Didattica

Ξ I commenti sono disabilitati

[Editoria] Rhinoceros: Manuale per professionisti

posted by VMStaff

“Scoprire la potenza del miglior modellatore NURBS esistente” con questa frase si completa l’intestazione sulla copertina di questo manuale, che certo non nasconde l’opinione dell’autore, Daniele Nale, che nell’introduzione descrive con grande accuratezza le singolarità e le virtualità di questo software,insieme ai concetti matematici e geometrici sui quali è imperniato, approfondendo tutte le sue applicazioni pratiche ed i supporti con i quali si può interfacciare.

Rhinoceros: Manuale per professionisti

Il testo è suddiviso in tre parti indipendenti.
Ciascuna affronta un diverso settore di applicazione che viene evoluto attraverso studi realmente affrontati,fino ad arrivare alle problematiche che riguardano le fasi di sviluppo e produzione legate allo specifico campo di applicazione.

Nella parte che parla di ARCHITETTURA,TERRITORIO,AMBIENTE si affrontano gli ambiti di applicazioni DTM (Digital Terrain Modeling) e i diversi metodi di programmazione per ricavare i “terreni digitali”.
Il “Tiling”,tecnica utilizzata per piastrellare digitalmente le pareti di bagni, pavimenti interni od esterni, o qualsiasi altra superficie che necessita di idoneo rivestimento.
Si elabora il funzionamento della “nuvola di punti” e i suoi campi di attuazione.
Chiude il capitolo un’interessantissima parte che riguarda la modellazione del tempio cambogiano Bayon ad Ankor, ricostruzione che è valsa un premio al concorso “editare il passato” indetto dalla Fondazione Cini nel 2007.

Nella sezione ORAFA troviamo un’introduzione che spiega come pianificare le operazioni preliminari e che mette in luce alcune delle funzioni base del software per iniziare a progettare gioielli.
Una parte di approfondimento che spiega l’utilità di usufruire delle tre viste piane in fase di progettazione,di superfici torse, e che ci introduce alla modellazione e applicazione del UDT (Universal Deformation Technology), vero “step” evolutivo all’interno di un modellatore NURBS.
Nel terzo capitolo di questa sezione del manuale troviamo un magnifico esempio della situazione in cui si può trovare un utente di Rhinoceros che usa il programma per la modellazione orafa: il lavoro commissionato.
E’ infatti illustrato tutto il procedimento di ideazione di un oggetto su richiesta e tutti le tematiche ed i problemi che si sono presentati durante lo sviluppo del progetto.
Nell’ultima parte troviamo una disamina più specifica degli UDT: funzionamento e applicazioni, scolpire modelli digitali con toni di grigio.

La sezione dedicata alla progettazione CALZATURIERA si divide in quattro capitoli, ognuno dei quali interpreta la progettazione di un diverso elemento della calzatura: il sottopiede, la suola, il tacco, la tomaia.
Su tutti questi elementi viene sviluppato un vasto discorso esplicativo che non riguarda solo il lato progettuale, ma anche lo stretto rapporto che deve coesistere tra metodologia informatica e standard aziendali per raggiungere in modo più esemplare possibile il prodotto finito.

Questo manuale tratta molti aspetti della elaborazione tecnica con Rhinoceros: il più importante che è quello progettuale, ma anche molti soggetti di tutta la “sfera” che circonda l’utilizzo di un software, che siano di carattere commerciale o scientifico.
Esso, infatti, non è direlativa facilecomprensione per un utente che abbia affrontato appena un corso base per l’utilizzo di Rhinoceros.
Non sono contenute spiegazioni sugli strumenti d’uso, maviene illustratoprincipalmente come applicare le varie funzioni del software, specificatamente ad un tipo di progettazione relativa al campo di utilizzo.
Penso che argomentazioni che si trovano all’interno del libro non ancoraaffrontate dall’utente, possano risultare piuttosto complesse da capire: esso non può naturalmente sostituire un docente, ma può certamente essere un ottimo supporto per aiutareil lettorea comprendere meglio come applicare le diverse potenzialità del programma in relazione alle necessità di programmazione personali.
Tutti i capitoli vengono affiancati da molteplici illustrazioni, che però non sempre sono di immediata interpretazione per via della loro dimensione, a questo si pone facilmente rimedio impiegando il supporto cd-rom allegato al manuale: in esso sono presenti i file di molti modelli trattati nel testo, insieme ad una versione Demo di RHINOCEROS 4.0.

Conclusioni
Complessivamente penso che il manuale sia particolarmente consistente per chi possiede una già buona preparazione teorica e una discreta conoscenza del software.
Come ho già lasciato intendere il grande pregio di questa guida è di far comprendere la completezza e la versatilità di questo programma,approfondendo tutti le sue applicazioni in diversi campi specifici di progettazione e affacciando i lettori all’immenso mondo di Rhinoceros.

Share This Article

Profilo dell'Autore

Dalle radici storiche della meravigliosa esperienza di VideoIn (www.videoin.org) nasce VideoMakers.net; un portale completamente nuovo sia nella grafica che nei contenuti, per offrire uno strumento di supporto a tutti gli appassionati videomakers. Lo Staff di VideoMakers.net è composto da Domenico Belardo "Mimmob", Rocco Caprella "Yarin VooDoo", Nunzio Trotta "Nuntro" e Maurizio Roman "Vighi".

User Name: VMStaff

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video