Ξ 700 visualizzazioni Ξ 1 commento

VideoMakers.net incontra Ilaria Chiesa, RECTV

posted by VMStaff

VideoMakers.net incontra Ilaria Chiesa, CEO di RECTV, per conoscerla  meglio e saperne di più sul suo lavoro e sulle attività di RECTV.

VideoMakers.net: Chi è Ilaria Chiesa? Parlaci un po’ di te.

Ilaria Chiesa: Sono nata a Moncalieri, il 22 luglio del 1987.
La passione per il video l’ho ereditata da mio nonno, che quando ero piccola durante le vacanze non perdeva occasione per riprendere la famiglia, e per riguardare tutti insieme sul divano i suoi filmini. Io puntualmente ero la sua assistente.

RECTV

VM.net: Che tipo di studi hai fatto?

I.C.: Alle superiori ho studiato informatica, ma mi ha sempre appassionato il mondo dell’arte, del cinema e dello spettacolo. Così quando ho deciso di iscrivermi all’università ho scelto il Multidams a Torino: studiavo l’arte ma la mettevo anche in pratica.
Il terzo anno di università avevo finito gli esami e mi mancava solo più la tesi, così ne ho approfittato e mi sono iscritta ad un master in Video, effetti & Compositing. A fine anno dovevo prepare una tesi per entrambi corsi, così ho pensato di unire le cose e ho fatto una testi unica sul Webcinema: a livello teorico ho studiato alcune sperimentazioni di video su web, a livello pratico ho realizzato un cortometraggio e l’ho reso accessibile alle persone affette da disabilità visibilità visive e uditive. Ora sono iscritta alla magistrale in Cinema e nuovi media, mi mancano 5 esami per conseguire la specializzazione.

VM.net: Come è nata RECTV? E cosa si intende per “la casa di produzione che si autoproduce”?

I.C.: RECTV ha una storia un pò particolare. Parallelamente agli studi lavoravo a partita iva in una casa editrice, gestivo il reparto multimediale. Non vedevo però possibilità di crescita, così dopo 3 anni ho scelto di lasciare quel lavoro.
Poi una sera ho partecipato per pura curiosità ad un evento organizzato dall’incubatore del Politecnico di Torino, ho visto una serie di startup presentare in un minuto la loro idea. Mi sono entusiasmata e mi è venuta voglia di farne una tutta mia. Così ho presentato loro RECTV, che inizialmente doveva essere un portale di download di videopitch. L’idea è piaciuta e lo scorso aprile sono entrata ufficialmente in Treatabit, il programma di supporto per progetti digitali dell’ i3p, l’incubatore del Politecnico di Torino.
Da li in avanti ho visto il mio progetto evolversi giorno dopo giorno. Lavorando in coworking, a contatto con altre startup, mi sono resa conto di quali fossero le loro esigenze: più che una webtv che desse spazio ai loro videopitch avevano bisogno di qualcuno che glieli facesse in maniera adeguata. Così ho scelto la via della produzione, e a gennaio ho costituito la mia startup.
E’ una casa di produzione un po’ speciale, ci auto costruiamo le attrezzature, le rendiamo intelligenti grazie ad arduino e le comandiamo tramite un’applicazione per smartphone e tablet.
Questo ci permette di risparmiare sull’acquisto di attrezzature e di conseguenza di poter essere competitivi sul mercato a livello di prezzi.

RECTV

VM.net: Qual è la Mission di RECTV?

I.C.: La mission di RECTV è duplice. Da un lato fornire un servizio di produzione video a budget ridotto, ottimizzato per startup, progetti e idee di impresa, quindi realtà che non hanno ancora  risorse per potersi affidare a case di produzione più costose. Dall’altro portare avanti il nostro brand di “casa di produzione che si autoproduce”, arrivando a mettere in commercio le nostre attrezzature.

VM.net: Quali sono le attrezzature autoprodotte ed intelligenti di cui siete più fieri?

I.C.: Al momento il primo prototipo in fase di lavorazione è un carrellino, ci stiamo lavorando da più 3 mesi e ne andiamo molto fieri. Il prototipo funzionale è praticamente pronto e stiamo cominciando a testarlo nelle nostre produzioni. Ma stiamo già pensando a quello industriale, che oltre ad essere funzionale deve anche avere il giusto design per essere messo in commercio.
La nostra fortuna è che siamo noi stessi i nostri potenziali clienti.

VM.net: Quali e quanti sono le realtà giovani e start-up che già avete aiutato a far “decollare”?

I.C.: Aiutato a “decollare” è una parola grossa, per questo ci sono gli incubatori e gli acceleratori che sono molto più bravi di noi 🙂 Scherzi a parte, abbiamo realizzato videopitch e spot per diverse startup, tra cui Cardipad Pro, Jojob, Wiicom, Smartpach, stiamo lavorando al ciclo di video interviste di Jaigurudeva – il network dei creativi, e abbiamo fatto da service video per numerosi eventi. La cosa di cui andiamo fieri è che sono rimasti tutti contenti e dopo il primo video ci hanno richiamato per le produzioni successive. Siamo quindi riusciti nella difficile impresa di fidelizzare il cliente.

RECTV

VM: Sei una “one-woman band” o ti fai aiutare da collaboratori?

