Ξ 332 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

[AB Film] FICTION? Tutto accadde il nono giorno

posted by VMStaff
  • Tiplogia: Thriller
  • Durata: 83’
  • Regia: Davide Ardizzola
  • Produzione: AB FILM di Davide Ardizzola e Fabio Basilico
  • Trama: Un misterioso e inquietante serial killer sta compiendo degli omicidi sanguinari in città. Sulle sue tracce si mettono il commissario e il vice-commissario della locale sede della Polizia. A complicare il già difficile svolgimento delle indagini subentrano episodi e risvolti che hanno a che fare con la vita privata dei personaggi protagonisti, e non solo.
  • Cast: Plinia Mancin, Andrea Madravio, Silvia Ferrario, Fabio Garofalo, Matteo Colciago, Massimo Olimpo, Donato Anania, Aldo Marmotti
  • Link: Guarda Il Video
  • Link: Leggi Il Topic Sul Forum

Immergiamoci in questa nuova intervista con Davide Ardizzola regista di “FICTION? Tutto accadde il nono giorno” per saperne di più sul suo lavoro.

VM: Ci parli di te e della tua “casa” di produzione?

DA: AB Film è una sigla che identifica la collaborazione e la libera associazione tra due privati amanti del cinema, che però si sono conosciuti facendo teatro. E’ stata utilizzata per la prima volta proprio in concomitanza con la produzione di Fiction?-Tutto accadde il nono giorno e continuerà in seguito a identificare i nostri progetti, rigorosamente con soggetto e sceneggiatura originali. La AB Film si occupa di pianificare tutte le fasi di un progetto cinematografico, dalla preproduzione alla produzione e alla post-produzione.

VM: Nella realizzazione di lavori a budget limitato cosa ritieni sia la carta vincente per la buona riuscita del film e, nello specifico di questo lavoro, cosa è stato determinante per la buona riuscita del progetto?

DA: E’ fondamentale la pianificazione del lavoro, organizzare al meglio i vari set tenendo conto degli impegni di tutte le persone coinvolte. Fondamentali si sono rivelati gli storyboard che ci hanno consentito di non perdere tempo sul set perché sapevamo già come e dove piazzare la telecamera e gli attori. Poi, budget limitato non significa prodotto scadente, anzi. Noi ci siamo impegnati molto sul piano della qualità, cercando di ottenere il meglio dal punto di vista recitativo, cosa che invece abbiamo notato carente in altre produzioni indipendenti.

VM: Ci dai qualche dettaglio “tecnico” sulla realizzazione? Potresti parlarci del tipo di attrezzatura utilizzate in tutto il film?

DA: Ho usato la mitica Canon XM1, indistruttibile. L’ho usata persino sotto la pioggia! Per i microfoni ho usato due fantastici Sennheiser ME66 avuti in prestito da uno dei nostri sponsor tecnici, la Exhibo S.p.A. di Vedano al Lambro (Monza). Poi un dolly autocostruito che abbiamo usato con soddisfazione in due o tre scene; un cavalletto con testa video Manfrotto. Per i backstage ho usato la mia vecchia Sony TRV110E Digital8.

Il montaggio è stato fatto sul mio pc di casa, un P.IV a 3.2 Ghz (Overcloccato a 3.55) con 1Gb. Di ram, tre HD da 300Gb. (uno per il montaggio e due esterni di backup: sono previdente). Come software ho usato la suite Adobe: Premiere Pro, Audition, After Effect (usato solo per togliere un adesivo a forma di ciliegia dalla macchina del Serial Killer), e poi Encore per l’authoring del DVD. Dimenticavo, anche Muvee AutoProducer per la realizzazione delle Photogallery animate.

VM: Nella realizzazone dei lavori low budget il coinvolgimento degli amici per la realizzazione è un fattore determinante. Ci parli della tua esperienza in merito.

DA: Certo, gli amici sono importanti ma gestirli sul set è stato un problema. Tutti volenterosi ma tutti inesperti “di cinema”. Quindi lavoro doppio, triplo, per me che dovevo prima dir loro cosa fare (es. “tieni quel pannello così e così…” oppure “alza il microfono che entra in campo…”) e poi verificare che lo facessero. Sono stati comunque fondamentali per la riuscita del film. Voglio qui ringraziare in particolar modo Andrea Balossi, Alessio Cassani, Matteo Colciago e Graziano Molteni. E poi Lorena Adami, la segretaria di edizione, che tra tutti è stata forse la più professionale. Ops, dimenticavo Fabio Basilico, il mio compagno di avventura: senza di lui non avrei fatto nulla!

