Benvenuto su VideoMakers.net
Iscriviti per condividere la tua passione sul principale sito web italiano dedicato al VideoMaking!

Gli eventuali inserti pubblicitari all'interno delle discussioni sono visibili solo se non hai eseguito l'accesso al forum; ricordati di eseguire l'accesso o, se non sei ancora registrato, fallo QUI

Clicca qui per leggere le regole del forum
Discussioni sui Cinecorder e sulle macchine fotografiche Dslr, SLT & Mirroless in ambito video.

Moderatore: Moderatori

#1320637
Koroshiya ha scritto: ven, 27 nov 2020 - 18:57 Non ho capito il nesso con la Bolex e gli anni '70.
Il nesso è nel contrasto generazionale: il figlio che fa le marchette per Canon, parlando di ISO e spazi colore come un bamboccione parla dei canoli alla crema, da una parte; e dall'altra il padre che filma di nascosto, dal tetto di un convento, con una 16mm avvolta nell'asciugamano per non far rumore, due giornalisti condannati a trent'anni perché militavano con Guevara sulla Sierra boliviana. Tutto un altro mondo.
#1320642
E quindi? Onestamente non capisco nemmeno io il nesso. Qui stiamo parlando di strumenti. Negli anni '70 c'era la bolex, oggi la c300, non entro nel merito dei contenuti di un documentario piuttosto che un altro.
Se poi vuole velatamente essere la solita tiritera "l'importante sono i contenuti, poi va bene anche il telefonino", ok, ma è un altro argomento, che peraltro non condivido.

nine dots film

#1320681
Ai tempi delle Bolex si parlava di latitudine di posa, curve esposimetriche, tiraggio della pellicola in sviluppo, stabilità del trascinamento ecc. La tecnica da sola è fine a se stessa, ma per comunicare un messaggio servono la tecnica e la tecnologia, qualsiasi sia il mezzo di espressione scelto. Il messaggio o il racconto, senza il supporto della tecnica, non arriva a nessuno o non viene compreso appieno, le idee restano valide solo sulla carta. Alcune cose sono cambiate, ma l'approccio alla fotografia sostanzialmente è lo stesso. Secondo quel tipo di ragionamento ci dovremmo chiedere perchè la maggior parte dei documentari li giravano in 16mm, piuttosto che in super8, e qualcuno anche invidiando il 35mm. Anche secondo me è una polemica sterile.
#1320687
Questa volta sono io che non capisco, forse mi sono spiegato male. Marcavo una evidente, forte differenza di personalità, non per dire che una volta la tecnica non fosse importante (che c'entra?); lo era, anche se come hai fatto giustamente notare, condizionata da altri fattori, chimici e meccanici. Ma per contrapporre due mondi, e per dire, sottintendere: «Guarda come siamo finiti (male) » É il mio punto di vista. Take it, or leave it.

Post scriptum.
Il Super 8 faceva schifo per colpa della cassetta e della perforazione che portava via troppo spazio ad un fotogramma già esiguo; che non bastava nemmeno con il Kokachrome 25.
#1321114
Koroshiya ha scritto: mar, 01 dic 2020 - 21:40 Alcune cose sono cambiate, ma l'approccio alla fotografia sostanzialmente è lo stesso.
Eh no, se qualcosa è cambiato, è proprio l'approccio alla fotografia. Nessuno vuole più fare seriamente il gaffer, e la robaccia che gira, al di là del mezzo di ripresa usato, è lì a testimoniarlo.
  • 1
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8

...... Molto interessante: complimenti! Sarebb[…]

Salve oggi finalmente ho capito il problema della […]

Esatto, è quello il punto. Nel 90% dei casi[…]

I mod ti faranno di sistemare il titolo, secondo r[…]