Ξ 480 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

VideoMakers.net incontra Massimo Cerbera

posted by VMStaff

VideoMakers.net incontra Massimo Cerbera per conoscerlo meglio e saperne di più sul suo ultimo lavoro “True Love“.

VideoMakers.net: Ci parli di te e della tua “casa” di produzione?

Massimo Cerbera: Che dire, ad onor del vero, io nasco “artisticamente” come direttore della fotografia, ma ho sempre potuto contare su una buona dose di creatività, che mi ha permesso di scrivere sopratutto, e confezionare i miei lavori. Diciamo che fino ad ora ho spaziato abbastanza nel mondo dell’audiovisivo, reinventandomi e ritagliandomi ruoli anche a seconda delle opportunità del momento.
Da qualche anno la Puglia è fortunatamente diventata la nuova cinecittà, grazie anche ad una politica regionale ed a una Film Commission che ha voluto puntare concretamente ed attivamente su questo territorio, che ragionevolmente poi si presta ed offre molte molte risorse, in termini di location soprattutto, poi di luce, di atmosfere suggestive e anche di buone professionalità. Questo indubbiamente è un vantaggio per chi come me ha il “cinema” nel sangue e vive in questa regione, ed è stato non da meno l’incentivo che ci ha portato a produrre e co-produrre audiovisivi.
Illusia Film è molto giovane, sono circa due anni che è nata, ma abbiamo all’attivo la realizzazione di alcuni spot TV, un TV format, che stiamo cercando di vendere e veicolare negli States ed un lungometraggio web-style, “La matricola”, scritto ed interpretato dai famosi youtubers pugliesi i Nirkiop, che attualmente vengono “passati” su Rai 1 con piccole strisce la domenica mattina, nella trasmissione condotta da Tiberio Timperi “Uno mattina in famiglia”.

Massimo Cerbera - "True Love"

VM.net: Nella realizzazione di lavori a budget limitato cosa ritieni sia la carta vincente per a buona riuscita di un film e, nello specifico dell’ultimo lavoro “True love”, cosa è stato determinante per la buona riuscita del progetto?

M.C.: A tal proposito, credo essere senza dubbio la perfetta organizzazione una delle carte vincenti, e poi sicuramente una buona opera di sensibilizzazione. Mi spiego meglio, pianificare nei dettagli e con la giusta dose di conoscenza del lavoro, permette a mio parere di avere un buon controllo sul budget, evitare quindi di sprecare risorse in situazioni impreviste. La sensibilizzazione, invece poi permette di usufruire di una serie di servizi, quali ad esempio, location, trasporti, piuttosto che catering a costo praticamente zero. C’è da dire anche che in alcuni casi si può rifare ad una sorta di product-placement per ottimizzare l’economia della produzione in atto. Bisogna investire invece dove serve realmente, dove il compromesso potrebbe essere un valore di perdita per il film. Mi riferisco alle attrezzature, almeno le principali, devono essere qualitative, idem per le professionalità a cui ci si affida; esempio l’audio, un buon fonico con una buona attrezzatura ha inevitabilmente dei costi che vanno pianificati e sostenuti senza rinunce.
“True Love” nasce realmente dalle idee condivise in un progetto scolastico sul cinema tenuto ad allievi presso un istituto professionale. Abbiamo analizzato con una sorta di “brain-storming” quali fossero le esigenze, i disagi o gli argomenti che potevano risultare interessanti alla loro età. Naturalmente l’argomento è subito diciamo scivolato sui sentimenti, quale l’amicizia e l’amore, ma ancora più interessante è stato analizzare le “veloci dinamiche” di queste relazioni, al loro modo di essere vissute attraverso l’uso dei moderni mezzi di comunicazione, “social oriented”. Da questa idea, abbiamo rapidamente sviluppato una sceneggiatura ad hoc, e pianificato un piccolo budget da investire grazie anche a piccoli sponsor. Credo che in questo caso, la semplicità in se dell’idea è da ritenersi fattore determinante di riuscita; concretizzare una “visione” e renderla film, per poi veicolarla attraverso festival, sfruttando tutta la contestualità e l’attualità dell’idea. Abbiamo proceduto ad una piccola campagna di sensibilizzazione attorno all’argomento, e abbiamo usufruito di una buona serie di servizi resi disponibili da aziende e singoli per il nostro corto.