VM: Quali sono stati i principali intenti e ispirazioni (filmiche) che ti hanno influenzato e che ti ispirano in genere nel tuo modo di realizzare determinati lavori?

DA: Mi piace molto evidenziare i particolari. Non mi sono ispirato ad un modello in particolare. In diverse scene ho usato la tecnica della soggettiva. In fase di montaggio ho cercato, ove possibile, di non tenere un ritmo troppo lento, anche se in fondo si tratta di un thriller psicologico. Purtroppo la prima parte del film accusa una certa lentezza dovuta al fatto che le prime scene coincidono con le prime scene girate e che quindi risentono dell’inesperienza “filmica”.

VM: Il budget per realizzarlo? Quanto è costata la sua realizzazione?? E quanto è costato in termini di tempo, dandoci un riferimento per la preproduzione, la produzione e la postproduzione.

DA: Il budget complessivo del nostro progetto per un lungometraggio è stato fissato in 6.000 euro. Una cifra che comprende sia il materiale già in nostro possesso, sia quello che ci è stato poi fornito dagli sponsor tecnici, sia i costi effettivi, che ammontano a circa 3.000 euro. In termini di tempo, la preproduzione ha richiesto 5 mesi, la produzione 17 mesi e la postproduzione altri 17 mesi.

VM: Il tuo lavoro quale futuro avrà? Ci sarà la partecipazione a concorsi e proiezione/distribuzione e a che livello?

DA: E’ nostra intenzione promuovere il film a largo raggio, sfruttando tutte le possibilità che ci vengono offerte o di cui veniamo a conoscenza. Sicuramente, la partecipazione a concorsi e festival dove ci sia spazio per i lungometraggi; inoltre, prevediamo di diffondere il DVD che abbiamo appena ultimato all’interno di canali di volta in volta individuati. Contatti per la diffusione del DVD si concretizzeranno inizialmente a livello locale, in particolare nella città dove il film è stato girato, ma non escludiamo un allargamento dell’area di interesse a un livello geografico più ampio. Siamo anche interessati alla promozione via web, ovviamente, come anche a eventuali contatti per la promozione del film attraverso il circuito sale.

VM: Sei già al lavoro su un nuovo progetto? Di cosa si tratta e quando vedrà la luce?

DA: La AB Film continuerà a produrre film. Attualmenteabbiamo in cantiere la realizzazione di un corto (questa volta una storia sentimentale), di cui è in elaborazione la sceneggiatura e l’intera programmazione del progetto. Per maggio contiamo di iniziare le sessioni di casting e prima dell’estate prevediamo di iniziare le riprese.

VM: Ci puoi dare qualche indiscrezione riguardo i tuoi prossimi impegni?

DA: Attualmente, lavoro permettendo, sto studiando da autodidatta regia cinematografica e pianificazione della produzione, in previsione del prossimo progetto. Poi sono in attesa che Gorge Lucas mi confermi un invito ad una pizzata…

DA: ALLEGO UN CURIOSO E DIVERTENTE DIARIO DI PRODUZIONE (leggere sino in fondo!):

