Ξ 26 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

FotoContest VM.net n.30: Il Vincitore

posted by VMStaff

Anche questo 30° Contest con tema “Vintage” si è concluso.
Il vincitore, a cui vanno i complimenti di tutto lo staff e del forum è: Meddy.
Ringraziamo anche tutti gli altri partecipanti e i votanti, che hanno contribuito a rendere interessante e vivo questo nostro piccolo, ma grande contest; adesso ampio spazio alle parole dell’autore della foto vincitrice.

FotoContest VM.net n.30: Il Vincitore
Click per ingrandire

VM: Prima di tutto, i nostri complimenti per la vittoria del nostro 30° contest fotografico. Anche se qualcuno di noi già ti conosce, puoi parlarci un po’ di te per farti conoscere dal resto della community?

Meddy: Avendo già festeggiato il mio sessantunesimo compleanno mi trovo costretto a fare una sintesi abbastanza drastica per non annoiarvi più del dovuto, comunque ci provo.
Restringendo il discorso alla fotografia diciamo che sono nato con una naturale predisposizione nei confronti dell’espressione visiva che, già nella primissima infanzia, mi ha portato a giocare più con le matite e i pennelli che con le macchinine o soldatini. Ho coltivato questa passione prima dipingendo come hobby poi frequentando una scuola di grafica pubblicitaria all’interno della quale ho scoperto la fotografia, ho visto per la prima volta sviluppare un negativo e stampare una foto e ne sono rimasto totalmente rapito. Da lì a diventare un professionista nel settore fotografico il percorso è stato tanto lungo e laborioso quanto obbligato, non avevo scelte dovevo diventare un fotografo.

VM: La tua foto, molto bella peraltro, ha riscosso un grande successo. Come è nata l’idea e la sua realizzazione?

Meddy: L’idea è nata cercando di trovare qualcosa che narrasse il tema proposto più nel suo concetto che nella rappresentazione estetica dei vari soggetti che posso identificarlo. In altre parole, essendo il Vintage l’argomento scelto, ho pensato di risolvere più con un’azione che lo indicasse piuttosto che fotografare al meglio un orologio da taschino o altro. Ciò è stato colto da molti ma non da tutti, ma anche questo fa parte del fascino della fotografia, non sempre si riesce ad esprimere quanto si vorrebbe e quando ciò riesce non è detto che venga universalmente compreso. Sia chi realizza, quanto chi osserva, mette in campo la propria sensibilità, ma l’incontro tra le due azioni non è affatto scontato.

VM: A molti può interessare qualche nozione sulla tecnica riguardo allo scatto: attrezzatura, luci, valori, etc.; ci daresti qualche informazione in merito?

Meddy: Approfitto della domanda e mi prendo un po’ di spazio in più del necessario per fare alcune precisazioni che mi stanno a cuore perché contengono il senso col quale ho partecipato a questo contest.
Non so se vi siate mai chiesti perché difficilmente i professionisti competono in concorsi assieme ai non professionisti (preferisco usare nella contingenza questo termine anziché quello di dilettanti o amatori, che non sono dispregiativi ma rendono meno l’idea). Nel caso in cui l’abbiate fatto oppure meno, vi fornisco la mia versione; almeno per tre "valide" ragioni…
Per pudore: "Che faccio, sono un professionista, competo con chi non lo è? No, non è eticamente corretto."
Per snobismo: " Che faccio, sono un professionista, competo con dei dilettanti (qui il termine ci sta)? Non se ne parla neppure."
Ma la ragione principale probabilmente è la terza, e risiede nel fatto che un professionista nel competere con dei non professionisti ha poco da guadagnare e molto da perdere. Se si piazza tra i primi il commento è scontato: "Bella forza è un professionista.", se diversamente ciò non accade, e qualunque professionista dotato di un minimo di intelligenza lo mette in conto, la figuraccia più che grama è garantita.
Ora, per tornare alla domanda, dopo aver considerato le ragioni di cui sopra e aver deciso che il mio spirito di partecipazione alle iniziative delle comunità che frequento è superiore a ogni remora, ho cercato di produrre qualcosa che fosse nelle possibilità di chiunque produrre, quindi la ripresa è stata eseguita in modo molto semplice.
Il set è il tavolo di cucina, le luci sono quelle ambiente con l’appoggio in controluce di una comunissima abat-jour, cavalletto, la fotocamera è la Nikon D300s e l’obiettivo non particolarmente professionale: il Nikkor 24-85 f2,8-4. La ripresa a 200 iso in RAW l’ho realizzata posizionando l’escursione focale sui 50mm con un diaframma abbastanza aperto per creare una profondità di campo selettiva sui vari piani, un f4,5 per 1/10 di secondo di esposizione. Il bilanciamento del bianco, avendo fonti luminose diverse tra loro, l’ho lasciato in automatico demandando alla post-produzione il perfezionamento del medesimo, visto che non avevo ancora deciso se poi avrei trattato il colore o tradotto in monocromia.