Massimo Cerbera - "True Love"

Massimo Cerbera - "True Love"

VM.net: Ci dai qualche dettaglio “tecnico” sulla realizzazione dell’ultimo lavoro in particolare della BlackMagic Design Production Camera 4K?

M.C.: Avevamo da poco acquistato ed investito sulla nuova Blackmagic Design 4K Production Camera, avevo già avuto modo di apprezzare la Cinema Camera, e mi era sembrata abbastanza promettente. Io provengo dalla “fotografia”, e per me la qualità dell’immagine è fondamentale, la resa dinamica dei colori, piuttosto che il controllo sono essenziali. L’unica limitazione in questo caso specifico purtroppo è stato non potere usufruire del DNG 4K, in quanto il firmware al momento del rilascio della camera, non supportava il 4K. Abbiamo abbinato poi il piccolo parco ottiche di cui disponevamo, un kit Samyang Cine, 14, 24, 35 e 85, più un 50mm Zeiss, e dopo qualche veloce test per “prenderne le misure”, siamo partiti, utilizzandola con una certa soddisfazione fin da subito. Fortunatamente poi, disponiamo di un po’ di attrezzature proprietarie, luci, carrello, un piccolo crane, eredità di venti anni di personale attività, che abbiamo impiegato all’occorrenza. In “True Love” ho privilegiato una fotografia diciamo classica, utilizzando luce calda fornita da fresnel, tranne in un paio di scene dove sono stati impiegati come luce chiave dei Kino a 5600K.

VM.net: Questo film è stato girato in ProRes 1080p24 e utilizzato Blackmagic DaVinci Resolve 11 per la correzione colore; ci racconti qualcosa di più?

M.C.: La scelta del Full HD è stata dettata come detto in precedenza, imposta, per la mancanza dell’opzione 4k al momento dell’utilizzo della camera; ma già il fatto di poter utilizzare un ProRes, piuttosto che un più compresso H264 è stato un grosso vantaggio in termini di gestione dell’immagine e qualità complessiva. La BMPC a differenza della sorella Cinema Camera, ha un sensore differente in dimensioni, parliamo di un super 35mm ma che dispone di contro di una dinamica più limitata. Personalmente ho sofferto un po’ con questa dinamica in alcune situazioni diurne, in cui i contrasti erano poco gestibili con l’attrezzatura a nostra disposizione. Se avessimo potuto sfruttare la funzionalità DNG, probabilmente in post con Resolve avremmo recuperato qualcosina in più sulle luci alte, comunque alla fine il lavoro è complessivamente soddisfacente, considerato anche e soprattutto, il rapporto qualità prezzo del prodotto. In Resolve la color non è stata particolarmente complicata, anzi, la camera ha una buona resa soprattutto dei toni della pelle. Come tocco finale inoltre, abbiamo ulteriormente “gradato” con Film Convert, per rendere ancora di più l’effetto “filmico”.

Massimo Cerbera - "True Love"

Massimo Cerbera - "True Love"

VM.net: Nella realizzazione dei lavori low budget il coinvolgimento degli amici per la realizzazione è un fattore determinante. Ci parli della tua esperienza in merito?

M.C.: Sicuramente per l’abbattimento dei costi, quella “campagna di sensibilizzazione” a cui facevo riferimento in precedenza è fattore determinante; abbiamo proceduto proprio in questa direzione per realizzare “True Love”, sia con la fruizione di servizi offerti, ma anche nella composizione di parte del crew e del cast a low budget.  La scelta di attori non professionisti è da valutare come una buona opportunità, ma bisogna prestare anche molta, molta attenzione. L’assenza di un vero e proprio “compenso”, può essere interpretato da alcuni come un impegno informale o marginale sul set, e questo assolutamente deve essere evitato e soprattutto chiarito al momento dell’ingaggio.
Il set è una macchina complessa, tutto si muove all’unisono, se qualcosa o qualcuno non “funziona”, tutto si ripercuote sulla lavorazione generale, quindi sul budget. Meglio, dove possibile affidarsi a collaboratori che abbiano la giusta esperienza ed affidabilità, soprattutto per i ruoli tecnici. Un buon cameraman, un fonico piuttosto che una segretaria di edizione o un direttore di produzione, sono sempre un buon investimento. Per questo corto fortunatamente siamo riusciti a coinvolgere più di qualche amico d’esperienza, come il fonico, cameraman e l’intero gruppo di produzione.

VM.net: Quali sono stati i principali intenti e ispirazioni che ti hanno influenzato e che ti ispirano in genere nel tuo modo di realizzare determinati lavori?

