Adobe After Effects

Ξ 1.407 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[Adobe After Effects] Messa a fuoco reflex

posted by mimmob

Vediamo insieme come simulare una ripresa attraverso il mirino di una fotocamera reflex tradizionale partendo da un’immagine statica o da un video utilizzando Adobe After Effects (AE), arrivando a realizzare l’effetto mostrato nel video disponibile a questo link.

Il mirino reflex che prenderemo a riferimento è quello rappresentato nella figura seguente:

La sezione “Stigmometro” spezza le immagini in due parti disallineate (sposta l’immagine contenuta nelle due sezioni dello stigmometro in direzioni opposte quando l’immagine non è a fuoco).
La sezione “Microprismi” pixelizza l’immagine quando non è a fuoco.
Nel resto del mirino l’immagine non a fuoco è semplicemente sfocata.
La messa a fuoco perfetta si ottiene quando i due stigmometri (sup ed inf) allineano correttamente le due parti di immagine e i microprismi non sono evidenti, rendendo l’immagine nitida.


Immagine perfettamente a fuoco


Immagine completamente fuori fuoco

In questo tutorial utilizzeremo:

  • le maschere
  • l’oggetto “Null”
  • le espressioni
  • i filtri “sfocatura veloce”, “mosaico”, “tratto”
  • il filtro o il comando “wiggle”

Il tutorial è stato realizzato con la versione 7.0 di AE in italiano, ma è realizzabile anche con le versioni precedenti del software.
Dopo aver aperto AE, creiamo una nuova composizione (Ctrl+N) ed impostiamo le seguenti proprietà:

Importiamo l’immagine o il video da usare come soggetto della foto (Ctrl+I). Nel mio caso importerò un’immagine statica con risoluzione 1280×960.
Trasciniamo l’icona dell’immagine dalla finestra “progetto” sull’iconcina di creazione di una nuova composizione (l’icona è presente in basso nella finestra progetto).
Questo creerà una nuova composizione delle stesse dimensioni dell’immagine contenente l’immagine stessa come unico livello.

Nella finestra progetto selezioniamo la nuova composizione (che si chiamerà come l’immagine), premiamo Invio e rinominiamo la composizione in “Soggetto”.
Adesso trascinando 2 volte la composizione “Soggetto” sull’icona citata in precedenza, creiamo 2 nuove composizioni che rinomineremo in “Stigmometro Inf” e “Stigmometro Sup” (queste 2 composizioni avranno la composizione “Soggetto” al loro interno ed avranno la sua stessa risoluzione).
A questo punto verificate che la situazione nella finestra “Progetto” sia la seguente e salvate (Ctrl+S):

Con un doppio clic nella finestra Progetto, apriamo la composizione “Mirino Reflex” creata inizialmente e trasciniamo nella Timeline la composizione “Soggetto”.
Selezioniamo poi il layer “Soggetto” nella Timeline, premiamo Invio e rinominiamolo in “Sfondo”.
Duplichiamo il layer (Ctrl+D) e rinominiamolo in “Microprismi”.
Trasciniamo ora le due composizioni “Stigmometro Inf” e “Stigmometro Sup” dalla finestra Progetto alla Timeline così da avere l’ordine dei layer come mostrato nella prossima figura (vi ricordo che è possibile trascinare in alto o in basso i nomi dei layer per ordinarli).

Per comodità disattiviamo, tramite l’iconcina a forma di occhio sulla sinistra dei nomi dei layer in Timeline, la visualizzazione di tutti i layer ad eccezione del primo (“Stigmometro inf”) che lasceremo visibile.

Pagine: 1 2 3 4 5

Condividi Questo Articolo

User Profile

Laureato in Ingegneria Meccanica, è attualmente Docente. Software utilizzati: Adobe Premiere Pro, Adobe After Effects, Adobe Photoshop, Adobe EncoreDVD, Adobe Audition Competenze: Compositing & Special Effects, Editing Video, Authoring DVD, Editing Audio, Music Creation

User Name: mimmob

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.