Telecamere

Ξ 350 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

Insta360 ONE X

posted by Yarin VooDoo
4.5
4.5
  • Usabilità 4.5
  • Caratteristiche 4.5
  • Bundle 4.5
  • Innovazione 4.5
  • Rapporto Qualità/Prezzo 4.5

Caratteristiche

Passiamo in rassegna le specifiche tecniche della Insta360 ONE X:

    • Sensore: Sony CMOS da 1/2.3”
    • Lenti: Due lenti ultra-wide fisheye con angolo di campo di 200° e Apertura F2.0
    • Diametro lenti: Ø24,00mm
    • Dimensioni: 114,56x48x27,60mm
    • Peso: 90,9g senza batteria e 115g con batteria
    • Risoluzione Foto: 18MP (6080×3040)
    • Risoluzione Video: 5760×2880@24/25/30p, 3840×1920@50p, 384×1920@30p, 3008×1504@100p
    • Formato Foto: insp, jpeg (esportato via App), RAW (dng)
    • Formato Video: insv, mp4 (esportato via App), LOG
    • Codifica Video:264
    • Bitrate Video: Fino a 120Mbps
    • Stabilizzazione: stabilizzazione giroscopica su 6 assi
    • Esposizione: da -3 EV a +3 EV
    • Modalità Esposizione: Auto, Manuale (Otturatore 1/8000s-55s, ISO 100-3200) Priorità di otturazione (1/8000s-2s), Priorità ISO (100-3200)
    • Bilanciamento del bianco: Auto, Nuvoloso, Soleggiato, Luce Fluorescente, Luce Incandescente
    • Modalità Fotografiche: Foto standard a 360°, Foto temporizzate a 360°, Foto HDR a 360°, Foto intervallate a 360°, Scatto RAW a 360°
    • Modalità Video: Video standard a 360°, Time-Lapse, Bullet Time, Video HDR, Video LOG a 360°
    • Live Streaming: Live streaming a 360°, FreeCapture Live (Controllo manual dell’inquadratura)
    • Connettività: Bluetooth BLE4.0, WiFi 5G (fino a 20 metri), porta Micro-USB
    • Temperatura di utilizzo: da 0°C a 40°C, possibilità di installare una specifica batteria per ambienti freddi con intervallo operativo da -20°C a 30°C.

La Insta360 ONE X si basa su un sensore Sony CMOS da 1/2.3” abbinato ad un SoC Ambarella H22 in grado di fornire una risoluzione massima di 5.7k (5760×2880 pixel) a 24, 25 e 30 fotogrammi al secondo: risoluzione di tutto rispetto che, vedremo, ci consentirà di avere filmati di buona qualità in Full HD, superando uno dei limiti tipici delle telecamere a 360°, cioè la scarsa risoluzione.

La codifica è l’usuale H.264 con bitrate massimo fino a 120Mbps, ma i video non sono memorizzati in file MP4, bensì nel formato proprietario insv (Insta360 Video), successivamente transcodificabili in file MP4 tramite le app dedicate.
Anche per gli scatti fotografici è previsto un formato proprietario, l’insp (Insta360 Photo), con la possibilità di esportazione JPEG tramite app, ma, in questo caso, è prevista anche la possibilità di salvare in camera gli scatti in formato RAW DNG.

Come abbiamo già visto, la Insta360 ONE X è dotata di una batteria LiPo sostituibile, per la ricarica della quale il manuale suggerisce l’utilizzo o del carica-batteria originale Insta360 o un carica-batterie USB da 5V/2A; la batteria viene certificata per 60 minuti di ripresa ininterrotta a 5.7K@30p o 4K@50p senza collegamento allo smartphone, mentre cala a 30 minuti se viene utilizzato il collegamento Wi-Fi, mentre la durata massima si ottiene registrando in modalità video standard a 4K@30p; in questo caso si arriva vicino ai 90 minuti.

Il tempo di ricarica è di circa 100 minuti, che possono abbassarsi a 60 minuti utilizzando il Dual Battery Charging Dock di Insta360; la fase di ricarica viene segnalata dai led di stato con il colore rosso.

Insta360 ONE X

Insta360 ONE X – Batteria LiPo

Da segnalare che è possibile accendere e utilizzare la camera anche durante la ricarica, questo ci consente di estendere la durata complessiva tramite l’ausilio di un powerbank esterno in situazioni un cui è richiesta la registrazione ininterrotta come, ad es., time-lapse molto lunghi.

Interfaccia

La gestione della Insta360 ONE X è decisamente semplice e in linea con quello di tante action-cam presenti sul mercato; tutte le funzionalità sono accessibili e gestibili tramite i due pulsanti fisici presenti sul dispositivo, senza richiedere alcun ausilio esterno.