M.C.: Qui c’è da fare una distinzione, “True Love” diciamo, che non rientra a pieno nel genere di prodotti che sento più “miei”, e che poi vorrei in realtà di fatto realizzare, parlo in termini di scrittura. L’ispirazione per “True Love”, come detto è stata la conseguenza maturata nell’attività di insegnante; il contatto con ragazzi di 4 e 5 anno di scuola superiore stimola tantissimo, in più io mi reputo un buon osservatore del “sociale” e dei suoi mutabili fenomeni.
Per il resto la mia scrittura è più genere sci-fi, surreale, ma attenzione, non astronavi, guerre spaziali, effetti speciali ostentati o roba simile, piuttosto un decontestualizzare il presente per “raccontare” il presente stesso, cercandone una visione in chiave personale e soprattutto originale.

VM.net: Il budget per realizzare il tuo ultimo lavoro “True Love”? Quanto è costata la sua realizzazione?
E quanto è costato in termini di tempo, dandoci un riferimento per la preproduzione, la produzione e la postproduzione.

M.C.: “True Love” è costato in tutto meno di cinquemila euro, e fortunatamente siamo rientrati a pieno nel budget. Le spese maggiori sono state impiegate per la logistica, per l’attrezzatura audio, le musiche, l’editing e finalizzazione. In termini di tempo, complessivamente è costato circa 6 mesi di lavoro. Tra pre-produzione, location management, pianificazione, circa un paio di mesi; shooting, un mese abbondante, il resto del tempo per musiche, editing, grading e post complessiva.
C’è da precisare inoltre che, essendo alcuni attori non professionisti, abbiamo dovuto in qualche modo “incastrarci” per poter girare il più delle volte, questo ha diluito i tempi complessivi di ripresa.

Massimo Cerbera - "True Love"

Massimo Cerbera - "True Love"

Massimo Cerbera - "True Love"

Massimo Cerbera - "True Love"

Massimo Cerbera - "True Love"

VM.net: Sei già al lavoro su nuovi progetti? Di cosa si tratta?

M.C.: Certamente, abbiamo in cantiere alcuni progetti, uno parte quasi subito, si tratta del pilota di una serie web, che racconta le disavventure e la quotidianità di una tipica famiglia italiana, alle prese con piccoli e grandi problemi, che cercheranno di risolvere a loro discapito con un aiuto che verrà dato loro addirittura dal futuro, grazie alla genialità del giovane figlio Dario. Il soggetto non è originalissimo, abbiamo tratto ispirazione da un vecchia serie animata, rispolverata, ri-confezionata e modernizzata, ma contiamo che avendola “italianizzata” e contestualizzandola al punto giusto, con bravi attori dalla giusta vena comica, possa avere un buon rientro di visibilità e successo.

VM.net: Ci puoi dare qualche indiscrezione riguardo i tuoi prossimi impegni?

M.C.: In tarda primavera dovremmo girare un corto sci-fi, soggetto molto attuale in merito alla diversità, religione e pregiudizio; in più stiamo lavorando, ormai da qualche tempo ad un lungometraggio, che definisco molto “pugliese”, dalle storie che lo comporranno, al cast, produzione, regia tutto rigorosamente made in Puglia. La finalità è recuperare parte della memoria storica ormai quasi persa di questa regione, raccontando in chiave leggera, divertente, ironica, un po’ rifacendoci alla scrittura dei fratelli Coen, riproponendo parallelamente quattro situazioni classiche della vita, dirette ognuna da un diverso regista. Progetto alquanto impegnativo.

Il portale www.videomakers.net non è responsabile delle dichiarazioni, delle informazioni e dei dati riportati nelle interviste, schede di approfondimento pubblicate sul sito. La responsabilità è riconducibile unicamente ai soggetti intervistati in queste pagine.
Il portale non effettua un controllo sulla veridicità dei dati e delle informazioni riportate e declina ogni responsabilità a riguardo. www.videomakers.net  cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione in rete di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi; la responsabilità di esse resta comunque pienamente a carico degli autori degli specifici contributi eventualmente individuati. Nessuna responsabilità può essere attribuita a www.videomakers.net in caso di diffusione di materiali, dati, informazioni, dichiarazioni, omissioni considerate erronee o in qualche modo implicate in illeciti di varia natura.

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe Premiere Pro CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialepremiereprocc per applicare lo sconto del 50% sul prezzo del corso.