Concetti Base Montaggio Video

Ξ 117 visualizzazioni Ξ I commenti sono disabilitati

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

posted by VMStaff

In collaborazione con TIME LAPSE for BUSINESS di Francesco Degli Innocenti, vi proponiamo il secondo tutorial di un’interessante serie dedicata alla realizzazione di video TimeLapse.

Prima di proseguire la lettura assicurati di aver letto la prima parte.

In questo secondo tutorial ci occuperemo della fase di post-produzione e montaggio del nostro video TimeLapse; i software che utilizzeremo sono Adobe Lightroom, Adobe After Effect e Adobe Premiere Pro.
Per prima cosa sarà necessario occuparci della post-produzione dei singoli file, dovendo gestire una quantità generalmente molto elevata di immagini l’utilizzo di Adobe Lightroom ci sarà davvero molto utile.

Adobe Lightroom

Prima di iniziare l’elaborazione delle immagini, è importante ricordare che l’utilizzo del formato RAW per la cattura delle immagini che comporranno il nostro TimeLapse ci consente di avere maggior qualità e controllo in fase di post-produzione, in alternativa si può comunque lavorare anche in formato JPEG, ma sacrificando un po’ di qualità (si tratta di un formato compresso) e con meno flessibilità, ma con il vantaggio di una minor occupazione di spazio e una maggior semplicità di elaborazione su computer non particolarmente performanti.

Iniziamo importando le nostre immagini (per gli scopi di questo tutorial utilizzeremo immagini in formato RAW) cliccando sul pulsante IMPORTA situato in basso a sinistra, nella schermata LIBRERIA.

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

Si aprirà la finestra di importazione che ci offre tre possibilità:

    • Copia: esegue una copia dei file dalla scheda di memoria alla una cartella nel computer;
    • Sposta: sposta i file in una cartella del computer, che quindi non saranno più disponibili sul supporto sorgente;
    • Aggiungi: Lascia i file sul supporto sorgente, aggiungendoli al catalogo, utile quando i file si trovano già su un hard-drive del nostro computer e in una locazione che normalmente utilizziamo per archiviare le nostre foto.

Personalmente preferisco copiare manualmente i file in una cartella del mio computer, per poi aggiungerli al catalogo di  Adobe Lightroom selezionando appunto la terza opzione.
Nonostante il software Adobe sia basato su un flusso di lavoro “non distruttivo“, quindi senza il rischio di sovrascrivere le immagini con eventuali modifiche, preferisco tuttavia farmi comunque una copia di backup da lasciare al sicuro su un hard-drive esterno o su un’altra cartella del computer.
Una volta importati o aggiunti tutti i file del nostro TimeLapse, possiamo passare a elaborare le immagini per applicare correzioni di base o renderle più gradevoli; apriamo quindi la schermata SVILUPPO dal menu situato in alto a destra.

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

Il pannello SVILUPPO è suddiviso in quattro parti:

    • A sinistra vengono visualizzati dei Preset, modelli per la correzione colore da applicare in modo molto veloce; online si trovano molti siti da cui scaricare gratuitamente o a pagamento preset di qualunque tipo (ad es. https://landscapelegendpresets.com);
    • Al centro viene visualizzata l’immagine che stiamo elaborando con le modifiche apportate, visualizzate in tempo reale;
    • A destra troviamo i vari pannelli con gli strumenti di modifica dell’immagine; tali strumenti sono più o meno gli stessi presenti in Camera Raw di Adobe Photoshop, non entreremo troppo nel merito perché la post-produzione di una fotografia richiederebbe tutorial appositi;
    • In basso, infine, troviamo l’elenco di tutte le immagini presenti nella cartella selezionata.

A questo punto, possiamo procedere con l’elaborazione della nostra immagine, regolando luci, ombre, contrasto e colori a piacimento; il mio consiglio è quello di porre molta attenzione ad alcuni aspetti davvero molto importanti: il primo è sicuramente la prospettiva che potete correggere con i due pannelli CORREZIONE OBIETTIVO e TRASFORMAZIONE.

