimento, il tratto, il gesto, l'immagine sghemba, usa filtri e fuori fuoco, insegue la frenesia con cui Van Gogh realizzava i suoi quadri, non vuole una banale mimesi della sua opera ma il senso, l'intuizione, la visione fulminante. Quando ci riesce, il film si solleva improvvisamente dal lirico torpore in cui lo fa precipitare una musica invasiva e ridondante. Ci pensa poi Jean Claude-Carrière – mica uno qualsiasi – a dare sostanza agli incontri di Van Gogh, alle sue riflessioni, alla sensazione di essere sempre sull'orlo della follia, a dialoghi notevoli come quello che lo oppone a un prete, a cui Vincent affida la parte di Pilato (visto che lui si paragona volentieri a Gesù).
da Clau_dio
#1311055
... de gustibus ... (Schnabel non Carrière)

PS: vqUEZAL, ti invito ad effettuare la tua presentazione nell'apposita sezione PRESENTAZIONI, passaggio obbligatorio per partecipare alla vita del Forum.
Ciao e grazie per la collaborazione.
[Sony AX53] Nuova 4k 2016

Tempo fa' un amico mi presto' la ax33 e non mi fac[…]

Cristian per cortesia ricordati la regola dei tito[…]

A me risulta che si può mettere in time lin[…]

Salve a tutti, sono un ragazzo di 21 anni autodida[…]