Montaggio Video

4.5
Voto Complessivo
4.5
  • Usabilità 4.5
  • Innovazione 4.5
  • Supporto Hardware 4.5
  • Bundle/Strumenti 4.5
  • Rapporto Qualità/Prezzo 4.5
Ξ I commenti sono disabilitati

[Software] Cyberlink PowerDirector Ultimate Suite 2

posted by Yarin VooDoo

PowerDirector 12

Cyberlink, in ogni nuova release, non lesina mai le novità, rendendo il proprio software di editing video sempre più completo, oltre che sempre più appetibile anche per l’utenza semi-professionale.

PowerDirector12 - Interfaccia Grafica

Tra le novità di questa release troviamo, tra le altre cose, i Designer Multicam e Designer di Temi, il nuovo effetto di Motion Blur per oggetti PiP e Testi animati, nuovi effetti video come Tilt-Shift, Bagliore, Lente di Ingrandimento, etc., e i due bundle NewBlueFX Video ESSENTIALS II e III.
Analizziamo, dunque, le novità più importanti di questa versione.

Designer Multicam

Sicuramente una delle novità più importanti di questa release, lo strumento Multicam che consente l’editing fino a quattro flussi video (telecamere) contemporanei.
Lo strumento si presenta come applet separata (con una propria finestra), accessibile tramite l’icona Plug-In nel tab Area Multimediale dove, abitualmente, vengono organizzati i media del nostro progetto; tramite tale icona possiamo accedere anche al tool Designer Tema.

PowerDirector12 - Pulsante Plug-in

Avviato il nuovo Designer Multicam, si aprirà la finestra specifica: avremo sulla sinistra l’area per i quattro flussi video, sulla destra la finestra di anteprima e, subito sotto, la timeline dedicata dove poter posizionare tutti i file video da gestire; è possibile importare una traccia audio aggiuntiva da utilizzare come master o riferimento.

PowerDirector12 - Designer Multicam

Il Designer Multicam, come ci hanno confermato i tecnici Cyberlink, è stato predisposto per un massimo di quattro flussi video contemporanei perché progettato tenendo in considerazione la piattaforma hardware più diffusa al momento e che vede nel processore Intel i5 il suo elemento principale, in grado, appunto, di gestire agevolmente fino a 4 flussi video H264, sufficienti per la maggior parte dei progetti anche di tipo semi-professionale, ovviamente la possibilità di poter gestire un maggior numero di telecamere avrebbe reso lo strumento ancora più versatile.
Per ognuna della quattro telecamere disponibili potremo importare, sia dall’area multimediale che direttamente da hard-disk, una o più clip tramite l’apposito tasto + (in questo caso avremo solo la visualizzazione delle clip in modalità miniatura e non in modalità dettagliata), tramite i tasti freccia potremo traslarle di un fotogramma alla volta in avanti o indietro sulla timeline così da rifinire il posizionamento in relazione alle altre telecamere o all’audio importato; in ogni caso potremo traslare le singole clip anche tramite il mouse agendo direttamente sulla timeline.
Potremo eseguire l’operazione di importazione anche tramite l’icona Riordina clip, presente sulla testata di ogni traccia, in questo caso avremo una comoda lista delle clip importate, utile anche per eliminare o riorganizzare la posizione delle clip, senza dover agire sulla timeline.

PowerDirector12 - Riordina Clip

Caratteristica interessante del Designer Multicam è la possibilità di sincronizzare le clip importate secondo vari metodi:

    • Manuale;
    • Timecode: in base al timecode di registrazione (solo clip DV e HDV);
    • Ora di creazione file: in base all’orologio interno della telecamera (fondamentale che tutte le telecamere siano sincronizzate);
    • Analisi Audio: in base all’analisi della traccia audio di ogni clip importata in relazione alle altre;
    • Marcatori su clip: potremo posizionare dei marcatori di riferimento sulla timeline, quindi premendo il tasto Applica, il software sincronizzerà le clip importante usando i marker come riferimento di posizione.

Il metodo più interessante è, ovviamente, quello basato sull’analisi audio che ci permette di registrare video multicamera senza particolari accorgimenti e senza dover necessariamente sincronizzare il timecode (non possibile su camcorder di fascia consumer), lasciando al software, in post-produzione, l’onere di sincronizzare tutte le clip.
Tale caratteristica diventa ancora più di rilievo se si considera che altri software l’hanno implementata solo di recente (es. Premiere Pro in versione Creative Cloud) o tramite l’ausilio di software di terze parti (es. Pluraleyes di Red Giant), trovarla, quindi, in PowerDirector 12 e, per di più, basata su tecnologia proprietaria, è sicuramente una gradita sorpresa.

PowerDirector12 - Sincronizzazione Clip

Una volta eseguita la sincronizzazione, siamo pronti a registrare il nostro montaggio multicam; sarà sufficiente decidere se usare l’audio importato o l’audio di una delle telecamere, posizionarsi sulla prima telecamera che vorremo utilizzare e premere il pulsante REC sotto la finestra di anteprima: i video inizieranno a scorrere nelle relative finestre, mentre nella finestra di anteprima verrà visualizzata la telecamera selezionata.
Durante il playback potremo scegliere la telecamera da inquadrare con un click del mouse o premendo i tasti numerici da 1 a 4.
Durante il montaggio multicam, cambiando la telecamera principale, sulla traccia Registrazione della timeline, il software creerà le aree di selezione, differenziate per colore e numero di riferimento, aree che verranno poi utilizzate per creare la sequenza di clip sulla timeline principale del software una volta premuto il tasto OK.
Qualora si voglia modificare una porzione di montaggio, sovrascrivendo una telecamera, sarà sufficiente far ripartire la registrazione e quindi selezionare la telecamera desiderata; il software provvederà a dividere il contenuto esistente, sovrascrivendo il resto.
Tornati sulla timeline principale potremo ovviamente apportare ulteriori modifiche alle clip o tornare indietro nel Designer Multicam per rifinire il montaggio, tuttavia in questo caso perderemo tutte le eventuali modifiche apportate nella timeline principale.
Peccato non poter ridimensionare le 4 finestre delle telecamere, in effetti un po’ troppo piccole soprattutto se si ha a disposizione un monitor di dimensioni e risoluzioni non generose, come sarebbe stato utile poter inviare la preview a schermo intero su un monitor secondario, come è, altresì, possibile fare dalla timeline principale del software.
In merito alla sincronizzazione basata sull’audio, se questa è applicata a clip lunghe, va segnalato che i tempi di elaborazione possono allungarsi in modo significativo, richiedendo anche svariati minuti per il completamento dell’operazione.
Qualora il proprio sistema non sia in grado di gestire in modo agevole i flussi video in alta risoluzione, potremo modificare la risoluzione della preview principale o creare i file proxy.

Videotutorial

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=XOupBf7EL68[/youtube]

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7

Share This Article

Profilo dell'Autore

Progettista di automazioni industriali e anche Sony Certified Vegas Editor dal 2008, Sony Certified Vegas Trainer, Sony ICE dal 2009 oltre che Trainer ufficiale Sony Creative Software per l'Italia.software utilizzati: Sony Vegas Pro, Sony DVD Architect Pro, Sony Acid Pro, Sony Soundforge, Sony Cinescore, Boris Red, After Effects; competenze: Editing Audio, Music Creation, Editing Video, Authoring DVD

User Name: Yarin VooDoo

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video