Telecamere

Ξ 518 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

DJI OSMO Action

posted by Yarin VooDoo
4
4
  • UsabilitĂ  4
  • Caratteristiche 4
  • Bundle 4
  • Innovazione 4
  • Rapporto QualitĂ /Prezzo 4

Prova Su Strada

Messa alla prova sul campo, OSMO Action si rivela un’action cam leggera e pratica da usare, il form-factor e le dimensioni non differiscono molto dalla GoPro HERO7 e da altre action similari; il rivestimento gommato nella parte centrale aiuta a maneggiarla, rendendola al contempo resistenze ad urti e graffi.

013 – Foto OSMO Action in mano

L’utilizzo è decisamente intuivo sia utilizzando i tasti fisici che l’interfacci utente tramite il touch-screen; da segnalare il tempo di accensione veramente ridotto: a camera spenta, se premiamo il tasto rec, la camera si accenderà e inizierà a registrare in non più di 4 secondi.
Tale funzionalità, denominata SnapShot, è configurabile da menu affinché avvii la registrazione con le ultime impostazioni oppure con una specifica modalità tra quelli disponibili per la modalità Quick Switch (Video, Foto, Slow Motion, ecc.), ovviamente è possibile anche utilizzare uno dei cinque preset personalizzati.

Il tasto QS consente, oltre alla selezione dei preset, anche di fare lo switch tra i due schermi mentre si sta riprendendo un video, è sufficiente tenerlo premuto per qualche istante, anche se c’è un piccolo inconveniente; infatti, durante il passaggio dallo schermo posteriore a quello frontale, viene interrotta la registrazione, che riprenderà automaticamente dopo lo switch.

Ottima la possibilità di settare il tempo di auto-spegnimento dello schermo, opzione che consente di prolungare la durata della batteria, soprattutto quando non è necessario controllare costantemente l’inquadratura, tuttavia avremmo preferito poter impostare tempi di auto-spegnimento differenti per i due schermi o un’opzione in grado di disattivare la funzione quando è attivo lo schermo frontale: se lo si usa durante la ripresa è evidente che lo si fa per auto-riprendersi, non ha molto senso che si disattivi e non è pratico dover tutte le volte cambiare le impostazioni da menu.

Decisamente comoda la cornice a corredo che la rende immediatamente compatibile con gli accessori GoPro e similari, consentendo di riutilizzare quelli già presenti nel proprio kit o di trovare l’accessorio giusto per riprendere le proprie gesta anche tra quelli prodotti da terze parti.

DJI OSMO Action

DJI OSMO Action

In condizioni di buona luminosità i video sono ben bilanciati, con colori naturali e non eccessivamente saturati, con rumore video praticamente assente e ottima definizione dell’immagine; tuttavia la situazione, come spesso capita per camere di questo tipo e con sensore molto piccolo, diventa più critica in condizioni di scarsa luminosità dove il rumore video diventa decisamente presente; attenzione, quindi, a limitare il valore massimo di ISO.

OSMO Action riconosce automaticamente la rotazione dell’inquadratura, passando alla modalità verticale; da menu è possibile forzare la modalità UP (inquadratura standard) o DOWN (inquadratura ribaltata), così da evitare che l’inquadratura passi autonomamente alla modalità verticale.

L’audio è sufficiente e, come per tutte le action cam, non brilla per qualità e chiarezza; fortunatamente è presente un’opzione per attivare il filtro di riduzione del rumore causato dal vento.

Rispetto a GoPro HERO7, DJI OSMO Action manca di una feature importante per alcuni utenti: il GPS e, quindi, della possibilità di sovraimporre informazioni sul video; purtroppo non è presente un modulo hardware per la gestione della geo-localizzazione e, almeno per il momento, non è possibile sopperire neanche sfruttando l’app DJI Mimo da smartphone.

A proposito di DJI Mimo, in questo caso, al contrario dei primi mesi di utilizzo di OSMO Pocket, l’app non è assolutamente essenziale, la camera può essere usata al 100% delle proprie funzionalità senza dover utilizzare mai lo smartphone, se non per aggiornare il firmware o per una migliore gestione dell’inquadratura in talune situazioni, in cui può tornare decisamente comoda la gestione in remoto tramite WiFi.

L’app è fondamentale alla prima accensione per attivare il prodotto, fase durante la quale ci vengono anche dati pochi ma fondamentali consigli e indicazioni sull’utilizzo.

Vediamo adesso nel dettaglio alcune funzionalitĂ .

Pagine: 1 2 3 4 5 6

Share This Article

Profilo dell'Autore

Progettista di automazioni industriali e anche Sony Certified Vegas Editor dal 2008, Sony Certified Vegas Trainer, Sony ICE dal 2009 oltre che Trainer ufficiale Sony Creative Software per l'Italia.software utilizzati: Sony Vegas Pro, Sony DVD Architect Pro, Sony Acid Pro, Sony Soundforge, Sony Cinescore, Boris Red, After Effects; competenze: Editing Audio, Music Creation, Editing Video, Authoring DVD

User Name: Yarin VooDoo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.