Sabato 5 Aprile 2003 ore 10.00 – Monza, Località Cascinazza – SCENA 3

L’eroina della giornata è senz’altro lei: Roberta Rigamonti, l’attrice che ha interpretato il cadavere della ragazza, vittima del serial killer, ritrovata lungo i margini di un ruscello. Roberta, magistralmente truccata da Graziano Molteni, il truccatore ufficiale di FICTION?, è riuscita a resistere per oltre quattro ore distesa a terra dentro un sacco di plastica nero, con un lenzuolo bianco come coperta e tanta pazienza per sopportare il vento, il freddo derivante dal rimanere a lungo immobili e una quasi paralisi a gambe e braccia.
Questa giornata verrà anche ricordata da tutti noi come una delle più entusiasmanti e meglio organizzate nella storia della produzione di FICTION?
E’ già primavera (il cielo è sereno e fa anche caldo) ma questo non ci impedisce di ricreare l’ambientazione giusta per girare una scena invernale, la numero 3. Dalle 10 in poi ci ritroviamo in località Cascinazza, a Monza, lungo i margini di un tratto ristretto del fiume Lambro. La troupe è formata dal regista Davide Ardizzola, il primo operatore Alessio Cassani, lo sceneggiatore e fotografo di scena Fabio Basilico, il tecnico di produzioneAndrea Balossi. Più tardi ci raggiunge
Per l’occasione inauguriamo ufficialmente la pettorina con la scritta “Servizio d’ordine FICTION? Tutto accadde il nono giorno” (e sito internet annesso), indossata orgogliosamente da Davide, nonché le pettorine con le scritte “Polizia scientifica” e “Polizia”. Dopo aver coordinato la sistemazione del set e pianificato i lavori (questa volta anche con tanto di “dolly” per la telecamera!), il regista Davide dà il via alle riprese. Sono circa le 12. Iniziamo a girare dall’arrivo di Carla Doni (questa volta a bordo della Rover messa a disposizione da Graziano) sul luogo del ritrovamento del cadavere della ragazza. Ad aspettarla ci sono lo psichiatra Mari, il medico legale e i tre poliziotti. I successivi quadri di ripresa riguardano il dialogo tra lo psichiatra Mari e Carla Doni davanti al cadavere. Infine il quadro del poliziotto della scientifica (Roberto Zoso) che porta a Carla Doni un sacchetto contenente un mozzicone di sigaretta con tracce di rossetto rosso. Il mozzicone è stato trovato sulla passerella che dalla strada sterrata porta lungo il margine del ruscello dove è stato abbandonato il cadavere.
Un plauso va a Graziano Molteni, che oltre ad aver preparato un trucco assai realistico con ferite e sangue (non ditelo a nessuno ma era marmellata di mirtilli!!!) che coprono il collo, il volto e il braccio di Roberta Rigamonti, si è sempre dimostrato attento nell’apportare i necessari “ritocchi” per mantenere la validità del trucco durante le lunghe riprese.
Come già ci era successo in altre occasioni di riprese in esterno, anche in questa giornata non mancano sul set i curiosi, questa volta volta davvero molti. Molte delle persone che passano lungo la strada che fiancheggia il ruscello, si fermano a dare un occhiata, a chiedere informazioni, e molto spesso dobbiamo spiegare loro che la persona distesa a terra non è un cadavere “vero” (eh…la magia del cinema…). Verso le 15 arrivano anche due pattuglie della Polizia Municipale, chiamate da non si sa chi ad intervenire su segnalazione della presenza di un cadavere (?!) lungo i margini del ruscello! Inevitabili le risate, incluse quelle dei “veri” poliziotti.
Sono stati inoltre ospiti del set alcuni amici che già altre volte ci sono venuti a trovare e il più piccolo fan di FICTION?, il piccolo Joséf Andrea (il figlio del regista Davide) con la mamma Anna Maria.
Le riprese terminano intorno alle 16.
Il prossimo appuntamento è ancora qui, in località Cascinazza: ci ritroveremo Venerdì 11 Aprile, alle ore 21, per le scene 1 e 2.

CURIOSITA’: (effetti da cadavere):
РUn signore passando e vedendo il cadavere si ̬ fatto il Segno della Croce;
– Una coppia di giovani fidanzati passando, lui a lei voltandole di forza la testa dalla parte opposta del cadavere “non guardare, è meglio!”;
– Un bambino passando, con molta tranquillità e per nulla stupito: “toh guarda, un cadavere!” (deve averne visti davvero molti. Speriamo solo in TV);
– Un signore passando in auto chiede ad Andrea Balossi (che indossava la pettorina “polizia”): “c’è un cadavere?” Risponde Andrea: “no, stiamo facendo un film” – Replica il passante andandosene “ma va a dar via il ciap!”;
– Ore 15, arrivano i Vigili Urbani di Monza (ben due pattuglie!) mentre stiamo ancora girando. Il regista fa finta di nulla e continua, col megafono, a dirigere la troupe. Dalla macchina dei Vigili esce un agente con la radiolina in mano e si sente dire: “centrale, siamo sul posto e confermiamo la presenza di un cadavere. Ah, ma c’è già la Polizia Scientifica… però non vedo la loro macchina!”. A quel punto il regista si è voltato e ha detto all’agente, tranquillizzandolo, che si stava solo girando un film. La potenza del cinema!!

Altre Informazioni:

  • Sceneggiatura: Fabio Basilico
  • Montaggio: Davide Ardizzola
  • Soggetto originale di: Fabio Basilico e Davide Ardizzola
Tag:

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Video