I.C.: Ho cominciato da sola, facevo un po’ tutto a parte le riprese e il montaggio, di cui si occupava quasi esclusivamente Bruno, ma mi sono resa conto ben presto che da soli non si va da nessuna parte, così ho cercato rinforzi! Ora Sabrina si occupa della parte di scrittura e storytelling, Andrea della parte di grafica e comunicazione, Carlotta di gestire i social, Valerio si di tutta la parte di costruzione delle attrezzature e di programmazione, mentre Alessandro, Bruno, Ricky ed Emanuele sono i nostri videomaker.

VM.net: Perché fare startup a Torino? Perché è in Piano e…;-D?

I.C.: Ci sono un sacco di motivi! Perché Torino è una città da sempre molto impegnata nel campo del cinema e della produzione cinematografica. Perché l’incubatore che supporta la mia startup è il migliore in Italia, e per farlo non chiede in cambio quote della mia azienda ma semplicemente una piccola somma in denaro per l’affitto degli spazi di coworking. Perché Torino è la città in cui sono nata e cresciuta, in cui ho studiato e in cui ho iniziato il mio percorso professionale. Insomma la vedo dura iniziare da zero in un’altra città.
E poi perché devo correre dietro a chi scappa in bici con il mio microfono… quello non ce lo siamo costruiti da soli!!

RECTV

RECTV

VM.net: Dal vostro portale è possibile scegliere: prenota il tuo video. Come funziona e di cosa si tratta?

I.C.: Abbiamo scelto di costruire il nostro sito come un piccolo e-commerce: dalla sezione “prenota il tuo video” il cliente può scegliere la tipologia di video più adatto a lui e fare un pre-ordine.
I video hanno un prezzo fisso, ma l’ordine ci arriva per email e a questo punto noi contattiamo il cliente: fare un video non è facile come vendere una maglietta, non abbiamo prodotti in magazzino pronti per essere spediti. Dobbiamo capire insieme al cliente quali sono le sue aspettative (perché magari è attirato dai nostri prezzi competitivi ma noi non possiamo soddisfare le sue esigenze) e quindi se possiamo veramente essergli utili oppure no. Quando ci siamo accordati con il cliente il pre-ordine viene trasformato in ordine, con tanto di proposta scritta, preventivo da accettare ed eventuale acconto, oppure viene annullato.

VM.net: Finora qual è il progetto che ti ha entusiasmato di più, che ti ha dato maggiori soddisfazioni personali e professionali?

I.C.: Sicuramente il progetto di set intelligente: mette insieme il mondo della produzione video, della programmazione e dei makers. Roba da autostima!

VM.net: Conoscevi già VideoMakers.net?

I.C.: Si, vi seguo da alcuni mesi, sono iscritta alla vostra newsletter e le discussioni che ho trovato sul vostro portale ci sono state utili per risolvere alcuni dubbi sulla tipologia di attrezzature da iniziare a costruire. Sono molto contenta della possibilità che ci avete dato di fare una partnership con voi!

VM.net: Cosa ne pensi delle community su Internet?

I.C.: Credo che se “sfruttate” nel modo giusto siano un grande valore aggiunto, sia per i singoli videomaker che possono confrontarsi tra di loro, che per realtà come noi che hanno sempre bisogno di un feedback da parte di potenziali clienti.

VM: Cosa puoi consigliare ad un giovane che si avvicina o si appassiona al video ed al cinema e soprattutto al mondo dell’impresa?

I.C.: Io credo che per lavorare nel campo del video e del cinema si debba essere veramente appassionati. Ed essere appassionati del proprio lavoro è una gran bella fortuna, permette di lavorare senza stancarsi più di tanto. Fare impresa si può ma è senza dubbio faticoso: serve l’idea giusta, l’intelligenza per permettergli di evolversi ed eventualmente di cambiarla strada facendo, ma soprattutto tanta forza di volonta per trasformarla in un’attività. Il consiglio che mi sento di dare è di non cadere nel “troppo”: un’idea troppo innovativa rischia di “passare di moda” troppo in fretta. RECTV ad esempio è una startup innovativa grazie al fatto che le nostre attrezzature, essendo intelligenti, potrebbero essere paragonate a dei piccoli robot. Ma ha alla base un servizio tradizionale, la produzione video, per cui ci sarà sempre spazio.
Innovare la tradizione: questo secondo me è il valore aggiunto che permette ad un’azienda di avere solide basi e ma essere allo stesso tempo aperta al futuro.

Il portale www.videomakers.net non è responsabile delle dichiarazioni, delle informazioni e dei dati riportati nelle interviste, schede di approfondimento pubblicate sul sito. La responsabilità è riconducibile unicamente ai soggetti intervistati in queste pagine.
Il portale non effettua un controllo sulla veridicità dei dati e delle informazioni riportate e declina ogni responsabilità a riguardo. www.videomakers.net  cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione in rete di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi; la responsabilità di esse resta comunque pienamente a carico degli autori degli specifici contributi eventualmente individuati. Nessuna responsabilità può essere attribuita a www.videomakers.net in caso di diffusione di materiali, dati, informazioni, dichiarazioni, omissioni considerate erronee o in qualche modo implicate in illeciti di varia natura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.