Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni sui Cinecorder e sulle macchine fotografiche Dslr, SLT & Mirroless in ambito video.

Moderatore: Moderatori

da willyfan
#1325819

madcat ha scritto:Willyfan, scusa, puoi dirmi che microfono hai usato per l'intervista, la distanza e la posizione?
Il microfono è un audiotechnica at875r, tenuto con un boom dall'alto a circa un metro dell'intervistato.
Tra l'altro, in quell'occasione il fonico ero io.
In realtà c'era pure una clip indossata ma non è stata usata nel mix, se non sbaglio.
Perché questa bizzarra curiosità?

William Fanelli - 9 dots film

da madcat
#1325820
willyfan ha scritto: ven, 01 apr 2022 - 23:42
madcat ha scritto:Willyfan, scusa, puoi dirmi che microfono hai usato per l'intervista, la distanza e la posizione?
Il microfono è un audiotechnica at875r, tenuto con un boom dall'alto a circa un metro dell'intervistato.
Tra l'altro, in quell'occasione il fonico ero io.
In realtà c'era pure una clip indossata ma non è stata usata nel mix, se non sbaglio.
Perché questa bizzarra curiosità?

William Fanelli - 9 dots film
Perché sto facendo alcune prove con il RØDE VideoMic Me-C per quello sfizio con lo Smartphone e non riesco ad allontanarmi più di un metro senza che il rimbombo diventi eccessivo. Poi va da sé che posso tagliare a 150Hz (o anche sopra) ma questa è una pezza. Proverò con il Comica CVM-VM20.

Grazie
da willyfan
#1325823

madcat ha scritto: Perché sto facendo alcune prove con il RØDE VideoMic Me-C per quello sfizio con lo Smartphone e non riesco ad allontanarmi più di un metro senza che il rimbombo diventi eccessivo. Poi va da sé che posso tagliare a 150Hz (o anche sopra) ma questa è una pezza. Proverò con il Comica CVM-VM20.

Grazie
Il rimbombo dipende dalla stanza purtroppo. All'esterno il nemico invece è il vento, ma quello di risolve. In interni io faccio uso di pannelli acustici incollati su polistirolo, quando possibile.
Anche un mic fucile molto direttivo aiuta.



William Fanelli - 9 dots film

da madcat
#1325932
willyfan ha scritto: sab, 02 apr 2022 - 14:45Anche un mic fucile molto direttivo aiuta.
William Fanelli - 9 dots film
Purtroppo no. Ho fatto alcuni test con il COMICA CVM-VM20 e l'imbottigliamento (rimbombo, eco , riverbero) è aumentato; nota che ho registrato a 24bit/96Mhz. La situazione è molto migliorata all'aperto ma non abbastanza da motivare l'uso di un supercardioide. Ho chiesto info all'Audio-Technica e a Comica: la prima mi ha detto che la distanza di un supercardioide dal punto di pick-up deve essere di 40-60cm; la seconda che la distanza ideale per il Comica CVM-VM20 è 5 metri! L'Audio-Technica AT 875R non lo posso usare con lo Smartphone perché è lungo 177mm e dunque entrerebbe nel quadro. Il Comica, che è 150mm, non si vede per un pelo con la focale standard di 26mm equiv (e chiamala standard...) ma si intromette per un terzo della lunghezza con quella supergrandangolare. Restano i lavalier, ma si vedono. Oltretutto mi sono accorto che il sottile antivento non serve a nulla in esterno e bisogna usare il DeadCat, che rende i lavalier ancora più intrusivi; benché dissimulandoli.

Tutto sommato, visto che la corta focale degli Smartphone costringe ad avvicinarsi molto, credo che la soluzione migliore sia, non a caso, la più diffusa; e cioè un normale cardioide tipo il RØDE VideoMicro.

Bye.
Ultima modifica di madcat il ven, 15 apr 2022 - 20:54, modificato 1 volta in totale.
da willyfan
#1325938
Tutto vero ma noi usiamo sempre audio technica (all'aperto con il dirigibile) usando il boom per tenerlo appena fuori dal quadro. Se possibile usiamo una clip di backup, a volte visibile a volte nascosta.
Tanto per dare un'idea, e per non essere troppo offtopic, ecco il nostro ultimo lavoro sempre musicale, con varie interviste registrate con le solite zcam e l'audio con i soliti microfoni.
In alcune interviste c'è una particolare attenzione alla fotografia e a mantenere la dinamica tra interno e vista fuori dalle finestre in misura accettabile, con ottimo risultato.



