VEGAS Pro

Ξ 114 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[Vegas 8] Come editare in modo semplice ed economico il DVCPROHD

posted by Videobricolager

Per quanto riguarda l’Alta Definizione, Panasonic ha deciso di non seguire la corrente HDV ma di sfruttare un proprio workflow.
Con la videocamera AG-HVX200, la casa giapponese ha sfornato un prodotto degno di nota, ma (fino ad oggi) di nicchia.
L’innovazione principale sta nel supporto di registrazione, infatti la telecamera non utilizza il nastro per memorizzare il flusso video HD (può comunque registrare su MiniDV a definizione standard), bensì memorie allo stato solido appositamente studiate per lo scopo dalla stessa Panasonic: le P2 (Professional Plug-In,P2).Esse non sono altro che PCMCIA Cards all’interno delle quali sono site quattro classiche memory stick SD.
Questo sistema di archiviazione ha permesso ai progettisti di sfruttare un sistema di compressione video completamente diverso dai concorrenti: il DVCPROHD.
Altrimenti detto DVCPRO100, questo codec sfrutta una minore compressione (100Mbit/s) con un campionamento colore 4:2:2 e, all’occorrenza, con una risoluzione di 1920X1080 pixels.
Essendo un workflow totalmente nuovo e costoso per il mercato prosumer, è rimasto per molto tempo nell’ombra o alla portata di pochi, anche perché uno dei problemi più sentiti è la gestione a livello software di questo flusso video ad Alta Definizione.

Ultimamente, alcuni produttori di Software si sono messi al lavoro per far sì che il DVCPROHD fosse utilizzabile nei loro prodotti, uno di questi è ad esempio Canopus Edius, ma ce ne sono altri. Purtroppo, Sony Vegas non è tra questi (gestisce solo quello similare proprietario Sony proveniente dalla Camera PMW-EX1,per intenderci).

Allora come ovviare?

. Il Codec Raylight
La DVFilm propone un’interessante alternativa a costosi hardware e software dedicati per gestire il girato della Panasonic AG-HVX200, basta possedere Adobe Premiere o Sony Vegas.

Il kit è composto principalmente da un piccolo codec plug-in da installare e che va ad integrarsi automaticamente con i software NLE pocanzi menzionati, senza necessità di acquistare un nuovo programma di editing che ci porterebbe via altre centinaia e centinaia di Euro, per non parlare poi del tempo necessario per il training.
Tale codec è denominato DVFilm Raylight e con esso basterà un normale drag-and-drop in timeline e non occorreranno Workstations o particolari procedimenti.

Il DVCPROHD funziona in questo modo: la HVX200 registra le clips su Card P2 inserendole in una propria struttura di cartelle e sottocartelle dove i flussi audio/video sono in un formato denominato MXF (Media Exchange Format) ed è questo formato che noi dobbiamo far “riconoscere” a Vegas.
Vediamo come procedere.

Dalla pagina web www.dvfilm.com scaricare la versione DEMO di Raylight 3.X.
Nel sito,si potranno trovare ulteriori informazioni su encoding/decoding, ma in questa sede analizzeremo solamente il Raylight dedicato a Sony Vegas (e per Premiere Pro,ma qui non verrà trattato). E’ stata implementata anche una versione per Macintosh.
La versione DEMO permette di lavorare senza limitazioni di alcun tipo, l’unico inconveniente è rappresentato dal logo della DVFILM che apparirà nei quattro angoli dell’immagine durante la preview ed il rendering, tuttavia il resto funziona tutto al 100% ed è utile per capire il workflow prima di affrontare la spesa per il coded.
Inoltre il Raylight si integra perfettamente con il DirectShow di Windows permettendo di visionare con Media Player i files video delle P2.

Una volta scaricato il file zippato, scompattarlo ed ottere una cartella, apriamola:

Come si può notare dallo screenshot, la mini-suite comprende programmi accessori, ma li analizzeremo più tardi perchè si tratta di applicazioni stand-alone e pertanto non necessari alla normale routine di editing.
Cliccare su sull’icona Setup e seguire tutte le istruzioni per completare con successo l’installazione.
Una volta terminata, automaticamente verrà visualizzata una finestra di dialogo inerente alle impostazioni del Codec e dei relativi annessi:

La sezione Visual Fidelity on Playback riguarda le impostazioni (modificabili anche in tempo reale durante il montaggio) di qualità immagine della visualizzazione Preview.
I vari colori indicano, appunto, il grado di fedeltà che si avrà, settabile tramite le apposite caselle: la casella Raylight Blue corrisponde alla qualità massima, la Reylight Red a quella minima.
Abbinando queste impostazioni alle possibilità di preview di Vegas, si potrà trovare la combinazione ideale adatta al proprio tipo di hardware; al momento lasciamo l’impostazione di default.
La sezione Compression (Output) Settings definisce la cartella di lavoro della suite Raylight se e quando si utilizzano i programmi accessori visti all’inizio: sarà la cartella dove verranno memorizzati i files renderizzati.
Default System indica il formato televisivo: per l’Europa è il PAL, equivalente a 50 semicampi, settare pertanto 50i/50p.
La sezione Advanced Options permette di intervenire su diversi parametri e rimanda al sito per ulteriori informazioni.

Per quanto riguarda l’utilizzo nel software NLE, l’unica opzione utile potrebbe essere Rotate image 180° nel caso si utilizzi un adattatore 35mm.
A questo punto la configurazione è terminata, quindi cliccare su OK, La finestra principale si chiuderà, lasciando il posto ad una mini console flottante che altro non è che la versione miniaturizzata delle impostazioni di preview vista precedentemente, e adoperabile in real time durante il montaggio.

La si potrà utilizzare in qualsiasi momento mentre si lavora con Vegas con effetto immediato semplicemente cliccamdp sui pulsanti associati ai vari colori.
A questo punto,possiamo aprire Vegas.

Pagine: 1 2 3

Condividi Questo Articolo

User Profile

User Name: Videobricolager

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.