Fai Da Te (Ripresa)

Ξ 213 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[Ripresa] Steadicam VideoMakers (by Tiger) – 4

posted by Tiger

Quarta ed ultima puntata di questa guida pratica per la realizzazione di una Steadicam.

Tutti i progetti per i nostri utenti registrati nell’area VM Share!

IMPORTATE
Ne l’autore ne VideoMakers.net ed il suo Staff si assumono alcuna responsabilità su danni diretti o indiretti a cose o persone causati dall’utilizzo di quanto riportato in questo tutorial.
Quanto scritto è esclisivamente a scopo didattico e l’eventuale messa in opera del progetto è a totale rischio e pericolo dell’utente.

ATTENZIONE
Particolare attenzione deve essere posta al bloccaggio di tutte le parti onde evitare pericolosi spostamenti di pesi o addirittura cadute di componenti che potrebbero alterare l’equilibrio del sistema con conseguente danno alle apparecchiature.

Controllare sempre prima dell’uso che le viti siano serrate e i morsetti chiusi.

Bilanciamento
In una struttura cosi complessa è tempo sprecato cercare di determinare il centro di gravità con calcoli matematici, se abbiamo cercato di avvicinarci il più possibile al centro di gravità, resta sempre il fatto che inevitabilmente ci troveremo squilibrati in un senso o nell’altro.
Inoltre per motivi di fissaggio, come già spiegato, potremmo aver dovuto volontariamente spostare il nostro centro di gravità in una zona che non ci rechi disturbo.
Prima di montare la cam per il bilanciamento dobbiamo assicurarci che NON esista alcun gioco nei cuscinetti.

Attenzione: stringere i dadi solo lo stretto necessario per eliminare i giochi.
Le due manopole e il supporto cardanico non devono presentare alcun attrito.
Controllare inoltre che tutti le viti di serraggio, e in modo speciale quella della testa e del porta pesi, siano strette.

NON esagerare nel serrare queste viti, lavorano in una lega di alluminio e di conseguenza è facile strapparle.
Tra le parti anodizzate interporre un leggero strato di grasso al silicone per evitare il bloccaggio.
E’ indispensabile che la cam sia equipaggiata nella condizione in cui dovrà operare cioè con cassetta, paraluce, filtri, batteria ed eventuali altri accessori che si ritiene utile usare: se teniamo aperto lo schermo LCD dovremo aprirlo anche per la taratura.
Controllate la posizione dei morsetti eventualmente usati: devono essere sempre ruotati nella medesima posizione.
Facciamo scorrere il gimbal sul post fino a toccare la vite che blocca la piastra porta camcorder: chiamiamo questo asse Z per comodità (scorrimento verticale).
Solo dopo aver inserito dei pesi P1 e P2 e il peso laterale fisseremo il nostro camcorder, quindi cercheremo di equilibrare il più possibile e in modo veloce la nostra steadi.

Attenzione: NON abbandonare la cam perché questa è la fase più critica, può ruotare in tutti i sensi non essendo minimamente equilibrata.
In questa fase è meglio eccedere nei pesi piuttosto che scarseggiare.

Ottenuta questa prima regolazione dovremo fissare la camera in modo stabile per poter continuare, se possibile, agganciamola ad un sistema di sicurezza.
Cercheremo ora di affinare la regolazione badando che sia bilanciata sia sull’asse X che sull’ asse Y.

Ricordiamoci che:

  • portando il peso verso il centro, la cam tenderà a ruotare verso il basso dal lato opposto;
  • allontanandosi dal centro, la cam tenderà a ruotare verso il basso ma dal lato del peso;
  • se la cam tenderà a cadere in diagonale, dovremo agire sui pesi sia di X che di Y: la regolazione deve essere fatta sia per l’asse X che per Y.

La figura seguente ci ricorda le varie possibilità di regolazione.

[Ripresa] Steadicam VideoMakers (by Tiger)

Pagine: 1 2 3 4

Condividi Questo Articolo

User Profile

User Name: Tiger

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video