Il secondo aspetto riguarda il ritaglio dell’immagine, il video TimeLapse finale infatti dovrà avere una risoluzione ben definita, sia che optiate per Full HD o 4K; ritagliate, quindi, l’immagine in base alla risoluzione che dovrà avere il vostro video finale.

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

Il terzo aspetto riguarda invece la regolazione di luci e ombre, la regolazione del contrasto e la gestione dei colori che potrete settare con i vari pannelli presenti nella schermata SVILUPPO.
Quando le modifiche apportate alla prima immagine sono soddisfacenti non resta che “spalmarle” su tutte le altre immagini:

    • Con la prima immagine (quella modificata) ancora selezionata cliccate sull’ultima immagine tenendo premuto il tasto SHIFT in modo da selezionare tutte le immagini che comporranno il vostro TimeLapse;
    • Successivamente cliccate sul pulsante SINCRONIZZA, che trovate in basso a destra nella schermata SVILUPPO: si aprirà una finestra con il riepilogo delle modifiche che verranno incollate su tutte le immagini selezionate, verificate che tutte le voci siano selezionate e cliccate SINCRONIZZA.

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

Una volta che avrete modificato le vostre immagini, potete esportarle selezionandole tutte nella schermata LIBRERIA con il comando CTRL+A o sempre con l’utilizzo del tasto SHIFT, selezionando la prima e l’ultima della serie; successivamente cliccate sul pulsante ESPORTA che trovate in basso a sinistra.
Nella finestra che comparirà potrete impostare alcune importanti opzioni:

    • Impostazioni file: selezionate il formato JPG (meno spazio occupato) o TIFF (maggior qualità, ma maggior spazio occupato) con la massima qualità;
    • Ridimensionamento immagini: impostate le dimensioni che intendete utilizzare per il video finale, ad esempio 1920×1080 per video Full HD, e una risoluzione ottimizzata per il video come 72 pixel per pollice;
    • Nitidezza output: Impostate la nitidezza per lo schermo con il fattore che preferite.

Come realizzare un TimeLapse (Parte 2)

Pagine: 1 2

Condividi Questo Articolo

User Profile

Dalle radici storiche della meravigliosa esperienza di VideoIn (www.videoin.org) nasce VideoMakers.net; un portale completamente nuovo sia nella grafica che nei contenuti, per offrire uno strumento di supporto a tutti gli appassionati videomakers. Lo Staff di VideoMakers.net è composto da Domenico Belardo "Mimmob", Rocco Caprella "Yarin VooDoo", Nunzio Trotta "Nuntro" e Maurizio Roman "Vighi".

User Name: VMStaff

Iscriviti alla nostra Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter

Per iscriverti e restare sempre aggiornato su tutte le nostre novità è sufficiente inserire il tuo indirizzo email qui di seguito. Ti verrà inviata una mail per confermare la tua iscrizione.

Leggi l'informativa privacy

Video Gallery

Error type: "Forbidden". Error message: "Access Not Configured. YouTube Data API has not been used in project 537752813138 before or it is disabled. Enable it by visiting https://console.developers.google.com/apis/api/youtube.googleapis.com/overview?project=537752813138 then retry. If you enabled this API recently, wait a few minutes for the action to propagate to our systems and retry." Domain: "usageLimits". Reason: "accessNotConfigured".

Did you added your own Google API key? Look at the help.

Check in YouTube if the id VideoMakersNet belongs to a username. Check the FAQ of the plugin or send error messages to support.

Errore: Il Feed ha degli errori o non è valido


VideoMakers.net consiglia...
"Adobe After Effects CC - Il corso fondamentale"

Usa il codice promozionale specialeaftercc per applicare lo sconto del 54% sul prezzo del corso.