Scene da film

Ξ 283 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

Scene da Film – Effetti speciali…in camera (Parte 1)

posted by mimmob

SCOMPARSA IMPROVVISA
Molti penseranno che nelle prossime righe sono scritte cose ovvie e che quanto propongo di fare solo con la videocamera viene molto meglio in fase di montaggio.
Ebbene sì, avete assolutamente ragione nel pensare queste cose, ma lo scopo di questo articolo è far capire il concetto di base e partire da questo per poi passare ad effetti più elaborati nel corso degli articoli futuri.
Inoltre, questo tipo di tecnica può essere spiegata anche ai vostri figli che, anche se ci avranno già provato da soli prima di oggi, sicuramente non avranno ottenuto risultati soddisfacenti, non avendo appreso i concetti di base che illustrerò sotto (e che serviranno anche nel momento in cui evolveremo verso gli effetti che prevedono l’uso di software dedicati).
Alla fine vedrete che i vostri figli riusciranno a divertirsi anche con un cellulare, avvicinandosi “inconsapevolmente” al magico mondo del cinema e degli effetti speciali.

Vediamo dunque come realizzare la seguente semplice scena: Effetto_Scomparsa_-_Scomparsa.mp4

[Scene da Film] Effetti speciali...in camera (Parte 1)

Questi i passaggi operativi da seguire per preparare la scena.

 

  • Mettere la videocamera su cavalletto (se si tratta di un cellulare trovargli una posizione stabile appoggiandolo su qualche supporto disponibile), in questo modo le due riprese non mostreranno cambiamenti improvvisi dell’inquadratura.
  • Se possibile utilizzare luci artificiali e non fare affidamento sulla luce solare poichĂ© può cambiare anche a distanza di pochi secondi e svelare il “trucco” (ad esempio nel caso in cui una nuvola copra il sole momentaneamente); anche questo accorgimento serve per evitare di notare bruschi cambiamenti tra una ripresa e l’altra.
  • Impostare l’esposizione manuale, se possibile, e regolarla, così da assicurare la continuitĂ  di luminositĂ  tra le due riprese.
  • Impostare la messa a fuoco manuale, se possibile, e regolarla in modo che il soggetto inquadrato sia a fuoco; in questo modo, nel momento in cui il soggetto non è piĂą in scena, la messa a fuoco non varia, creando un passaggio discontinuo tra le due riprese.

 

Fatti questi preparativi, è il momento di registrare.

 

  • Avviare la registrazione e riprendere il soggetto in scena.
  • Premere il pulsante di Pausa durante la registrazione, un attimo dopo che il soggetto ha schioccato le dita.
  • Far uscire il soggetto dall’inquadratura.
  • Riavviare la registrazione.

 

Nota: se la vostra videocamera registra su nastro, potrebbe essere necessario tenere conto di un leggero ritardo nel riavvio della registrazione dopo la pressione del tasto di Pausa, a causa dei tempi tecnici necessari alla videocamera per rimettere in moto il sistema di trascinamento del nastro. Non dovrebbe esserci alcun problema, invece, se la registrazione avviene su schede di memoria allo stato solido.

Utilizzando questa tecnica (tra l’altro inventata nel 1896 da Georges MĂ©liès, illusionista e regista francese, considerato il padre degli effetti speciali) e giocando adeguatamente con effetti sonori e musica, si può arrivare a risultati interessanti come nella seguente scena, estratta dal mio corto “L’elisir della fortuna“: Effetto_Scomparsa_-_Estratto_Elisir.mp4.

[Scene da Film] Effetti speciali...in camera (Parte 1)

Di seguito, invece, sono mostrati alcuni esempi di applicazione della tecnica appena descritta, facendo presente che, a parte l’aggiunta di musica e titoli, non è stato fatto alcun montaggio software, ma è tutto frutto di un montaggio in camera (anche le diverse correzioni colore sono state fatte direttamente agendo sulla videocamera), realizzato da una sola persona (la stessa che vedete nelle riprese, ovvero il sottoscritto) con l’ausilio del telecomando in dotazione alla videocamera tenuto nella mano che non compare mai nell’inquadratura.

Buona visione: Effetto_Scomparsa_-_Esempi.mp4

[Scene da Film] Effetti speciali...in camera (Parte 1)

In merito al punto 2 dei preparativi citati sopra, vi faccio notare che durante la ripresa della prima sequenza, nella terza e nella quarta inquadratura, si nota una variazione di luminosità che rende meno gradevole l’effetto.
Nonostante tutta la sequenza sia stata realizzata con illuminazione artificiale, infatti, nelle due riprese incriminate il sole, proveniente dalle finestre alle spalle del soggetto, è stato coperto da una nuvola rendendole più scura la scena, per poi tornare alla normalità nelle ultime tre inquadrature.

Nota: l’ultimo esempio (Fantasy) è leggermente diverso dai precedenti poiché l’inquadratura cambia. La tecnica è sempre la stessa e si tratta di un altro modo per rendere l’illusione che accada qualcosa di “speciale” (scommetto che nessuno aveva capito che sono sempre io a muovere l’oggetto con una mano fuori dall’inquadratura … :D).

Arrivederci alla prossima puntata…

Pagine: 1 2

Condividi Questo Articolo

User Profile

Laureato in Ingegneria Meccanica, è attualmente Docente. Software utilizzati: Adobe Premiere Pro, Adobe After Effects, Adobe Photoshop, Adobe EncoreDVD, Adobe Audition Competenze: Compositing & Special Effects, Editing Video, Authoring DVD, Editing Audio, Music Creation

User Name: mimmob

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.