Per accendere o spegnere la camera occorre tenere premuto il tasto di accensione per 2 secondi, quindi verremo accolti dal piccolo display circolare OLED che indicherà per un paio di secondi la versione di firmware installato e ci troveremo nella schermata principale dove, tramite tre piccole icone nella parte superiore, avremo l’indicazione del WiFi se attivato, la carica della batteria e se è attiva la connessione bluetooth.

Tramite il pulsante di accensione potremo navigare tra le opzioni disponibili (foto, video e configurazione), mentre con il tasto di registrazione potremo avviare la cattura o accedere ai vari menu, in quest’ultimo caso il pulsante di accensione ci consentirà di scorrere tra le varie opzioni in modo ciclico (dall’alto verso il basso) mentre con il pulsante di registrazione effettueremo l’accesso alla specifica voce di menu evidenziata o la modifica dell’impostazione selezionata: tutto molto semplice e rapido.

Lo stato della camera è facilmente riconoscibile tramite i due luminosi led di stato:

    • Colore Rosso: Ricarica in corso (si spegnerà al termine)
    • Colore Blu Fisso: Accesso alla scheda microSD
    • Colore Blu Lampeggiante: Problemi con la scheda microSD
    • Colore Verde Fisso: Camera in stand-by pronta alla registrazione
    • Colore Verde Lampeggiante: Camera in registrazione

Inoltre l’avvio e lo stop della registrazione viene confermata da un segnale acustico differenziato per foto e video, così da riconoscere immediatamente la modalità di cattura attiva.

Connessione SmartPhone

La Insta360 ONE X consente anche le gestione remota tramite il modulo WiFi integrato e l’app dedicata disponibile sia per smartphone iOS, compatibile con iPhone XS, iPhone XS Max, iPhone XR, iPhone X, iPhone 8/8 plus, iPhone 7/7 plus, iPhone 6s/6s plus, iPhone SE, oltre che con iPad Pro e iPad (2018), che per smartphone Android (per la compatibilità con i dispositivi Android cliccare qui).

Per eseguire la connessione alla camera il procedimento è semplice e rapido: si accende la cam, quindi si apre l’app e si clicca sull’icona di connessione WiFi, poi è sufficiente seguire le istruzioni a schermo per abbinare camera e smartphone.

L’utilizzo del modulo WiFi integrato ovviamente avrà un impatto sulla durata complessiva della batteria, qualora lo si voglia disabilitare, occorre accedere al menu di configurazione, scorrere fino al simbolo del WiFi e impostare la voce WiFi su AUTO, così che la connessione WiFi sarà attivata solo su specifica richiesta di collegamento da parte dell’app.

Insta360 ONE X

Insta360 ONE X – Connettore micro-USB

Altro metodo per gestire la Insta360 ONE X, evitando di attivare la connessione WiFi, è tramite uno dei cavetti micro-USB inclusi nella confezione e che consentono l’abbinamento a praticamente qualsiasi smartphone, infatti troviamo adattatori per porte micro-USB, Lightining e USB-C: bundle decisamente completo!
Da segnalare come i cavetti siano realizzati con la porta micro-USB verso la camera con connettore a 90° così da aderire quanto più possibile alla struttura, senza sporgenze pericolose per l’integrità del connettore e della porta stessa; da segnalare che collegando lo smartphone tramite cavetto non avviene il trasferimento di carica dalla batteria della Insta360 ONE X, evitando così di ridurne ulteriormente la durata.

Abbiamo testato l’app per iOS ed è risultata decisamente ben fatta, intuitiva e chiara nella gestione dei parametri di registrazione e di configurazione del dispositivo, oltre che per l’accesso ai contenuti memorizzati sulla micro-SD o già trasferiti sullo smartphone; con il collegamento tramite cavo l’anteprima video è di ottima qualità e con latenza decisamente bassa, tramite WiFi, come segnalato dall’app stessa, l’anteprima video sarà compressa per ridurre la quantità di dati trasferiti e ridurre la latenza che comunque sarà avvertibile.

La connessione Bluetooth viene utilizzata dal dispositivo di controllo remoto che ci consentirà di avviare/fermare la registrazione senza contatto diretto con la camera e senza l’utilizzo dello smartphone, utile quando la camera è installata su un casco o comunque non facilmente raggiungibile durante la ripresa; per il pairing dovremo utilizzare l’app per smartphone.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Share This Article

Profilo dell'Autore

Progettista di automazioni industriali e anche Sony Certified Vegas Editor dal 2008, Sony Certified Vegas Trainer, Sony ICE dal 2009 oltre che Trainer ufficiale Sony Creative Software per l'Italia.software utilizzati: Sony Vegas Pro, Sony DVD Architect Pro, Sony Acid Pro, Sony Soundforge, Sony Cinescore, Boris Red, After Effects; competenze: Editing Audio, Music Creation, Editing Video, Authoring DVD

User Name: Yarin VooDoo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe Premiere Pro CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialepremiereprocc per applicare lo sconto del 50% sul prezzo del corso.