VM: E sulla post-produzione, ci puoi illustrare i passaggi per arrivare al risultato finale?

Meddy: Difficile darvi una risposta soddisfacente perché la post-produzione, in Photoshop, è stata realizzata con svariati passaggi, soprattutto perché la prima versione di questa immagine è stata dedicata al trattamento del colore, la traduzione in monocromia è avvenuta alla fine e non per scelta tecnica ma perché essendomi trovato a discutere, all’interno del topic, di presentazione e regolamentazione del contest, su mie personali valutazioni sulle possibili elaborazioni del medesimo concesse dal digitale (tema che mi piacerebbe approfondire in altra sede), mi ci sono sentito costretto per non dar adito ad imbarazzi di sorta. Comunque, e sintetizzando, diciamo che la maggior parte del lavoro svolto è stata dedicata all’ottimizzazione dei toni e dei contrasti, all’apertura o chiusura di alcune luci e ombre, nonché all’esaltazione di alcuni livelli di nitidezza e all’ammorbidimento di altri. Non è che non voglia dirvi altro ma non saprei come farlo se non realizzando un tutorial specifico.

VM: Oltre alla fotografia, hai qualche altro interesse? Magari anche verso il video e a tutto ciò che è ad esso legato e che, presumibilmente, ti ha portato ad entrare nella community di VideoMakers.net.

Meddy: Certo, come ho scritto presentandomi a suo tempo nella sezione fotografica, sono approdato su VideoMakers.net proprio per interessi in ambito video, settore nel quale, pur avendo realizzato qualche elementare lavoro, non mi considero affatto un professionista ma un dilettante. Ampliando sono comunque interessato a tutto ciò che riguarda l’immagine e l’espressione visiva in generale, dal graffito del preistorico all’ologramma.

VM: Credi che lo studio dell’immagine, a livello fotografico, possa accrescere e migliorare le tecniche di ripresa video?

Meddy: Lo considero fondamentale, ad esempio, penso che il senso dell’inquadratura acquisibile con la fotografia sia difficilmente superabile da qualunque altro mezzo, ma non solo, gli equilibri compositivi, l’utilizzo delle luci, lo studio delle profondità di campo, e mille altre cose, fondamentali nella realizzazione di una buona immagine fotografica, sono tanto esportabili quanto utili nel video.

VM: Ti ispiri e/o ti sei ispirato a qualche artista o fotografo in particolare?

Meddy: Tanti, troppi per nominarli tutti. Dai ritrattisti ai paesaggisti, ai foto-reporter, ma se proprio devo indicare un ispiratore faccio il nome di un personaggio che non è stato un fotografo ma un grande pittore, Michelangelo Merisi detto il Caravaggio. Non sono neppure particolarmente originale in questa affermazione, il Caravaggio è stato l’ispiratore di generazioni di fotografi, se fotografare significa scrivere con la luce penso che lui sia stato lo scopritore non solo dei caratteri fondamentali che danno luogo a questa scrittura ma di tutto l’alfabeto che la compone.