Lavoro appena sfornato. In realtà questa versione è stata realizzata in fretta e furia perchè è una pillola da 6 minuti che verrà proiettata al Teatro Grande martedì prossimo. A seguire ci sarà un vero documentario di un ora circa, sul quale spero possiamo lavorare con più calma.
Alle 20.00 del venerdì santo sto caricando i file...
Ultima modifica di willyfan il sab, 16 apr 2022 - 14:42, modificato 2 volte in totale.
da madcat
#1325939
willyfan ha scritto: ven, 15 apr 2022 - 20:06 Alle 20.00 del venerdì santo sto caricando i file...
Ah, il vescovo di Bergamo. Ci sono stato in collegio, a Bergamo. A te lo posso dire, visto che mi dai anche qualche anno di stecca. Là, dove per trent'anni c'è stata l'accademia della GDF, ora trasferita negli ex Ospedali Riuniti, c'era l'Eur-College di Pirovano, detto biglia dal momento che non aveva un capello. Mi permetto questo off-topic visto che riprendi sovente Pianoforti e, quando associo Bergamo ad un Pianoforte, mi ricordo di un baretto sulla piazza di Bergamo Alta che ne aveva uno; bisognava scendere un paio di gradini per entrare. Da quel posto io e due miei amici una volta siamo stati cacciati perché, un po' fumati, ci siamo messi al Piano senza minimamente saperlo suonare. Che tempi.

Buona Pasqua.
da willyfan
#1325942

madcat ha scritto:... visto che riprendi sovente Pianoforti...
Beh, nei video in cui mi occupo del festival pianistico è abbastanza inevitabile. In questo video, in particolare, abbiamo scelto volutamente location per le interviste dove ci fosse un pianoforte (una delle sale in loggia a Brescia per il sindaco, una sala del teatro Donizetti a Bergamo per il vescovo e il presidente onorario del festival e una villa privata a Brescia per gli altri) ad eccezione di Rattalino, la cui intervista "proviene" dai b-roll della docuserie "con le note sbagliate". E sono certo che un occhio attento come il tuo avrà notato la differenza di stile tra quella inquadratura (camera a mano, fotografia più "sporca") rispetto alle interviste realizzate poi.
Questo video è in realtà un omaggio a questo direttore d'orchestra, ed è solo un "estratto", anzi un montaggio ad hoc di un documentario di un ora in fase di realizzazione. Per il quale, faremo presumibilmente altre interviste anche a noti musicisti e direttori d'orchestra che non abbiamo potuto fare nei pochi giorni a disposizione ora, e dove saranno inseriti anche altri documenti storici di cui il video in b/n presente in questa miniversione è solo un esempio.
Certo stonano le immagini in b/n della RAI negli anni '60 contro le riprese a 4k e 6k delle zcam fatte oggi, ma il contrasto è voluto.
Buona Pasqua.



William Fanelli - 9 dots film

da CatoCato
#1325943
Grande qualità e grande fotografia. Immagino che la scelta di NON fare guardare l'intervistato in camera sia voluta. A me non piace quando prescinde della inquadratura (almeno di sfuggita - almeno una tantum) dell'intervistatore o dei probabili ascoltatori. A chi stanno parlando gli intervistati?
da willyfan
#1325945
Si, è una scelta. L'idea è che si intuisca un interlocutore non inquadrato.
Durante le riprese il mio socio che è il regista si siede nel punto opportuno e fa le domande, e a lui si rivolge l'intervistato.

Inviato dal mio M2007J20CG utilizzando Tapatalk
da CatoCato
#1325946
Beh che dire: a me proprio non piace. Ogni volta che vedo una inquadratura di questo tipo mi viene da dire: "Ehi ... sono qui!!! ..."
Questione di gusti, ovviamente.
da willyfan
#1325982
Oggi mi sono guardato svariati documentari. Devo dire che è molto più raro l'opposto, ovvero l'intervistato che guarda in camera. Far guardare in camera è una scelta molto forte, è la rottura della quarta parete.
In qualche caso si fa (interviste TV, o nei tutorial) ma nei documentari non si usa proprio o comunque molto di rado. Anche se non di vede l'interlocutore.

