Telecamere

Ξ 208 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

DJI OM4

posted by Yarin VooDoo
4
4
  • UsabilitĂ  4
  • Caratteristiche 4
  • Bundle 4
  • Innovazione 4
  • Rapporto QualitĂ /Prezzo 4

Caratteristiche

Passiamo in rassegna le specifiche tecniche del DJI OM4 per poi effettuare le opportune valutazioni anche in relazione con il modello precedente:

  • Dimensioni:
    • Aperto: 276×119,6×103,6mm
    • Chiuso: 163×99,5×46,5mm
  • Peso: 390g (solo gimbal)
  • Batteria: Tipo 18650 Li-Ion con capacitĂ  di 2450mAh
  • Temperatura di carica: da 5 a 40°C
  • Temperatura di funzionamento: da 0 a 40°C
  • Tempo di ricarica: 2,5 ore (con caricatore da 10W)
  • Tempo di funzionamento: 15 ore (in condizioni ideali con gimbal completamente bilanciato)
  • Gimbal:
    • Consumo: 1,2W con corretto bilanciamento del dispositivo
    • Rotazione orizzontale (Pan): da -161,2° a 171,95°
    • Rollio (Roll): da -136,7° a 198°
    • Inclinazione (Tilt): da -106,54° a 235,5°
    • VelocitĂ  massima controllabile: 120°/s
    • Peso telefono compatibile: 230 ± 60 g
    • Spessore telefono compatibile: 6,9 – 10 mm
    • Larghezza telefono compatibile: 67 – 84 mm
  • Connessione Wireless: Bluetooth 5.0 a bassa energia

Leggendo i “dati di targa” notiamo che l’autonomia del gimbal è del tutto paragonabile a quella di OSMO Mobile 3, anche tipo e capacità della batteria sono gli stessi, come i consumi elettrici, ma non possiamo non segnalare che il nuovo DJI OM4 adesso è dotato di motori più potenti in grado di supportare smartphone più grandi e pesanti: laddove il modello precedente aveva presentato qualche lieve difficoltà proprio con gli smartphone di dimensioni più importanti, adesso passiamo da 200 ± 30g a 230 ± 60 g di peso massimo compatibile.

Poche le differenze sugli angoli di movimento del gimbal, le differenze rispetto all’OSMO Mobile 3 sono lievi e restano limitazioni simili sia per l’inclinazione in alto e in basso, che per la rotazione.

DJI aveva già cercato di migliorare l’innesto dello smartphone sul gimbal con il modello precedente, ma stavolta siamo allo stato dell’arte; l’OM4 presenta un aggancio magnetico su cui ancorare il morsetto per lo smartphone, questo consente di rendere ancora più compatto il corpo del gimbal, semplificandone il trasporto da chiuso, migliorando al contempo la fase di bilanciamento dello smartphone.

Infatti nel modello precedente, per quanto la procedura di bilanciamento fosse facile, tuttavia andava ripetuta ogni volta che si inseriva lo smartphone, operazione che poteva diventare decisamente fastidiosa se, per esigenze di ripresa, si doveva continuamente riporre il gimbal nella borsa di trasporto.
Adesso viene fornito un morsetto estendibile che resterà ancorato allo smartphone, qualora si debba riporre l’OM4, sarà sufficiente sganciare il morsetto e, al successivo utilizzo, dovremo semplicemente accostare il morsetto all’aggancio magnetico per fissarlo in modo sicuro e preciso, senza dover necessariamente ripetere l’operazione di bilanciamento: l’unica accortezza sarà quella di far combaciare i due puntini bianchi, uno sul morsetto e uno sulla testa del gimbal, sarà poi la conformazione del magnete e del retro del morsetto a far andare perfettamente in sede il tutto.

DJI OM4

DJI OM4 – Dettaglio Morsetto Smartphone

DJI OM4

DJI OM4 – Dettaglio Del Morsetto installato

Il morsetto (che presenta anche una pregevole incisione laser sul retro metallico) è provvisto di inserti in gomma antiscivolo che aumentano il grip sulla scocca dello smartphone, oltre ad evitare qualsiasi graffio; le due alette del morsetto sono curvate in modo da garantire la presa su bordi particolarmente arrotondati.

Fornito in dotazione anche un piccolo pad, da usare come spessore sul morsetto, qualora si voglia utilizzare smartphone dallo spessore ridotto come iPhone 7/8/SE2 o Samsung S8.

Per coloro che abbiano necessità di usare in modo continuativo l’OM4, DJI ha previsto anche un anello magnetico da fissare in modo permanente al retro dello smartphone (viene fornita un’apposita dima di centratura): l’anello è relativamente compatto, quindi non darà eccessivo fastidio nell’uso quotidiano.
Nel fissaggio dell’anello magnetico occorre prestare attenzione se la scocca del proprio smartphone è realizzata in vetro, in questo caso è necessario utilizzare uno dei pad adesivi 3M forniti in dotazione, pena non riuscire a tenere agganciato l’anello, DJI consiglia anche di attendere 12 ore prime di utilizzare lo smartphone con il gimbal, così da permettere all’adesivo di catalizzare correttamente e garantire la presa.

DJI OM4
DJI OM4 – Dettaglio anello magnetico

Da segnalare la forza dell’aggancio magnetico che si rivela particolarmente robusto, assicurando una presa solida e granitica, senza timori che lo smartphone possa cadere. Proprio in considerazione della forza dell’ancoraggio magnetico, quando si rimuove lo smartphone è opportuno afferrare con una mano l’OM4 tenendo fermo l’aggancio magnetico, mentre con l’altra mano si sgancia lo smartphone inclinandolo leggermente.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Share This Article

Profilo dell'Autore

Progettista di automazioni industriali e anche Sony Certified Vegas Editor dal 2008, Sony Certified Vegas Trainer, Sony ICE dal 2009 oltre che Trainer ufficiale Sony Creative Software per l'Italia.software utilizzati: Sony Vegas Pro, Sony DVD Architect Pro, Sony Acid Pro, Sony Soundforge, Sony Cinescore, Boris Red, After Effects; competenze: Editing Audio, Music Creation, Editing Video, Authoring DVD

User Name: Yarin VooDoo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video