VM: Tornando al contest “Vintage”, hai avuto difficoltà ad interpretarlo?

Meddy: Non più di quante difficoltà si incontrano tutte le volte che si deve tradurre in immagine un qualunque tema. Passare dall’elaborazione mentale ad un’espressione visiva richiede sempre un certo sforzo se si affronta la cosa seriamente.

VM: C’è un tema col quale ti piacerebbe confrontarti nei prossimi contest?

Meddy: Con nessuno in particolare, anche perché qui annuncio che non parteciperò ad altri contest. L’ho fatto una volta eludendo le contraddizioni postemi dalle ragioni prima elencate, seppur superate dal mio senso di partecipazione, e ho pure vinto, preferisco ritirarmi in bellezza, appendendo le scarpe al chiodo finché sono in tempo e lascio il posto ai giovani. Ironia a parte, credo, se mi sarà concesso farlo, che io possa essere più utile a dare il mio apporto in merito ad eventuali suggerimenti nei confronti dei medesimi piuttosto che parteciparvi.

VM: Hai mai partecipato a concorsi fotografici?

Meddy: No, a concorsi mai. Ho partecipato a mostre collettive ed eventi fotografici in genere, ma ho sempre eluso i concorsi, se devo essere sincero non c’è una vera ragione perché ciò sia avvenuto, probabilmente ne esistono varie che non ho mai sondato con particolare attenzione, un giorno o l’altro dovrò mettermi ad analizzarle se non altro per conoscermi meglio.

VM: Ti è piaciuto partecipare a questo? Come lo hai vissuto?

Meddy: Come l’ho vissuto l’ho già espresso, con contraddizione ma anche con soddisfazione. Sia nella fotografia, che in molte altre situazioni, ritengo che poter dare con la propria esperienza un qualunque segnale positivo a coloro che di esperienza ne hanno ancora poca sia importante, partecipare ad un evento, ad una qualunque iniziativa, promossa da una comunità alla quale aderisci penso possa essere uno di questi segnali.

VM: C’è qualcosa nella formula che cambieresti per i prossimi?

Meddy: Beh, credo si possa sempre migliorare. A mio giudizio ritengo che sarebbe utile dibatterne apertamente per trovare insieme le giuste soluzioni volte ad ogni tipo di perfezionamento.

VM: Come ti trovi nella Community di VideoMakers.net?

Meddy: Come detto, vi sono entrato per interessi video ma, a parte qualche sporadica lettura nelle altre sezioni, quella che ora seguo con maggior interesse è la sezione fotografica e mi ci trovo a mio agio, la desidererei un po’ più attiva di quanto non sia ora, ma tutto è possibile nella vita.

VM: Hai suggerimenti, idee o argomenti che vorresti vedere trattati su VideoMakers.net?

Meddy: Sinceramente trovo che ce ne siano più che a sufficienza per soddisfare la maggior parte degli interessi o anche solo delle curiosità. Questo denota un impegno da parte dei gestori e di tutti i collaboratori che non va solo apprezzato ma anche sottolineato. Certo che così come non c’è limite al peggio non c’è neppure al meglio, per cui, se possibile, ben venga qualunque idea o suggerimento che apporti nuovi interessi. Per quanto mi riguarda cerco di portare, all’interno della sezione che più frequento, tematiche inerenti alla fotografia intesa come mezzo espressivo piuttosto che altro, anche se l’altro non va assolutamente ignorato. A volte mi riesce altre meno, ma fa parte del gioco.

VM: Grazie per aver partecipato al nostro contest fotografico ed alla nostra intervista.

Meddy: E’ stato un piacere, grazie a voi.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe Premiere Pro CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialepremiereprocc per applicare lo sconto del 50% sul prezzo del corso.