Telecamere

Ξ 594 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

Insta360 ONE X

posted by Yarin VooDoo
4.5
4.5
  • Usabilità 4.5
  • Caratteristiche 4.5
  • Bundle 4.5
  • Innovazione 4.5
  • Rapporto Qualità/Prezzo 4.5

Prova Su Strada

Come da tipica logica di utilizzo da action-cam, la Insta360 ONE X è pratica e veloce da usare, non serve perdere tempo in configurazioni, scelta risoluzione e frame-rate, pochi click e si parte a riprendere immediatamente.
Questo non significa che la camera non permetta una buona gestione della ripresa, anzi i parametri di configurazione sono molti e consentono una buona versatilità.

Il piccolo display OLED è pratico, ma in situazioni di ripresa all’aperto, soprattutto con molto sole, è molto difficile da leggere, creando qualche difficoltà.

Insta360 ONE X

Insta360 ONE X – Piccola e maneggevole

Occorre prestare una certa attenzione alle due lenti semi-sferiche, in quanto la struttura della camera (di forma oblunga) invita a poggiarla in piano, con il rischio concreto di graffiare una delle due lenti e, quindi, avere futuri problemi nelle registrazioni.

La Insta360 ONE X non è un campione di durata, nonostante la batteria interna sia certificata per 60 minuti di ripresa alla massima risoluzione, senza WiFi, è molto facile, in situazioni reali di ripresa, rimanere a corto di energia intorno ai 45 minuti, a dimostrazione di quanto possa essere dispendioso in termini energetici gestire il flusso dati di due ottiche a una risoluzione di 5760×2880 pixel.
Aiuta certamente la possibilità di sostituire al volo la batteria e, soprattutto, poter utilizzare un powerbank esterno.

Analizziamo nel dettaglio alcune funzioni e caratteristiche.

Aggiornamento del Firmware

Per mantenere aggiornata la camera potremo procedere in diversi modi; è possibile scaricare il firmware aggiornato dal sito ufficiale, quindi dovremo collegare la camera al computer tramite il cavo USB, la camera entrerà in modalità U DISK e ci consentirà di accedere alla scheda SD sia per scaricarne i contenuti ma anche per copiare nella root il file del firmware aggiornato.
Al termine della copia sarà sufficiente scollegare la camera e riaccenderla: il nuovo firmware verrà automaticamente riconosciuto e, dopo il controllo di integrità, verrà avviato l’aggiornamento.

Altro metodo, più semplice, è quello di collegare la camera al proprio smartphone con l’apposito cavo e accenderla, quindi dall’App selezionare l’icona SETTINGS, fare lo scroll verso il basso fino a ABOUT INSTA360 e fare tap su FIRMWARE VERSION, se è presente un aggiornamento (in genere indicato da un piccolo pallino rosso sulla voce di menu) apparirà una notifica per eseguire l’aggiornamento automatico.

Insta360 ONE X

Insta360 ONE X – Connessione all’app tramite cavo o WiFi

Insta360 ONE X

Insta360 ONE X – Aggiornamento firmware

In entrambe le procedure è caldamente consigliato avere la batteria completamente carica per evitare che la camera si spenga durante l’aggiornamento con il rischio di danneggiare il software interno.

Va detto che Insta360 sta supportando egregiamente il proprio prodotto, con numerosi aggiornamenti software e con l’introduzione di funzionalità importanti come la ripresa HDR, l’aggiunta di ulteriori frame-rate (es. i frame-rate 24 e 25p per la risoluzione 5,7k, introdotti con l’update 1.18.24) o funzioni per il miglioramento dell’immagine come il FlickerFix per ridurre lo sfarfallio generato dalle sorgenti luminose.

QuickCapture

Come ogni action-cam che si rispetti, anche la Insta360 ONE X è dotata di una funzione di QuickCapture: a camera spenta, tenendo premuto il tasto di registrazione, la camera di accenderà e inizierà immediatamente a registrare il video.

Tale funzione è disattivata di fabbrica, per utilizzarla va quindi attivata dal menu interno, scorrendo fino all’icona del punto esclamativo e impostando la voce QuickCap su ON.
Dalla pressione del tasto di registrazione all’effettivo avvio della registrazione trascorrono circa 7 secondi.

Gestione di Shutter & Iso

Uno dei parametri di ripresa che dovremo imparare a gestire da subito è sicuramente lo shutter, cioè la velocità di otturazione, in quanto influirà in modo significativo sulla qualità delle nostre riprese sia in termini di fluidità (vi rimando a questo articolo per la spiegazione della regola dei 180°) che di qualità, soprattutto in condizioni di scarsa illuminazione; la camera prevede varie impostazioni: Auto, Fast e Faster.

In modalità Auto la camera imposterà l’otturazione autonomamente per mantenere sempre la corretta esposizione, ma questo significa che con scarsa illuminazione potrà abbassare l’otturatore al valore minimo di 1/30s che potrebbe produrre video con sfocatura da movimento eccessiva, quindi non utilizzabili, impostando invece Fast o Faster (opzione questa aggiunta con i recenti firmware), la camera sarà forzata a mantenere un valore di otturazione più alto, sacrificando un po’ l’esposizione, ma con una fluidità decisamente migliore e motion blur contenuto.

Per garantire una buona qualità video e una corretta esposizione potremo intervenire anche sugli ISO che sono impostabili su:

Insta360 ONE X

Insta360 ONE X – Impostazioni manuali da app

    • Auto: gestione automatica in base all’esposizione rilevata fino al massimo consentito di 3200 ISO
    • <400: il valore massimo non supererà mai 400 ISO
    • <800: il valore massimo non supererà mai 800 ISO
    • <1600: il valore massimo non supererà mai i 1600 ISO

Tramite l’app potremo gestire questi parametri anche in modalità manuale, scegliendo valori di esposizione per la ripresa video da un minimo di 1/30s a un massimo di 1/8000s e valori ISO da 100 a 3200; se la modalità di esposizione è impostata su automatico, potremo intervenire sulla compensazione dell’esposizione impostando una correzione di +/-4 F-Stop a passi di 1/2 F-Stop.
Purtroppo nell’app non è disponibile un istogramma per visualizzare graficamente l’esposizione della scena.

Modalità LOG

La Insta360 ONE X mette a disposizione una modalità di ripresa LOG per massimizzare il range dinamico, conservando maggiori dettagli nelle aree di basse e alte luci, e consentire una maggior possibilità di intervento in fase di color correction in post-produzione.

La modalità LOG è attivabile sia dal menu interno della camera che dall’app e, una volta attivato, restituirà sia in anteprima che nel video registrato un’immagine poco contrastata e desaturata, tipica di questa modalità di ripresa, in post-produzione potremo applicare la specifica LUT creata da Insta360 per ottenere il giusto contrasto.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Share This Article

Profilo dell'Autore

Progettista di automazioni industriali e anche Sony Certified Vegas Editor dal 2008, Sony Certified Vegas Trainer, Sony ICE dal 2009 oltre che Trainer ufficiale Sony Creative Software per l'Italia.software utilizzati: Sony Vegas Pro, Sony DVD Architect Pro, Sony Acid Pro, Sony Soundforge, Sony Cinescore, Boris Red, After Effects; competenze: Editing Audio, Music Creation, Editing Video, Authoring DVD

User Name: Yarin VooDoo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.