William Fanelli - 9 dots film
da madcat
#1326023
willyfan ha scritto: mer, 20 apr 2022 - 21:43 Oggi mi sono guardato svariati documentari. Devo dire che è molto più raro l'opposto, ovvero l'intervistato che guarda in camera. Far guardare in camera è una scelta molto forte, è la rottura della quarta parete.

William Fanelli - 9 dots film
Sono d'accordo, però guardare sempre nella stessa direzione suggerisce la presenza di un interlocutore fuori campo, si tratta comunque di osservazione partecipata.

Altro sarebbe se l'intervistato parlasse in modo spontaneo con qualcuno diverso dall'intervistatore ma parte della narrazione, se riflettesse ad alta voce o entrambe le cose.
da willyfan
#1326824
Riprendo la discussione solo per segnalare che su facebook uno sviluppatore indipendente ha realizzato una modifica al firmware della zcam, per ora valido per i modelli S6 e M4. Per spiegare cosa ha fatto faccio una premessa.
Su Zcam era disponibile fino a qualche versione fa la possibilità di registrare in raw, chiamato zraw. Si trattava do un raw VERO, non un raw "debayerizzato" tipo il BRAW o cose simili. Purtroppo però pochi programmi erano in grado di gestirlo, in particolare il problema è (come anche succede per il prores raw) davinci che per motivi di concorrenza (e altri) non implementa il supporto a questi formati, e per la struttura del software non è nemmeno possibile sviluppare dei plugin come invece succede su premiere o altri software.
Come si sa, la RED che detiene il "brevetto" per la registrazione del RAW compresso in camera ha fatto pressioni su ZCAM perchè rimuovessero questo tipo di registrazione, un po' come successo anche con blackmagic.
ZCAM ha quindi cambiato il formato del suo RAW da un raw puro ad un raw debayerizzato compresso in h265. Purtuttavia, anche questo tipo di raw non è supportato da DaVinci.
Ora questo sviluppatore Ha fatto un reverse engineering sui due tipi di RAW, ed ha creato all'inizio un workaround per gestirli in Davinci (o ogni altro sw) ovvero ha scritto un convertitore del primo tipo di RAW in CDNG, mentre il secondo tipo di raw viene estratto come un normale file h265 (perdendo però alcuni metadati).

Ora, i firmware modificati messi a punto da questo signore non fanno altro che aggiungere all'ultima versione del firmware una voce nel menù dei codec che permette di registrare con il vecchio tipo di RAW.

In questo modo, è possibile poi convertire il tutto in cdng e poi lavorare in davinci in VERO RAW senza problemi, anche se per ora la cosa è un po' macchinosa.
La qualità di questi file è altissima, e la lavorabilità è simile a quella delle RED o delle ARRI.
Il tizio si chiama Rustam Zaripov e si trova il suo gruppo su facebook.
da willyfan
#1326846
News interessante per il brand: alcune Zcam M4 e soprattutto alcune zcam F6 sono state usate intensivamente, nel caso della F6 anche come main camera, sul set di "Mission Impossible" (girato tra l'altro in parte a Roma), accanto a macchine IMAX.
Per la precisione, 15 Z CAM F6, 4 Z CAM E2, 2 Z CAM F6 Taiji and 2 Z CAM F6 Lightweight (queste ultime delle versioni disponibili solo per il noleggio). La Z CAM F6 Taiji è una idea particolarmente interessante: una macchina piccolissima, divisa in due parti, una solo con il sensore e l'attacco per la lente e il corpo separato collegati da un sottile cavo da un metro.
In attesa di vedere il film che uscirà a luglio 2023, questo è un articolo che ne parla:

https://ymcinema.com/2022/08/08/z-cam-e ... ossible-7/

e il trailer:

da CatoCato
#1326848
willyfan ha scritto: ven, 12 ago 2022 - 10:51 News interessante per il brand......
Grazie per la segnalazione.
Sarebbe interessante anche sapere quali ottiche sono state usate sulle Z-Cam, se è vero che la qualità delle riprese dipende per la gran parte dell'ottica piuttosto che dalla camera.
  • 1
  • 28
  • 29
  • 30
  • 31
  • 32

Funziona! Grazie mille. :wink:

Ti confermo che c'è, almeno con la versione[…]

Salve, vorrei mettere mano alla configurazione del[…]

Infatti, io ho acquistato l'abbonamento una tantum[…]